ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

L'esperto risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

Ha paura della morte e non vuole più dormire da sola

Non vuole più dormire da sola perché ha cominciato a dire che ha paura di morire. Nel bambino piccolo, la paura della morte esiste, e si esprime molto spesso con la difficoltà di addormentamento.

a cura di: Dott.ssa Maria Teresa Vendramini (psicopedagogista della redazione di www.educare.it)

Sono il papà di una bambina di nove anni che, da circa un mese, non vuole più dormire da sola perché ha cominciato a dire che ha paura di morire. Testuali parole ripete continuamente: che non vuole morire, che ha paura di morire. Vuole sempre o la mamma o il papà nel letto con lei. Come comportarci?

Gentile papà, sia pure in modo diverso, sia i bambini che i ragazzi si interrogano circa la morte e spesso, all'interno di questi interrogativi, la morte viene accompagnata da sentimenti quali la paura e l'angoscia. L'interrogativo verso il morire è fonte di curiosità e di desiderio di conoscenza sin dall'età in cui un bambino acquista la consapevolezza che sia le cose, che gli animali e così pure le persone, non vivono eternamente.

Fornire delle risposte ad un bambino che ha acquisito questa consapevolezza non è solo necessario, ma è di fondamentale importanza; infatti, questo piccolo interlocutore ha bisogno di conoscere ulteriormente, attraverso il racconto di chi gli sta vicino, questo processo. Ciò fa parte del suo processo di autonomia.

Nel bambino piccolo, la paura della morte esiste, e si esprime molto spesso con la difficoltà di addormentamento, oppure con la richiesta di non essere lasciato solo durante questo momento. È ciò che sta capitando sicuramente alla sua bambina. Addirittura esprime verbalmente questa sua paura e questo può essere considerato un vantaggio.

Semplicemente perché, in questo suo esprimere, appare una richiesta di aiuto che va oltre quella "protezione sentimentale" che spesso i genitori ritengono sia utile per i propri figli: mi riferisco al fatto che spesso essi non solo evitano, ma non fanno trasparire nessuna loro paura verso questo argomento, come se il tacere servisse ad esorcizzare il presente da quel passaggio necessario di ogni esistenza.

Anche la sua bambina ha bisogno di parlarne con i genitori e ciò anche per evitare che la sua paura sia ulteriormente ingigantita dalle informazioni che arrivano dall'esterno: con questo intendo che può essere influenzata dal morire surreale o deformato che viene trasmesso nei telefilm o addirittura nei cartoni animati. Ma è abbastanza grande per elaborare in modo personale le informazioni che arrivano da media come la televisione.

È all'età di sua figlia che un bambino si pone delle domande riguardo al "dopo" ed è sempre a questa età che incomincia ad elaborare qualche idea sull'anima e a maturare qualche riflessione sui misteri della vita e della morte. Le risposte in questa età le ricerca nella famiglia e più avanti si confronterà con il gruppo dei pari. Quindi parlarne con lei è di fondamentale importanza: conduca l'argomento sul perché una persona muore, che cosa succede dopo la morte.

Le risposte sicuramente le potrete trovare a seconda di come sia stata educata la vostra bambina, se alla religione e alla fede o meno. Chiarite con lei che dormire non vuol dire morire, che malattia non è sinonimo di morte, ma spesso di guarigione, di rigenerazione, affinché non associ a tutte le malattie questo evento terminale della vita.

Inoltre, sarebbe importante capire se e come ha vissuto qualche evento luttuoso nella vostra famiglia, o come ne ha sentito parlare da qualche coetaneo. Altrettanto importante è da vedere se ha recepito qualche stato d'animo familiare riguardo a questo argomento.

E allora è necessario chiarire. Ciò che conta, essenzialmente, è che la sua bambina ha bisogno di sentire nelle parole e negli atteggiamenti dei suoi genitori, equilibrio, sicurezza e protezione. Riservate a lei momenti di affettuosità che le possano garantire e confermare la presenza e la protezione dei genitori.

19/4/2002

16/8/2016

I commenti dei lettori

salve io sono un papa' di 28 anni ho un bambino di 10 anni che da circa 2 mesi non fa altro che piangere a scuola tutte le mattine xche a paura che io non vada a prenderlo o che io ritardi e dunque lui rimarrebbe da solo, ripete spesso alle maestre se papa' arrivera puntuale e se la maestra risponde di si allora si tranquillizza.. non posso lasciarlo da solo xche si mette subito a piangere, ormai non possiamo lasciarlo neanche dai nonni xche a questa paura che non lo andiamo a riprendere.... spero in un vostro utile consiglio grazie

antonio (RG) 03/04/2012

Salve, ho trovato molto interessante l'articolo, vorrei solo capire come comportarmi con mio figlio di 5 anni. grazie

marco (VE) 17/12/2012

Ho un bambino di 8 anni è da un mese anche lui ha paura di morire, degli alieni e si lava mani e viso ogni 5 minuti controlla che tutto sia pulito altrimenti si va a lavare. Con mio marito abbiamo deciso di portarlo da una psicologa ha fatto per ora tre sedute speriamo in giorni migliori per tutti noi.

Anna (TO) 22/12/2012

È la prima volta che apro questa pagina e tra le paure più comuni nei bambini ritrovo quella che tedia mia figlia di sette anni ogni sera, la paura della morte per lei e per le persone care. Ha sempre desiderato il contatto nel momento della ninna, ma ora più che mai.

Teresa (FG) 20/03/2013

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Ha paura della morte e non vuole più dormire da sola"

Posizione nel sonno e morte improvvisa del lattante
Statisticamente la SIDS (morte improvvisa del lattante) capita più spesso in chi ha una posizione nel sonno sbagliata.
Come affrontare la morte del padre con un bambino
Alla mia bambina è morto il padre quando aveva 14 mesi. Come affrontare con lei l'argomento rispettando la sua psicologia.
Che cosa sono gli episodi di ALTE?
Mia figlia ha avuto nei primi mesi di vita numerosi episodi di ALTE, ma si è sempre ripresa.
È rischioso dormire a pancia in su?
Le raccomandazioni di dormire a pancia in su valgono per il bambino fino ai 6 mesi di età.
SIDS: morte improvvisa del lattante
La SIDS (morte improvvisa del lattante) è una tragedia per tutta la famiglia. Le cause.
Come preparare i bambini alla morte del nonno
Hanno ricoverato il nonno per una grave malattia. I consigli della psicologa su come preparare i bambini alla probabile perdita di un nonno.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Consigli di puericultura per il neonato
Post parto e neonati: proponiamo alcuni consigli di puericultura per facilitarne il compito nei primi mesi di vita del neonato.
Il sorriso dei bimbi. Il miracolo delle emozioni dalla vita prenatale all'adolescenza
Il linguaggio delle emozioni è attivo da prima della nascita
Nei
Occorre considerare principalmente i cambiamenti di dimensione, colore, struttura e alterazioni dei margini dei nei.
Glaucoma
Una storia famigliare di glaucoma non aumenta l'incidenza della malattia negli altri componenti della famiglia.
I dentini
Quando spuntano i primi dentini? Quali sono i “fastidi” legati alla comparsa dei dentini? Bisogna avere cura dei denti da latte? I consigli del Pediatra.

Quiz della settimana

Da che cosa è provocato il singhiozzo?
Una contrazione della laringe
Una contrazione del muscolo diaframma
Cause sconosciute
Una contrazione della faringe