ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Scabbia

La scabbia è una malattia parassitaria dovuta a un acaro che penetra all'interno della parte più esterna della pelle provocando un forte prurito.

a cura di: Dott. Fabio Arcangeli (dermatologo)

Stiamo per adottare una bambina rumena di quattro anni e mezzo. Ci hanno detto che ha un problema diagnosticato come scabbia. Vorremmo sapere quali sono le cure, i tempi per la guarigione, che precauzioni dobbiamo prendere noi e le persone con cui verrà a contatto. Se non curata per molto tempo, questa malattia può lasciare delle conseguenze o diventare cronica?

La scabbia è una malattia parassitaria dovuta a un acaro, un piccolo parassita che penetra all'interno della parte più esterna della pelle e qui scava delle gallerie dentro le quali si riproduce, provocando un forte prurito, soprattutto alla sera e alla notte. Non si tratta di una malattia grave, poiché non causa danni seri alla salute e neppure lascia tracce di sé.

Comunque, se non è curata in modo specifico non ha alcuna possibilità di guarire. Il trattamento è abbastanza semplice, anche se un po’ laborioso: applicazione di un antiparassitario a base di benzoato di benzile 15% o di permetrina, dal collo ai piedi, tutte le sere per almeno quattro giorni, bagno caldo e cambio degli indumenti e degli effetti del letto tutti i giorni durante il periodo del trattamento (questi dovranno poi essere lavati ad alta temperatura o anche isolati in uno stanzino per 15 giorni). Tutti i componenti della famiglia dovrebbero contemporaneamente seguire lo stesso trattamento. E' preferibile ripetere un ciclo di cura dopo una settimana.

E' naturalmente una malattia contagiosa che si propaga soprattutto nei nuclei familiari e tra le persone che usano lo stesso letto e gli stessi vestiti o che vivono a stretto contatto. Non si trasmette invece per semplici e rapidi contatti né attraverso l'ambiente. L'acaro umano non vive a lungo lontano dall'uomo.

Se la bimba non è ancora stata accolta nella famiglia è consigliabile provvedere quanto prima al suo trattamento, trattare i suoi vestiti (tutti) e mantenersi all'erta per qualche settimana, adottando a scopo precauzionale le misure che ho sopra indicato (evitare contatti troppo stretti e soprattutto non dormire nello stesso letto). A volte il problema può essere noioso ma certamente non si tratta di una cosa grave.

18/2/2000

8/7/2017

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Scabbia"

Un cane in casa
Tenere in casa un cane con un bambino neonato. I consigli del pediatra.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Diabete in gravidanza
In gravidanza vanno distinti due diversi tipi di diabete: quello preesistente e quello gestazionale.
Seno ingrossato nel neonato
È normale che il neonato abbia il seno ingrossato. Si tratta della crisi genitale, un fenomeno ormonale che passerà da solo.
Una febbre ricorrente senza spiegazione
Gli esami sono tutti negativi, ma io sono preoccupato.
Ha quasi un mese, ma non gli è ancora caduto il moncone ombelicale
La caduta del moncone ombelicale: ad un mese di vita, se non fosse già caduto, va reciso chirurgicamente.
Le sono già comparse le smagliature sul seno
Il seno si è riempito di smagliature ancora rosse, posso fare qualcosa di più efficace? I consigli del dermatologo.

Quiz della settimana

Per quanto tempo si può conservare in frigorifero il latte materno, senza perdere nessuna delle sue molteplici proprietà?
meno di 12 ore
non piu di 24 ore
36 ore
oltre le 48 ore