ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Cortisone e rischio di morbillo

Assume cortisone e il fratello ha il morbillo. Pochi giorni di cortisone non bastano a deprimere le difese e quindi non corre un rischio particolare.

a cura di: Dott. Giuseppe Varrasi (pediatra)

Mia figlia di 6 anni soffre di frequenti otiti causate da accumulo di catarro, ha subito un'adenoidectomia qualche anno fa ed è stata in cura con cortisone fino a 3/4 giorni fa. Il fratellino ha contratto il morbillo da circa una settimana e ci aspettiamo che anche lei lo manifesti fra qualche giorno, perciò abbiamo sospeso la cura cortisonica che però era quasi alla fine del suo ciclo di 4/5 giorni. E' il caso di prevenire le complicanze del morbillo, aumentate dalla cura con cortisone, magari disponendone il ricovero in ospedale, o che altro fare ?

Anzitutto, presumo che parlando di cortisone intendiate cortisone per bocca. Se infatti la bambina ha assunto un cortisonico per aerosol potete stare tranquilli: sospendere il trattamento qualche giorno prima è già sufficiente per evitare complicazioni. In qualsiasi caso, in non avrei particolare timore: la bambina non è una immunodepressa (pochi giorni di cortisone, infatti, non bastano a deprimere le difese) e quindi non corre un rischio particolare.

Poi, devo tirarvi le orecchie (a voi e al vostro Pediatra): se la bambina fosse stata vaccinata a 15-18 mesi, come doveva, adesso non sareste lì a preoccuparvi. E comunque, una volta scoperto il morbillo nel fratellino, la sorella poteva essere vaccinata anche adesso: il vaccino è più veloce dell'incubazione della malattia e avrebbe potuto prevenirla.

A questo punto non esiste una prevenzione (nessuno, infatti, usa più le immunoglobuline, da quando sono noti i rischi legati agli emoderivati). Il ricovero in ospedale è quindi assolutamente inutile.

1/5/1997

1/12/2020

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Cortisone e rischio di morbillo"

Cortisone per la febbre
La cura deve essere proporzionata al disturbo. Per abbassare la febbre, normalmente, il farmaco di prima scelta è il paracetamolo.
Cortisone in spray nasale per le adenoidi
Da una ricerca risulta che dopo un trattamento di circa sei mesi con uno spray a base di cortisone si è ottenuta la riduzione delle adenoidi nei bambini.
Vaccinazione contro il morbillo
Nei bambini più piccoli, può avere delle complicazioni importanti.
Eczema atopico infetto
L'eczema atopico infetto non è una malattia contagiosa. E' una complicazione della dermatite atopica. Le cure e la terapia.
Disidrosi
La disidrosi è un disturbo della pelle con prurito, formazione di vescicole e desquamazione alle dita delle mani e dei piedi.
Le più comuni malattie dell'infanzia
Morbillo, Parotite, Pertosse, Rosolia, Quinta malattia, Scarlattina, Sesta malattia e Varicella.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Certificato di nascita e altri documenti dopo il parto
Appena nato e già alle prese con la burocrazia: certificato di nascita e altri documenti dopo il parto.
Microftalmo: serve un'ecografia per indagare l'occhio
Microftalmo: potrebbe avere un occhio più piccolo.
Stitichezza nel neonato
La stitichezza del neonato non dipende dalla frequenza, quanto piuttosto dallo sforzo ad evacuare, causato dalla eccessiva compattezza delle feci.
È rischioso dormire a pancia in su?
Le raccomandazioni di dormire a pancia in su valgono per il bambino fino ai 6 mesi di età.
Sindrome di Beckwith-Wiedemann
E' stata diagnosticata a mio figlio la sindrome di Beckwith-Wiedemann. Le cause.

Quiz della settimana

Parliamo di "pelle a grattugia". Quali di queste affermazioni è corretta?
È più frequente nei pazienti con predisposizione allergica
Richiede l'applicazione di creme idratanti
Compare più frequentemente sul viso e agli arti
Tutte le risposte sono esatte