ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Saperne di più

per approfondire insieme

Toxoplasmosi in gravidanza

La toxoplasmosi è una patologia di scarso rilievo nell'adulto sano ma, se contratta in gravidanza, può essere trasmessa al feto. Le precauzioni da prendere quando si è in gravidanza.

a cura di: Dott.ssa Donatella Bresciani (ginecologa), Prof. Silvano Zaglio (specialista in ostetricia e ginecologia - andrologia)

L'infezione, che si manifesta con un ingrossamento dei linfonodi e sintomi di tipo influenzale, è patologia di scarso rilievo nell'adulto sano; se contratta in gravidanza, può essere trasmessa al feto.

E' quindi opportuno che la donna accerti se nel proprio organismo esistano "difese" contro la toxoplasmosi, cioè anticorpi in grado di neutralizzare l'agente infettivo. Se i test dimostrano che ne è priva, dovrà adottare scrupolose norme igieniche e dietetiche per ridurre al minimo il rischio del contagio.

Bisogna infatti sapere che il veicolo di trasmissione della malattia sono i gatti. Eliminando il toxoplasma attraverso le feci, contaminano erbe e verdure; di conseguenza, contagiano (pur in forma indiretta) gli animali che di tali erbe e di tali verdure si cibano e che, una volta guariti, presentano nelle loro carni cisti microscopiche contenenti toxoplasmi.

La donna, pertanto, si può infettare venendo a contatto o con i gatti o con i terreni contaminati dalle loro feci, oppure consumando verdure non perfettamente lavate o, infine, alimentandosi con carni infette.

La donna deve prendere queste precauzioni appena decide di cercare la gravidanza; una volta che sia iniziata, effettuerà esami regolari per tenere sotto controllo la situazione anticorpale, in modo da intervenire subito con un farmaco qualora compaia un segno di infezione.

Nel caso in cui, invece, risulti immune, non dovrà ricorrere a contromisure particolari.

23/11/2009

18/6/2017

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Toxoplasmosi in gravidanza"

Toxoplasmosi in gravidanza: gatto o cane in casa
La toxoplasmosi può essere presa dal gatto o dal cane? I consigli da seguire durante la gravidanza e la prevenzione da seguire nell'alimentazione.
Toxoplasmosi in gravidanza, alimentazione e cibi
I consigli del ginecologo su alimentazione, cibi e norme igieniche da seguire per evitare il contagio della toxoplasmosi in gravidanza.
Toxoplasmosi in gravidanza: le cure
Le cure antibiotiche per la toxoplasmosi in gravidanza servono ad evitare complicazioni per il feto e il neonato.
Pericolo toxoplasmosi in gravidanza
Quanto più è avanzata la gravidanza, tanto più facile è la trasmissione della malattia al feto.
Effetti della toxoplasmosi in gravidanza
La toxoplasmosi in gravidanza può avere effetti anche gravi sul bambino e comporta il pericolo di complicazioni sul feto.
Toxoplasmosi in gravidanza: sintomi e cure
La toxoplasmosi in gravidanza può manifestarsi senza sintomi. Le cure servono a ridurre il pericolo di infezione per il fato e il neonato.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

La donna dopo il parto
Il brusco cambiamento avvenuto dopo il parto porta l'organismo ad una serie di complesse modificazioni.
La pelle del neonato
La pelle del neonato è soggetta ad arrossamenti ed irritazioni a causa dell'estrema fragilità cutanea e del contatto prolungato con fattori irritanti.
Non riesce a respirare dal naso
Ha tolto le adenoidi, ma non riesce a repirare dal naso.
Controllo della vista di un bambino piccolo
Entrambi i genitori sono miopi. Quale struttura scegliere per un bambino di nove mesi? I consigli dell'oculista.
La cameretta del neonato
Come arredare la cameretta del neonato tenendo conto di quelle che saranno le sue esigenze future.

Quiz della settimana

Per quanto tempo si può conservare in frigorifero il latte materno, senza perdere nessuna delle sue molteplici proprietà?
meno di 12 ore
non piu di 24 ore
36 ore
oltre le 48 ore