ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Ragadi anali

La stipsi determina emissioni di feci dure, secche, di grosse dimensioni che provocano delle piccole ragadi anali. La guarigione delle ragadi passa per la "guarigione" della stipsi.

a cura di: Dott. Alfio Di Benedetto (chirurgo)

La mia bambina ha due anni e quattro mesi e le sono state diagnosticate due ragadi anali dalla nostra pediatra di base. Non ha problemi di stipsi e conduce una vita regolare tra il nido e la famiglia con alimentazione varia e con buon appetito. Abbiamo notato tracce di sangue nelle feci dopo una "seduta" dolorosa, e un arrossamento nella zona anale esterna. Chiedo se, oltre alla crema a base di cortisone ed antibiotico consigliatami e a prodotti naturali che aiutano a mantenere le feci morbide, può assumere o utilizzare altri farmaci per una guarigione veloce? Quando e perché cronicizzano le ragadi? È vero che dobbiamo prepararci a tempi lunghi per la guarigione? Sono possibili dopo delle recidive? Perché vengono le ragadi? Sembra una banalità ma vedere soffrire una bimba così piccola ogni volta che fa la "cacca" non vorrei che lo trasformasse in un piccolo incubo.

Le ragadi anali rappresentano un sintomo assai frequente in età pediatrica. Il più delle volte fanno parte del corollario sintomatologico della stipsi ostinata. La stipsi determina emissioni di feci dure, secche, di grosse dimensioni che provocano delle piccole "ferite" sul margine anale durante l'evacuazione. Una volta formate contribuiscono in modo determinante al persistere della stipsi perché si instaura un circolo vizioso "stipsi - feci dure - ragade - dolore - rifiuto di evacuare" e quindi si ritorna alla stipsi.

La guarigione delle ragadi passa per la "guarigione" della stipsi. È del tutto inutile cercare di risolvere il problema delle ragadi se non si risolve il problema della stipsi. A differenza dell'adulto, in età pediatrica, le ragadi quasi mai tendono a cronicizzare. Anche in assenza di una stipsi abituale, episodi occasionali di stipsi possono determinare la formazione di ragadi. La terapia deve tendere a: modificare il contenuto e l'aspetto delle feci, per cui è necessario assumere degli emollienti delle feci (e non dei lassativi) di tipo naturale quale sciroppi a base di prugne o di fichi e manna; rompere il circolo vizioso sull'aspetto del dolore applicando localmente pomate a base di cortisonici, anestetici locali ed antibiotici (ne esistono in commercio); fare evacuare in modo regolare con l'aiuto di clisteri. I tempi di guarigioni sono variabili e possono essere anche lunghi (vedi diversi mesi) ed è possibile avere delle recidive ogni qualvolta si creano le condizioni favorevoli, ma anche le recidive guariscono. Rarissimamente le ragadi anali possono essere la manifestazione di patologie flogistiche (anche gravi) dell'intestino. In questi casi esistono altri sintomi (ritardo di crescita, febbre, dolori addominali, quadri intestinali acuti ecc.).

14/6/2000

12/1/2016

I commenti dei lettori

Salve sono maria la mia bambina di appena 3 anni da un bel po' sta defacando feci con sangue rosso vivi et dopo la defecazione si vede anche traccia di sangue nella carta igienica. il suo pediatra mi ha consigliato di evitare cibi tale: riso, patate, carotta, mela, banana, formaggi stagionati, ciocolata, thé al limone. ma ciò che non riesco a capire è che almeno con la mela cotta la bimba riusciva comunque ad evacuare adesso anche quella devo sospendere? secondo voi come posso aiutare la bimba a risolvere il pb della stipsi e del sanguinamento rettale?

 

 

maria (PD) 30/11/2011

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Ragadi anali"

Sangue nelle feci
Nel segnalare la presenza di sangue nelle feci occorre sempre descrivere se il sangue è di colore rosso vivo, se è mischiato alle feci o contiene muco.
Allattamento al seno: ragadi del capezzolo
Allattare al seno può essere doloroso: dipende da quanto profonde sono le ragadi del capezzolo.
Sanguinamento rettale
Le cause di sanguinamento rettale con sangue rosso vivo in un lattante possono essere diverse.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Frattura del femore
Mio figlio di 4 anni si è fratturato il femore destro. Ora purtroppo deve portare un rialzo.
Gli esami da eseguire in gravidanza
Per monitorare l'andamento della gravidanza sarà necessario fare alcuni esami, alcuni dei quali a carico del Servizio Sanitario Nazionale.
L'igiene del neonato
L'igiene del neonato comincia subito dopo la nascita in sala parto, con sola acqua e senza detergenti. I consigli per l'igiene a casa.
Allattamento al seno e risvegli notturni: vuole ancora il latte della mamma di notte
A otto mesi si sveglia e prende ancora il latte dalla mamma. Come comportarsi per risolvere il problema.
Anemia
Le cause possono essere congenite, trasmesse cioè con meccanismo ereditario, o acquisite durante il corso della vita.

Quiz della settimana

Quando si è punti da una zecca, quale dei seguenti comportamenti occorre seguire?
Rimuovere la zecca con alcool o acetone
Lasciare la zecca in sede per alcune ore facendola intontire con ammoniaca
Rimuovere la zecca prontamente con una pinzetta
Schiacciare subito la zecca nella sede della morsicatura