ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

L'esperto risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

Pericolo toxoplasmosi in gravidanza

Quanto più è avanzata la gravidanza, tanto più facile è la trasmissione della malattia al feto.

a cura di: Dott. Guido Vertua (pediatra)

Avrei una questione da porvi sulla Toxoplasmosi. Ho già letto le altre risposte, ma nessuna risponde al mio dubbio: fino a quando è dannosa? Ho sentito pareri contrastanti; c’è chi dice che è pericolosa nei primi tre mesi di gravidanza, chi fino al parto, e chi fino allo svezzamento. Chi ha ragione? E quali problemi comporta la malattia in queste varie fasi?

Toxoplasmosi in gravidanzaDurante la gravidanza la frequenza media di trasmissione del Toxoplasma Gondii (l’agente patogeno della toxoplasmosi) al feto è di circa il 15% nel primo trimestre, del 30% nel secondo e del 60% nel terzo fino ad arrivare ad oltre il 90% in prossimità del parto. In altre parole quanto più è avanzata la gravidanza, tanto più facile è la trasmissione della malattia al feto; ma quanto è più precoce il passaggio del parassita attraverso la placenta, tanto più severo è il quadro clinico.

Quando il contagio si verifica nel primo trimestre di gestazione, esso può infatti determinare l’aborto, la morte in epoca neonatale o provocare gravi manifestazioni alla nascita come lesioni neurologiche (anomalie del cranio, convulsioni, calcificazioni intracraniche), lesioni oculari (infiammazione della retina e di altre strutture dell’occhio, strabismo, cataratta, atrofia del nervo ottico ecc.), ingrossamento del fegato e della milza, anemia, ittero, polmonite, febbre, manifestazioni cutanee, diminuzione del numero delle piastrine.

Se invece l’infezione fetale si verifica nei periodi successivi della gravidanza, al momento della nascita il neonato presenta, nella maggior parte dei casi, una forma modesta o sub-clinica. In questi ultimi bambini tuttavia le conseguenze dell’infezione possono rendersi evidenti dopo diversi anni dalla nascita e si manifestano con ritardo mentale, difficoltà di apprendimento, disturbi visivi o cecità.

La toxoplasmosi acquisita dopo la nascita è invece, nella maggior parte dei casi, asintomatica. Quando compaiono sintomi, essi sono aspecifici e comprendono malessere generale, febbre, dolori muscolari, dolore alla deglutizione, manifestazioni cutanee, ingrossamento del fegato e della milza e, soprattutto, ingrossamento dei linfonodi, in particolare quelli cervicali. In questi casi il decorso clinico è comunque quasi sempre benigno e la malattia guarisce in genere spontaneamente.

1/2/1998

9/2/2016

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Pericolo toxoplasmosi in gravidanza"

Toxoplasmosi in gravidanza: sintomi e cure
La toxoplasmosi in gravidanza può manifestarsi senza sintomi. Le cure servono a ridurre il pericolo di infezione per il fato e il neonato.
Sintomi di Toxoplasmosi
Cosa succede se si viene contagiati dal Toxoplasma? I sintomi spesso partono da un ingrossamento dei linfonodi.
Toxoplasmosi in gravidanza: gatto o cane in casa
La toxoplasmosi può essere presa dal gatto o dal cane? I consigli da seguire durante la gravidanza e la prevenzione da seguire nell'alimentazione.
Toxoplasmosi in gravidanza
Le precauzioni da prendere per evitare la toxoplasmosi in gravidanza. Cosa è necessario evitare di mangiare. I sintomi sono spesso di scarsa rilevanza.
Toxoplasmosi in gravidanza, alimentazione e cibi
I consigli del ginecologo su alimentazione, cibi e norme igieniche da seguire per evitare il contagio della toxoplasmosi in gravidanza.
Quali malattie può portare un gatto?
Gatto e malattie: posso comprare un gatto? Ho una bambina piccola, ma ho paura delle malattie che il gatto le possa trasmettere.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Fatica a piegare il ginocchio: menisco discoide
Il menisco discoide è un'affezione congenita che consiste in una alterata forma e dimensione a carico di un menisco.
Perdite vaginali in età pediatrica
Le perdite vaginali in età pediatrica sono attribuibili a flogosi, di varia entità, a carico della vulva e della vagina.
Vomito ciclico
Il vomito ciclico consiste in episodi ricorrenti di vomito violento in assenza di causa organica apparente, spesso con una storia familiare di emicrania.
Da che fattori dipende la statura di un bambino?
La statura definitiva di un adulto dipende sia da fattori genetici che ambientali.
Integrazione del latte materno dopo il 6° mese
Dopo il 6° mese è opportuno provare ad integrare il latte materno introducendo alimenti diversi dal latte.

Quiz della settimana

Quale è la causa più frequente di diarrea in età pediatrica?
Un virus
La salmonella
Un parassita intestinale
Un'intossicazione alimentare