ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Perdite vaginali in età pediatrica

Le perdite vaginali sono frequenti in età pediatrica e derivano dalla particolare anatomia dell'area genitale e dal ph vaginale che determinano una maggiore suscettibilità ad infezioni.

a cura di: Dott. Sergio Manieri (pediatria)

Mia figlia ha quasi sei anni e già è capitato altre volte di avere perdite vaginali verdi. Il pediatra non sa che dirmi: vorrebbe prescrivermi una visita da un ginecologo che tratta anche i bambini. Voi che ne pensate? Cosa potrebbero essere queste perdite? E cosa mi consigliate di fare?

Occorre premettere che esistono perdite vaginali fisiologiche in alcune epoche dell'età pediatrica: nelle neonate si verificano perdite grigio-biancastre derivanti da una stimolazione ormonale sull'epitelio della mucosa genitale e una leucorrea fisiologica si verifica diversi mesi prima della comparsa delle mestruazione. Ma, al di fuori di queste condizioni, le perdite vaginali in età pediatrica sono attribuibili a flogosi, di varia entità, a carico della vulva e della vagina. Nelle bambine piccole, non ancora in grado di parlare, i primi segni sono l'irritabilità, il grattamento dell'area perineale ed il dolore in concomitanza all'evacuazione o alla minzione. Generalmente, le perdite si accompagnano ad una sintomatologia che include fastidio a carico del perineo e della vulva descritto, a seconda dei casi, come prurito, bruciore, dolore.

Può verificarsi, inoltre, disuria (N.d.R.: emissione difficoltosa e irregolare dell'urina) o pollachiuria (N.d.R.: necessità di urinare frequentemente). Tutti sintomi, insomma, che una bimba di sei anni è in grado di riferire. Le perdite vaginali, quale espressione di irritazione vulvo-vaginale, sono frequenti in età pediatrica e derivano dalla particolare anatomia dell'area genitale e dal ph vaginale che determinano una maggiore suscettibilità ad infezioni. Infatti, le vulvovaginiti ricorrenti si interrompono in vicinanza della pubertà quando si verificano sostanziali modifiche anatomiche (effetto protettivo dei cuscinetti adiposi labiali e dei peli pubici) ed il ph vaginale diventa più acido, proteggendo meglio dalle infezioni locali.
Sebbene alcuni agenti patogeni possono causare un tipo specifico di perdite vaginali, la causa raramente è individuabile dal tipo di secrezione.
Nella fase acuta dell'infezione, le perdite sono spesso acquose e profuse, mentre tendono a diventare più scarse e concentrate durante la fase cronica.

Oltre a queste vulvo-vaginiti specifiche, causate cioè da germi che specificamente colonizzano i genitali (Gardnerella vaginalis, Candida, Clamidya ecc.) esistono forme cosiddette aspecifiche che si verificano spesso in bimbe con igiene perineale non corretta e che si accompagnano a secrezione marrone o verde (spesso maleodorante). Generalmente vestiti, prodotti chimici, cosmetici e saponi detergenti impiegati per la toilette e l'igiene possono provocare irritazioni che conducono a vulvovaginiti aspecifiche; anche capi di vestiario attillati, calzamaglie ed indumenti intimi stretti, come mutandine elastiche e pannolini rivestiti di materiale plastico, possono essere fattori scatenanti. In questi casi si tratta di infezioni miste da parte di germi di origine intestinale, secondari a contaminazione fecale, oppure da germi trasmessi attraverso le mani dal rinofaringe. La vulvovaginite non specifica può dar luogo, in alcuni casi, ad uno stato di infezione cronica. Una perdita vaginale particolarmente maleodorante suggerisce la presenza di un corpo estraneo (in genere "pezzetti" di carta igienica).

Tra le cause di irritazione vulvovaginale vi sono anche quelle non infettive: dermatite atopica, dermatite da contatto, psoriasi, che bisogna pur considerare. In conclusione, esistono rimedi efficaci per le diverse cause di perdite vaginali, ma innanzitutto occorre adottare una serie di provvedimenti comportamentali che includono suggerimenti sulla corretta modalità di igiene perineale, sull'uso di saponi neutri (asciugando bene la vulva), indicazioni sulla modalità di pulizia dopo la defecazione evitando di contaminare l'area vaginale, raccomandazioni a non indossare abiti eccessivamente stretti. Certamente, la visita ginecologica (anche con tampone vaginale), sicuramente non necessaria in prima battuta, va presa in considerazione in presenza di quelle irritazioni vulvo-vaginali persistenti (nonostante i provvedimenti comportamentali adottati), per le quali occorre una precisa diagnosi e che possono richiedere anche terapia con antibiotici sistemici.

3/2/2004

3/12/2016

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Perdite vaginali in età pediatrica"

Candida
La Candida albicans è un fungo che si trova normalmente sulla pelle ma che può dare problemi.
Arrossamenti ai genitali nelle bambine
L'irritazione vulvovaginale rappresenta il problema ginecologico più comune dell'infanzia e dell'adolescenza.
Vulvovaginite
L'irritazione vulvovaginale deriva dalla mancanza dei cuscinetti adiposi labiali e dei peli pubici che proteggono i genitali esterni.
Perdite vaginali
Quali possono essere le cause delle perdite vaginali in una bambina di cinque anni? I consigli del pediatra.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Craniostenosi
Con il termine di craniostenosi si intende una malformazione del cranio dovuta ad un’alterazione dell'ossificazione.
I disturbi del sonno
I disturbi del sonno: quando il bambino ha paura di addormentarsi da solo.
Sottopeso
Mia figlia di 15 mesi mangia regolarmente, è una bambina molto attiva, ma è sottopeso. La pediatra dice che l'importante che stia bene.
Giorni fertili: in quali giorni del ciclo mestruale è più probabile rimanere incinta?
In quali giorni fertili del ciclo mestruale è più probabile rimanere incinta. Come calcolare la data dell'ovulazione.
Lo svezzamento dopo il sesto mese
Dal sesto mese di vita compiuto si può iniziare lo svezzamento, cioè l'integrazione di cibi solidi e semisolidi.

Quiz della settimana

Quale fra le seguenti affermazioni sulle caratteristiche del latte materno è più corretta?
Il latte materno ha caratteristiche nutritive che variano durante le varie ore della giornata
Il latte materno normalmente non ha necessità di essere analizzato in laboratorio
Il latte materno ha una composizione che varia durante la poppata
Tutte le precedenti risposte sono esatte