ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

L'esperto risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

Paura del dentista

Tutti i dentisti per bambini hanno tecniche psicologiche, comportamentali e perfino ipnotiche per avvicinarsi al loro mondo, ed instaurare con loro una comunicazione.

a cura di: Dott. Gabriele Floria (odontoiatra, protesista dentale e specialista in ortognatodonzia)

Nostra figlia di nove anni ha una paura folle del dentista, durante una visita è addirittura svenuta. Eliminate, con visite specialistiche, altre cause dello svenimento non resta che la paura del dentista. Cosa si può fare?

Innanzitutto è necessario domandarsi perché un bambino abbia tanta paura del dentista. Le cause più frequenti sono legate ad un condizionamento familiare e/o ad una brutta esperienza. E' ormai dimostrato scientificamente che i bambini sono in grado di "rivivere", nel vero senso fisico del termine, una brutta esperienza trascorsa se qualcuno o qualcosa innesca la scintilla del ricordo (circuito stellare).

Per questo è fondamentale un buon approccio col bambino. Tutti i pedodontisti (dentisti per bambini) hanno tecniche psicologiche, comportamentali e perfino ipnotiche per avvicinarsi al loro mondo, ed instaurare con loro una comunicazione.

Lo svenimento in studio non è un fatto eccezionale: nel mio studio ne sono capitati diversi l'ultimo dei quali alla figlia di un collega e prima della visita, e quindi non c'è da preoccuparsi. L'errore che commettono molti odontoiatri che non sono abituati a lavorare con i bambini è quello di considerarli adulti di serie B per cui certe cose non bisogna dirgliele ma bisogna fargliele, ed ecco allora che si perde la fiducia del piccolo paziente.

Mai, e ripeto mai, si deve obbligare un bambino con la forza a togliere o curare un dente. Come i colleghi pediatri potranno confermare ogni bambino è diverso e quindi richiede un approccio personalizzato (è più facile "catalogare" il comportamento dei genitori che accompagnano il bambino).

Se la bambina di nove anni è motivata ed ha compreso la necessità di curarsi, vi sono mille modi per tranquillizzarla, non ultimo il rimedio farmacologico con il protossido d'azoto che si è dimostrato negli anni sicuro e valido. Un concetto di base è anche questo: si ha paura di ciò che non si conosce. Io, per esempio, talvolta faccio assistere i bambini più spaventati alla normale attività operativa di uno studio di odontoiatria infantile.

Se la bambina di 9 anni vede un bambino di 5-6 anni che è già motivato e che si fa curare in tutta tranquillità, ne riceverà un rinforzo positivo e comprenderà perché noi gli spiegheremo passo passo tutta la procedura, senza misteri, e senza bugie. Certamente non useremo parole difficili o tecnicismi per esprimerci così come eviteremo parole e frasi ansiogene: per esempio la mia assistente conosce perfettamente che nel mio studio al posto del trapano c'è un pulitore e che al posto della siringa c'è un liquido addormentante, e così via.

Un'altra tecnica che io uso moltissimo è lo spiazzamento del bambino terrorizzato: è necessario fare quanto di più insolito lui si aspetterebbe da noi: guardare i denti del babbo o della mamma anziché i suoi, invertire le posizioni mettendo il paziente sullo sgabello e dentista sulla poltrona ... insomma tutto ciò che rompa lo schema mentale che lui si è prefigurato in sala d'attesa.

In conclusione il consiglio è quello di trovare un buon dentista pediatrico che sappia instaurare una comunicazione con sua figlia; questo talvolta richiede più appuntamenti e molto tempo speso in convincimento, ma è una tappa che non può essere mai saltata, nemmeno quando la sala d'attesa è strapiena, perché ai bambini la logica economica interessa proprio poco (ed hanno ragione loro!!).

1/6/1998

26/7/2016

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Paura del dentista"

Ha paura della morte
Non vuole più dormire da sola perché ha cominciato a dire che ha paura di morire. Come comportarci? I consigli della psicologa.
Rispondere alle paure dei bambini
Per rispondere e tranquillizzare le paure dei bambini occorre dare risposte e spiegazioni adeguate quando le chiedono, senza rimandare.
Ha paura di stare da solo
Mio figlio Stefano di dieci anni ha il terrore di restare solo. Qualche volta si tratta di episodi transitori.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Ha paura dei tuoni
Mio figlio di due anni ha paura dei tuoni e dei forti rumori. E allora cosa fare con un bimbo pauroso? I consigli dello psicologo.
Rimane attaccata al seno anche un'ora
Ad ogni poppata rimane attaccata al seno anche un'ora. E fa 3 o 4 pasti di notte. Le regole per un buon attacco al seno.
Speciale: Le cause del mal di gola
Il mal di gola si accompagna spesso ai cambiamenti climatici tipici del periodo autunnale. Nella maggior parte dei casi, in età pediatrica è provocato da virus.
Il biscotto nel latte?
E' consigliabile aumentare la quantità di latte piuttosto che mettere il biscotto nel latte. L'introduzione del biscotto è consigliabile dal 4° mese.
La toxoplasmosi in gravidanza: il gatto o il cane in casa danno problemi? Che prevenzione attuare?
La toxoplasmosi può essere presa dal gatto o dal cane? I consigli da seguire durante la gravidanza e la prevenzione da seguire nell'alimentazione.

Quiz della settimana

Quale tra le seguenti è una controindicazione all'allattamento materno?
La miopia
La prematurità
L'infezione da virus HIV (quello che provoca l'AIDS)
L'ittero da latte materno