ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Saperne di più

per approfondire insieme

Bruciore di stomaco in gravidanza

A partire dal 4° mese è possibile che la mamma in gravidanza soffra di bruciori di stomaco e di rigurgiti acidi dopo i pasti.

a cura di: Dott. Guido Vertua (pediatra)

A partire dall'inizio del 4° mese di gestazione è possibile che la mamma soffra di bruciori di stomaco e di rigurgiti acidi dopo i pasti. All'inizio il responsabile del disturbo è un ormone prodotto dalla placenta, il progesterone, che serve a rilassare la muscolatura dell'utero.

Questo ormone, però, rilassa anche il cardias, la valvola che mette in comunicazione l'esofago con lo stomaco: la valvola, per effetto dell'ormone, non tiene più bene come prima e consente la risalita di succo gastrico. Questo, a contatto con la delicata mucosa esofagea, provoca la sensazione di bruciore (proprio come una scottatura) in mezzo al petto.

Il progesterone, inoltre, rallenta lo svuotamento gastrico rendendo la digestione più lenta. Con il passare delle settimane accade anche che l'utero, a mano a mano che aumenta di lunghezza e di volume, sposta verso l'alto lo stomaco: il cardias viene a sua volta spinto in alto e compresso, favorendo anche in questo modo la risalita dei succhi gastrici in esofago.

Esistono alcuni rimedi per ridurre questo disturbo. E' utile, ad esempio, mangiare poco e spesso: piccoli pasti stimolano una minore produzione di succhi gastrici. E' opportuno inoltre evitare cibi che peggiorano il problema come il cioccolato, il caffè, il the, gli alcolici, le bevande gassate, i cibi piccanti e quelli molto acidi. Occorre inoltre masticare a lungo gli alimenti ed evitare di coricarsi subito dopo il pasto, provando a prendere l'abitudine di fare una breve passeggiata dopo pranzo e dopo cena.

Quando ci si corica è sempre meglio tenere sotto la testa due o tre cuscini, ed è opportuno cercare di sedersi sempre in una posizione che impedisca alla parte più alta dell'utero di comprimere lo stomaco. Solo quando il bruciore è intollerabile è possibile assumere, ma solo dopo aver consultato il ginecologo, un antiacido dopo ogni pasto.

20/8/2000

13/4/2016

I commenti dei lettori

caro collega, e se non fosse cosi come tu scrivi ma fosse xchè le pazienti sono di gruppo sanguineo 0 che si sa sono dei forti produttori di succhi gastrici e basta dire loro di evitare quei cibi che nel gruppo 0 aumentano la secrezione di acido cloridrico forse migliorerebbero le loro condizioni? Provare x credere.

cesi (MI) 11/04/2013

Ciao sono al 5 mese e l'acidità di stomaco è 24 ore su24 e s sono del gruppo b

valerossitre 22/04/2013

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Bruciore di stomaco in gravidanza"

Bruciore di stomaco in gravidanza
Avvertire sensazione di bruciore di stomaco dopo aver mangiato è normale per molte donne in gravidanza.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

A tre anni non riesce ancora a strutturare le frasi
La variabilità dei tempi e modi dello sviluppo del linguaggio è notevole ma, in presenza di alcuni "segnali" significativi, vanno valutati alcuni aspetti.
Accertamenti a tappeto e screening
In Pediatria è corretto eseguire accertamenti (del sangue, strumentali o visite) solo quando esiste un sospetto diagnostico.
Problemi di inserimento in prima media
E' in crisi, continua a piangere per l'enorme cambiamento che le medie comportano.
Intervallo di tempo fra la somministrazione di vaccini diversi
Ci sono intervalli di tempo da rispettare tra un vaccino e l'altro?
La donna dopo il parto
Il brusco cambiamento avvenuto dopo il parto porta l'organismo ad una serie di complesse modificazioni.

Quiz della settimana

I lattanti che assumono latte materno hanno un minor rischio di contrarre:
Otiti
Gastroenteriti
Polmoniti
Tutte le risposte sono esatte