ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Saperne di più

per approfondire insieme

Perdite vaginali in gravidanza

Perdite vaginali in gravidanza (leucorrea) sono molto frequenti, soprattutto nel primo trimestre. E' importante una corretta igiene intima.

a cura di: Dott. Guido Vertua (pediatra)

La leucorrea (termine scientifico che indica un aumento di perdite biancastre vaginali) è molto frequente durante tutta la gravidanza, soprattutto nel primo trimestre. Nel corso di tutti i nove mesi della gravidanza, per effetto del maggiore afflusso di sangue ai genitali e della congestione della mucosa vaginale, si verifica la formazione di un fluido lattiginoso bianco, piuttosto denso, inodore, qualche volta talmente abbondante che, in certi casi, viene scambiato per una rottura precoce delle acque.

Una corretta igiene intima, lavandosi tutte le volte che si va in bagno con acqua tiepida e sapone con un pH lievemente acido, può essere sufficiente ad attenuare il disturbo Non occorre fare lavande interne per non rischiare di irritare ulteriormente le mucose genitali e perché, in realtà, questa secrezione non va completamente eliminata, possedendo un particolare grado di acidità che preserva la vagina dalla comparsa di infezioni. Solo se le perdite vaginali si accompagnano a prurito o bruciore, e hanno un cattivo odore, occorrerà rivolgersi al proprio ginecologo perché possono essere il segno di una infezione.

Un leggero sanguinamento della vagina è riscontrabile all'inizio della gravidanza, e rappresenta in genere il segno che lo zigote (la cellula che si è formata dall'unione della cellula uovo con lo spermatozoo) si è impiantato nell'utero. Altre volte la comparsa del sangue nei primi mesi di gestazione avviene in coincidenza con i giorni nei quali avrebbero dovute presentarsi le mestruazioni, come se l'utero avesse "memorizzato" quelle date.

Perdite di sangue possono però osservarsi anche per altri motivi: in seguito a piccoli traumi che provocano lieve lesioni alla vagina (dopo un rapporto sessuale o addirittura dopo una visita ostetrica), o per effetto di una irritazione del collo dell'utero (ad esempio dopo un pap-test) o a causa di un polipo (un tumore benigno) cervicale.

Il sanguinamento vaginale può essere anche un segno di iniziale aborto o di una gravidanza ectopica (si verifica quando l'uovo fecondato non si impianta nell'utero, ma in qualche altra sede, in genere nella tuba del Falloppio, il piccolo condotto che collega l'ovaio alla cavità uterina), e, in questi casi, solitamente si accompagna a dolori addominali o a crampi al basso ventre.

Nel terzo trimestre, infine, una perdita di sangue dalla vagina può essere segno di placenta previa (quando la placenta si posiziona troppo in basso, ostruendo, in parte o completamente, lo sbocco uterino in vagina) o di un parto prematuro. In tutti i casi di sanguinamento vaginale, però, soltanto il ginecologo sarà in grado di diagnosticare con sicurezza il motivo delle perdite.

20/8/2000

15/5/2017

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Perdite vaginali in gravidanza"

Perdite vaginali
Quali possono essere le cause delle perdite vaginali in una bambina di cinque anni? I consigli del pediatra.
Vulvovaginite
L'irritazione vulvovaginale deriva dalla mancanza dei cuscinetti adiposi labiali e dei peli pubici che proteggono i genitali esterni.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Bronchite asmatica
La bronchite asmatica è un'infiammazione dei bronchi procurata o da infezione di carattere virale.
Complesso di Edipo: è morbosamente attaccata al suo papà
Il complesso di Edipo nasce con Freud e identifica il desiderio sessuale nei confronti del genitore di sesso opposto.
Risvegli notturni del neonato
La quantità di sonno, nei primi anni di vita, è in costante evoluzione. Anche se le differenze individuali sono molto ampie.
Frattura del femore
Mio figlio di 4 anni si è fratturato il femore destro. Ora purtroppo deve portare un rialzo.
Gli esami da eseguire in gravidanza
Per monitorare l'andamento della gravidanza sarà necessario fare alcuni esami, alcuni dei quali a carico del Servizio Sanitario Nazionale.

Quiz della settimana

Quando si è punti da una zecca, quale dei seguenti comportamenti occorre seguire?
Rimuovere la zecca con alcool o acetone
Lasciare la zecca in sede per alcune ore facendola intontire con ammoniaca
Rimuovere la zecca prontamente con una pinzetta
Schiacciare subito la zecca nella sede della morsicatura