ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

L'esperto risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

La toxoplasmosi in gravidanza: il gatto o il cane in casa danno problemi? Che prevenzione attuare?

La toxoplasmosi è una malattia banale, ma diventa molto seria in gravidanza. Il gatto o il cane possono essere veicoli di contagio, ma anche i cibi. La prevenzione da seguire.

a cura di: Dott. Guido Vertua (pediatra)

La toxoplasmosi è una malattia causata da un parassita chiamato Toxoplasma Gondii, che è diffuso in tutto il mondo e che infetta numerose specie di animali a sangue caldo.

In particolare è il gatto che, eliminando il parassita con le feci, contamina il terreno e altre specie animali quali il vitello, il maiale, la pecora. L'uomo si infetta consumando carni poco cotte o crude, o ingerendo verdura o frutta non lavata. La toxoplasmosi è solitamente una malattia che può passare inosservata (asintomatica) o che manifestarsi con scarsi sintomi quali febbre, malessere generale, ingrossamento dei linfonodi del collo, dolori muscolari e mal di gola.

Di regola, guarisce spontaneamente. La toxoplasmosi può invece diventare pericolosa nel caso si trasmetta al feto: in tale circostanza la malattia si esprime con aspetti molteplici.

Le forme gravi di toxoplasmosi congenita sono rare e danno interessamento neurologico (anomalie del cranio, convulsioni, calcificazioni intracraniche), oculare (infiammazione della retina e di altre strutture dell'occhio, strabismo, cataratta, atrofia del nervo ottico ecc.), ingrossamento del fegato e della milza, anemia, ittero, polmonite, febbre, manifestazioni cutanee, diminuzione del numero delle piastrine, aborto spontaneo, parto prematuro.

La maggior parte delle forme contratte in gravidanza è invece asintomatica o poco sintomatica, ma le conseguenze dell'infezione possono rendersi evidenti dopo diversi anni dalla nascita e si manifestano con ritardo mentale, difficoltà di apprendimento, disturbi visivi o cecità.

La probabilità che il feto contragga l'infezione aumentano con il procedere della gravidanza: si passa dal 15% di possibilità nel primo trimestre, al 30% nel secondo, al 60% negli ultimi tre mesi fino ad arrivare ad oltre il 90% in prossimità del parto. Al contrario, gli eventuali danni al feto sono più gravi se il contagio si verifica nei primi mesi di gestazione.

La prevenzione dell'infezione congenita da Toxoplasma consiste nel tenere controllato il titolo anticorpale durante tutta la gravidanza, ogni 2-3 mesi, (ovviamente nelle gestanti che risultano sieronegative all'inizio della gestazione, perché quelle che hanno già avuto la malattia in passato non hanno alcuna possibilità di contrarla nuovamente in gravidanza) e nel rispettare alcune restrizioni dietetiche ed abitudinarie quali l'esclusione della carne cruda o poco cotta e degli insaccati, il lavaggio molto accurato della frutta e della verdura, l'uso di guanti per il giardinaggio, l'evitare il contatto con le feci dei gatti.

Da ricordare inoltre che le larve del Toxoplasma Gondii non resistono alle alte temperature per cui cucinare i cibi nel forno a microonde garantisce la loro morte. La diagnosi deve essere rapida e la terapia instaurata precocemente, nonostante alcuni studi dimostrino che, anche in caso di un trattamento materno tempestivo, la trasmissione del Toxoplasma per via placentare e la conseguente infezione del feto avverrebbero lo stesso in una certa percentuale dei casi.

I bambini asintomatici ma con un'evidenza sierologica di infezione contratta in gravidanza vanno controllati anche dopo il primo anno di vita con una visita oculistica e neurologica annuale per almeno una decina di anni.

20/8/2000

13/8/2016

I commenti dei lettori

L'articolo è molto interessante, ma ho un dubbio: a questo punto sulla saliva dei gatti, i quali puliscono le loro parti intime con la lingua, può trasmettersi la toxoplasmosi? Sono in stato interessante, alla ventitreesima settimana e oggi ho avuto un morsico da un gatto (è uscito un pò di sangue dal dito) raffredato a cui volevo somministrare la pillola per il raffreddore. Il gatto è di mio suocero ma non è stato ancora vaccinato e si può definire randagio. Non c'è alcun problema di toxoplasmosi,vero? ovviamente sono tornata a casa lavandomi accuratamente le mani.

katia (TA) 07/11/2010

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "La toxoplasmosi in gravidanza: il gatto o il cane in casa danno problemi? Che prevenzione attuare?"

Toxoplasmosi in gravidanza, alimentazione e cibi
I consigli del ginecologo su alimentazione, cibi e norme igieniche da seguire per evitare il contagio della toxoplasmosi in gravidanza.
Quali malattie può portare un gatto?
Gatto e malattie: posso comprare un gatto? Ho una bambina piccola, ma ho paura delle malattie che il gatto le possa trasmettere.
Sintomi di Toxoplasmosi
Cosa succede se si viene contagiati dal Toxoplasma? I sintomi spesso partono da un ingrossamento dei linfonodi.
Toxoplasmosi in gravidanza: le cure
Le cure antibiotiche per la toxoplasmosi in gravidanza servono ad evitare complicazioni per il feto e il neonato.
Toxoplasmosi in gravidanza
Le precauzioni da prendere per evitare la toxoplasmosi in gravidanza. Cosa è necessario evitare di mangiare. I sintomi sono spesso di scarsa rilevanza.
Pericolo toxoplasmosi in gravidanza
Quanto più è avanzata la gravidanza, tanto più facile è la trasmissione della malattia al feto.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Giocare a calcio a sei anni
Ci hanno sconsigliato di far giocare a calcio nostro figlio di 6 anni a causa della facilità con cui possono formarsi dei microtraumi alle ossa.
Nonni o baby-sitter?
Quando riprenderò il lavoro, sarà meglio affidare il mio bambino ai nonni o alla baby-sitter? Il consiglio della psicologa.
Omogeneizzati o liofilizzati?
Omogeneizzati e liofilizzati hanno le stesse caratteristiche nutrizionali. Nelle prime fasi dello svezzamento vengono spesso preferiti i liofilizzati.
Campagna nazionale di educazione nutrizionale
Mangiar bene conviene per investire in salute.
Certificato di nascita e altri documenti dopo il parto
Appena nato e già alle prese con la burocrazia: certificato di nascita e altri documenti dopo il parto.

Quiz della settimana

I lattanti che assumono latte materno hanno un minor rischio di contrarre:
Otiti
Gastroenteriti
Polmoniti
Tutte le risposte sono esatte