ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Sangue nelle feci

Nel segnalare la presenza di sangue nelle feci occorre sempre descrivere se il sangue è di colore rosso vivo, se è mischiato alle feci o contiene muco.

Sono padre di un bimbo di due mesi alimentato artificialmente, il quale ha un problema di sangue nelle feci. A seguito di "brufoletti" sulle guance, sulla nuca e soprattutto sul collo, la Pediatra ha prescritto l'analisi delle feci, da cui è risultata la presenza di sangue occulto. Cambiato il latte, i "brufoletti" erano spariti, ma il bimbo mi sembrava un poco più stitico (un giorno aveva evacuato solo due "palline" molto dure striate di sangue ed il giorno dopo una evacuazione con presente del sangue). La Pediatra ci ha suggerito di fare delle analisi del sangue in ospedale per vedere se il bambino é allergico al latte vaccino. Gli esiti devono ancora arrivare. Nel frattempo, dopo 4-5 giorni di scariche normali, il sangue si é ripresentato senza che il bambino evacuasse in un modo anormale. È normale tutto ciò, oppure devo iniziare a preoccuparmi? Ed inoltre, non sarebbe meglio passare al latte di soia?

Nel segnalare la presenza di sangue nelle feci occorre sempre descrivere come questo si presenta: la differenza è infatti notevole. Se il sangue è di colore rosso vivo e vernicia esternamente le feci (che appaiono ben formate o magari dure), il primo sospetto va verso un sanguinamento dell'ultima parte dell'intestino: un tagliettino della mucosa anale ("ragade") o una abrasione a livello emorroidario, entrambi legati alla stipsi; oppure, un polipo intestinale (raro a questa età, però). Se invece il sangue è mischiato alle feci o contiene muco (e qui spesso le feci sono molli, se non liquide), ci si orienta piuttosto verso una forma di "colite" (infiammazione del colon).

Questa può essere su base infettiva (accompagnata da sintomi generali come vomito, febbre, arresto della crescita, nonché spiccato dolore addominale), allergica (da intolleranza al latte o, nei più grandi, ad altro alimento) o autoimmune (si tratta di forme anche gravi che però riguardano i bambini in età scolare o gli adulti). Infine, se il sangue è scuro (come i fondi di caffè), significa che è passato dallo stomaco ed è stato digerito.

Si parla in questo caso di "melena": il sanguinamento può essere originato nell'esofago (varici) o nello stomaco (ulcera), ma più banalmente in bocca o nel naso. In molti casi, poi, il sanguinamento può non essere evidente ad occhio nudo, ma rilevabile con un esame apposito: si parla di "sangue occulto nelle feci".

Oltre alle cause elencate prima, può qui essere in gioco un malassorbimento intestinale o una alimentazione con latte vaccino fresco (scorretta: il lattante va alimentato con latte adattato). Nel caso proposto, la Pediatra curante sembra propendere verso una forma allergica (e la dermatite segnalata potrebbe quindi essere un eczema).

Se così fosse, il primo sospetto deve andare verso una intolleranza alle proteine del latte vaccino (con il quale sono preparati tutti i latti "normali" in commercio), la cui conferma però non è facile da ottenere con esami di laboratorio. Molto spesso, allora, si ricorre al metodo della "dieta di eliminazione" (provare a cambiare alimento, in questo caso utilizzando un latte di soia o un latte elementare, e vedere se i sintomi scompaiono), seguita dalla "prova di scatenamento" (riprovare l'alimento sospetto e vedere se i sintomi ricompaiono). Tutto ciò va fatto sotto stretto controllo del Pediatra.

1/1/1997

2/2/2016

I commenti dei lettori

Sono la madre di una bimba di 2 mesi e 12 gioni.La bimba é allattata artificialmente e il pediatra per iniziali motivi di reflusso le ha dato un latte per le intolleranze alle proteine. Dopo una ventina di gioni abbiamo dovuto cambiare nuovamente il latte perchè la bimba ha manifestato un eritema sul viso e sul corpo. Ora prende un altro latte per le intolleranze che inizialmente sembrava efficace. Da diversi gioni la bimba dorme male si agita continuamente e sembra che abbia continui spasmi addominali che si presentano anche subito dopo la poppata, inoltra le feci sono verdi. Devo preoccuparmi o è normale?

licinia (CH) 23/11/2011

salve ho una bambina di 7 anni da 4 mesi ha scariche di diarrea a volte con sangue abbiamo fatt la cultura delle feci e intolleranza alimentare, analisi dl sangue ma per ra non siamo ancora finiti ad una conclusione, dobbiam fare altre analisi ma spriam non sia niente di grave lei che dice? aspettiamo una sua risposta grazie

emanula (VE) 01/12/2011

ho fatto quattro giorni fa il vaccino al bambino di 11 mesi ed ha iniziato ad avere la diarrea con presenza di sangue a striature, 5 mesi fa ho eseguito il challenge ed è risultato negativo. quale può essere la causa ??? può essere intollerante alle proteine del latte (lo allatto io)

isabella (BA) 01/06/2013

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Sangue nelle feci"

Epistassi: il sangue dal naso
Il sangue dal naso: l'epistassi è un disturbo molto comune nell'infanzia.
Allattamento al seno: sangue nel rigurgito
La presenza di sangue nel rigurgito di un neonato durante l'allattamento al seno quasi sempre deriva da ragadi o da escoriazioni del seno materno.
Sanguinamento rettale
Le cause di sanguinamento rettale con sangue rosso vivo in un lattante possono essere diverse.
Il vasino
Uno dei passaggi più difficili per un bambino è quello dal pannolone al vasino. I consigli del Pediatra.
Muco nelle feci
La mucorrea (emissione di notevoli quantità di muco nelle feci) può essere segno di problemi intestinali del bambino.
Stitichezza o stipsi nei bambini
Le cause di stitichezza si possono riassumere in stipsi da squilibri alimentari e la stipsi da ritenzione volontaria. Cosa fare in caso di stitichezza.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Come si sviluppa la vista nei neonati
Cosa vede il neonato? Come si trasforma e si sviluppa la vista dei neonati nel primo anno di vita.
Il seno in gravidanza
Durante la gravidanza il seno si prepara per l'allattamento. Il seno diventa più sodo e più grosso.
Nevo acromico
Il nevo acromico è una alterazione circoscritta, solitamente congenita, della pigmentazione che si identifica con una chiazza di ipopigmentazione.
Cos’è la logopedia e che cosa fa?
La logopedia ha lo scopo di migliorare le possibilità comunicative del bambino.
L'alimentazione del neonato e del bambino piccolo
L'alimentazione dei neonati e del bambino piccolo: le indicazioni dei nostri esperti.

Quiz della settimana

Che cosa fare in caso di perdita di sangue dal naso?
piegare la testa il piu' possibile all'indietro
comprimere la parte ossea del naso
riempire le narici di cotone per arrestare l'emorragia
nessuna delle risposte e' corretta