ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Perdite vaginali

Le cause di perdita vaginale sono nella maggior parte dei casi di origine infettiva, soprattutto batteri e, più raramente, funghi o virus.

a cura di: Dott. Guido Vertua (pediatra)

Ho una bambina di 5 anni che da circa 5 mesi manifesta perdite vaginali cicliche ogni 40 giorni circa. In associazione spesso lamenta mal di pancia forte, che però alle varie visite ha presentato un addome molto trattabile. E' stato eseguito un tampone vaginale con esito negativo. Il pediatra della bambina mi ha spiegato che spesso queste perdite sono associate all'età della scuola materna, dove l'igiene giornaliera risulta più scarsa e le contaminazioni rettali più frequenti. In realtà la cosa non mi convince, visto che mia figlia, al secondo anno di asilo, rispetto all'anno scorso è diventata molto più brava a pulirsi quando va in bagno, ed inoltre non sono mai riuscita ad associare le due cose. E' possibile compiere ulteriori indagini, possibilmente non molto invasive, per poter confermare altre ipotesi? Sono frequenti a questa età casi di perdite premestruali e quali sono le terapie da adottare? Esistono casi di cisti ovariche che possono dare questi problemi in età pediatrica?

E’ una situazione abbastanza comune nella pratica pediatrica visitare bambine che, per periodi più o meno lunghi di tempo, sporcano le mutandine con secrezioni mucose biancastre o giallo verdastre. Se si esclude la leucorrea (che è il termine medico con cui vengono chiamate queste perdite vaginali) fisiologica delle bambine in fase premestruale e che può comparire già un anno prima della comparsa del menarca (cioè della prima mestruazione), le cause di leucorrea sono nella maggior parte dei casi di origine infettiva (soprattutto batteri e, più raramente, funghi o virus). Ciò si spiega con il fatto che fino alla pubertà esiste nelle bambine una particolare sottigliezza della mucosa della vagina, non ancora stimolata dagli ormoni femminili, che non è in grado di costituire una difesa sufficiente nei confronti della colonizzazione da parte dei vari agenti infettivi.

Manca inoltre la protezione data dal muco cervicale e dall’acidità del pH vaginale, caratteristica della donna adulta. A queste condizioni predisponenti si possono sovrapporre pratiche igieniche scarse o scorrette (ricordiamo che l’orifizio anale va pulito con un movimento dall’avanti all’indietro e non viceversa) o eccessive (come l’uso di saponi o detergenti o antisettici che alterano l’integrità della mucosa della vagina); inoltre l’uso di biancheria occlusiva di nylon come calzamaglie o mutandine strette può favorire l’infezione poiché si fornisce ai potenziali patogeni un ambiente umido e il materiale stesso dell’indumento può essere irritante. Anche i parassiti intestinali, come ad esempio gli ossiuri, che frequentemente infettano i bambini, sono in grado di trasportare germi dall’orifizio anale ai genitali, aiutati dall’intenso prurito, soprattutto notturno, che essi provocano. Poiché le infezioni vaginali sono soprattutto da flora batterica mista, cioè non dovute ad un unico germe, e poiché il primo approccio a tali infezioni non consiste nel trattamento antibiotico, ma nell’osservazione di una corretta igiene locale (impiego di biancheria intima di cotone, uso di saponi o detergenti neutri o a pH leggermente acido, corretta pulizia della zona perineale), l’esecuzione di un tampone vaginale viene riservata ai casi in cui la sintomatologia sia più importante. In caso di positività la terapia verrà decisa in base all’antibiogramma. In presenza di perdite vaginali persistenti, resistenti alla terapia o recidivanti, soprattutto con tracce di sangue, deve essere sospettata la presenza di un oggetto estraneo in vagina.

Gli oggetti più comunemente reperiti sono pezzi di carta igienica, ma anche frammenti di stoffa, forcine per capelli, noccioli di frutta, batuffoli di cotone ecc. introdotti in genere durante il gioco. Anche la sabbia penetrata in vagina può comportarsi da corpo estraneo e provocare una vaginite. La diagnosi è realizzabile con una vaginoscopia, nel corso della quale si procede all’estrazione dell’oggetto. Attraverso una vaginoscopia è possibile inoltre escludere la presenza di una neoplasia cervicale o vaginale, che è comunque un evenienza rarissima in età pediatrica. Le cisti ovariche a cui si riferisce la domanda in genere sono asintomatiche oppure, occasionalmente, in caso di torsione dell’ovaio, danno intenso dolore addominale, nausea e vomito: in questo caso richiedono un immediato intervento chirurgico.

1/6/1997

22/10/2014

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Perdite vaginali"

Vulvovaginite
L'irritazione vulvovaginale deriva dalla mancanza dei cuscinetti adiposi labiali e dei peli pubici che proteggono i genitali esterni.
Perdite vaginali in gravidanza
Un aumento delle secrezioni vaginali è abbastanza comune durante la gravidanza. Probabilmente si tratta di normale leucorrea.
Perdite vaginali in età pediatrica
Le perdite vaginali in età pediatrica sono attribuibili a flogosi, di varia entità, a carico della vulva e della vagina.
Perdite vaginali in gravidanza
Perdite vaginali in gravidanza (leucorrea) sono molto frequenti, soprattutto nel primo trimestre.
Candida
La Candida albicans è un fungo che si trova normalmente sulla pelle ma che può dare problemi.
Arrossamenti ai genitali nelle bambine
L'irritazione vulvovaginale rappresenta il problema ginecologico più comune dell'infanzia e dell'adolescenza.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Cortisone per la febbre
La cura deve essere proporzionata al disturbo. Per abbassare la febbre, normalmente, il farmaco di prima scelta è il paracetamolo.
Rifiuta il biberon
Rifiutare il biberon è un comportamento frequente. La tettarella ha spesso un gusto di cloro.
Succhia il dito
Succhia il dito e non ha nessuna voglia di smettere. Il consiglio è di aspettare, lavorando sui premi piuttosto che sulle punizioni.
Acetone
Acetone o chetosi: una situazione molto frequente in età pediatrica ed è dovuta ad un disturbo momentaneo del metabolismo del bambino.
Depressione post-partum
La depressione post-partum o depressione post-natale è un disturbo dell'umore che colpisce molte donne nel periodo immediatamente successivo al parto.

Quiz della settimana

I lattanti che assumono latte materno hanno un minor rischio di contrarre:
Otiti
Gastroenteriti
Polmoniti
Tutte le risposte sono esatte