ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Cortisone e rischio di morbillo

Assume cortisone e il fratello ha il morbillo. Pochi giorni di cortisone non bastano a deprimere le difese e quindi non corre un rischio particolare.

a cura di: Dott. Giuseppe Varrasi (pediatra)

Mia figlia di 6 anni soffre di frequenti otiti causate da accumulo di catarro, ha subito un'adenoidectomia qualche anno fa ed è stata in cura con cortisone fino a 3/4 giorni fa. Il fratellino ha contratto il morbillo da circa una settimana e ci aspettiamo che anche lei lo manifesti fra qualche giorno, perciò abbiamo sospeso la cura cortisonica che però era quasi alla fine del suo ciclo di 4/5 giorni. E' il caso di prevenire le complicanze del morbillo, aumentate dalla cura con cortisone, magari disponendone il ricovero in ospedale, o che altro fare ?

Anzitutto, presumo che parlando di cortisone intendiate cortisone per bocca. Se infatti la bambina ha assunto un cortisonico per aerosol potete stare tranquilli: sospendere il trattamento qualche giorno prima è già sufficiente per evitare complicazioni. In qualsiasi caso, in non avrei particolare timore: la bambina non è una immunodepressa (pochi giorni di cortisone, infatti, non bastano a deprimere le difese) e quindi non corre un rischio particolare.

Poi, devo tirarvi le orecchie (a voi e al vostro Pediatra): se la bambina fosse stata vaccinata a 15-18 mesi, come doveva, adesso non sareste lì a preoccuparvi. E comunque, una volta scoperto il morbillo nel fratellino, la sorella poteva essere vaccinata anche adesso: il vaccino è più veloce dell'incubazione della malattia e avrebbe potuto prevenirla.

A questo punto non esiste una prevenzione (nessuno, infatti, usa più le immunoglobuline, da quando sono noti i rischi legati agli emoderivati). Il ricovero in ospedale è quindi assolutamente inutile.

1/5/1997

1/12/2020

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Cortisone e rischio di morbillo"

Beclometasone dipropionato
Il principio farmacologico denominato beclometasone dipropionato appartiene alla classe dei farmaci corticosteroidi topici per uso inalatorio.
Cortisone in spray nasale per le adenoidi
Da una ricerca risulta che dopo un trattamento di circa sei mesi con uno spray a base di cortisone si è ottenuta la riduzione delle adenoidi nei bambini.
Disidrosi
La disidrosi è un disturbo della pelle con prurito, formazione di vescicole e desquamazione alle dita delle mani e dei piedi.
Il cortisone
Il cortisone è il più potente antiinfiammatorio a disposizione per la cura di numerose malattie, tra le quali alcune patologie dell'apparato respiratorio.
Cortisone per aerosol
È pericoloso usare a lungo il cortisone per aerosol? La mia bambina soffre di bronchite asmatica.
Vaccinazione contro il morbillo
Nei bambini più piccoli, può avere delle complicazioni importanti.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Allattamento al seno: poco latte?
Mia moglie che sta allattando al seno la bimba si è accorta di avere poco latte. I consigli del Pediatra.
Artrite reumatoide giovanile
Vari fattori sono ritenuti responsabili dell'artrite reumatoide giovanile, tra i quali ci sono genetici.
La pelle in gravidanza
Durante la gravidanza la pelle di solito diventa più bella e lucente, grazie alla nuova situazione ormonale.
Linfadenite tubercolare
Il termine di linfadenite tubercolare indica l'infiammazione di una o più ghiandole linfatiche (linfonodi).
Mio figlio di due anni dice le parolacce
Fino ai 2 -3 anni i bambini pronunciano tutte le parole attribuendo ad esse la stessa rilevanza. Cosa fare se un bambino dice le parolacce.

Quiz della settimana

Che cosa si intende per sudamina?
Una malattia contagiosa della pelle
Una malattia degenerativa delle ghiandole che producono il sudore
Una malattia genetica che causa un'alterazione della composizione del sudore
Un'irritazione della pelle dovuta ad un'eccessiva produzione di sudore