ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Mia figlia ha avuto una forte bronchite asmatica

Dopo una forte bronchite asmatica è preferibile portarla al mare o in montagna?

a cura di: Dott. Renato Sambugaro (allergologo pediatra)

Mia figlia di nove mesi è stata dimessa ieri dall'ospedale dopo una forte bronchite asmatica (la prima e, spero, l'ultima). Frequenta il nido ed è sempre stata bene, a parte un raffreddore preso circa un mese fa. Ai medici dell'ospedale ho chiesto cosa avrebbe potuto aiutare la convalescenza della piccola: la pediatra che l'ha seguita per tutta la degenza mi ha consigliato vivamente il mare, mentre un pediatra passato per un controllo quotidiano mi ha invece consigliato la montagna. Abbiamo la possibilità di sfruttare entrambe le situazioni, cosa è meglio? E quali misure (igieniche, comportamentali ecc.) si possono seguire per prevenire l'insorgere della bronchite asmatica?

Una sindrome bronco-ostruttiva si può presentare, nei primi anni di vita, con maggiore facilità di quanto non avvenga negli adulti anche per ragioni anatomiche: infatti il diametro delle vie bronchiali è piccolo. Nei primissimi anni di vita, quindi, una bronco-ostruzione può anche essere determinata da ipersecrezione catarrale e dall'edema delle mucose bronchiali. Molto frequenti nell'infanzia sono le infezioni respiratorie associate a respiro sibilante, quasi sempre di origine virale, in particolare da virus respiratorio sinciziale.

Queste infezioni si possono ripresentare periodicamente nello stesso bambino con una sintomatologia che può simulare l'asma bronchiale. Quindi, considerata l'eziologia, è preferibile soggiornare in località climatiche a temperatura mite (il mare) rispetto a climi montani che sono soggetti ad escursioni termiche notevoli. Per quanto riguarda le misure igienico-comportamentali direi che la presenza al nido espone chiaramente a forme successive e quindi andrà valutata nel tempo, a seconda degli episodi che interverranno, la frequentazione o meno dello stesso.

28/2/2003

10/4/2015

I commenti dei lettori

SALVE, SONO UNA MAMMA DI UN BIMBO CHE HA CINQUE MESI. A 25 GIORNI DALLA NASCITA E' STATO RICOVERATO IN OSPEDALE PER BRONCHIOLITE E DA QUANDO E' STATO DIMESSO OGNI MESE E' UNA BRONCHITE ASMATICA RICORRENTE. COSA POSSO FARE PER MIGLIORARGLI LE CONDIZIONI DI SALUTE E PREVENIRGLI ALTRI ATTACCHI? QUESTO E' IL QUINTO ANTIBIOTICO CHE GLI SOMMINISTRO IN CINQUE MESI DI VITA. VI PREGO DATEMI UN CONSIGLIO VALIDO, PERCHE' ORMAI MI STA FACENDO UNA GRAN PENA....

cinzia (VI) 19/04/2012

Cara Cinzia, anche io con mia figlia minore ho avuto lo stesso problema, l'antibiotico???? per cosa???? Cheti

Cheti (PG) 16/01/2013

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Mia figlia ha avuto una forte bronchite asmatica"

Sindrome del fischiatore felice
Si definisce sindrome del "fischiatore felice" o happy wheezing" una condizione caratterizzata dalla presenza di respiro sibilante.
Asma e dermatite atopica
La dermatite atopica è un'affezione infiammatoria della cute che colpisce circa il 10-12% dei bambini di età inferiore ai 7 anni.
Tosse secca notturna
La tosse secca notturna può essere un segno di asma o di sinusite.
Il cortisone
Il cortisone è il più potente antiinfiammatorio a disposizione per la cura di numerose malattie, tra le quali alcune patologie dell'apparato respiratorio.
Problemi alle vie respiratorie
Mia figlia di quattro anni appena compiuti, si ammala spesso e sempre con problemi alle vie respiratorie (alte e basse).
Diario per l'asma
La terapia ed il controllo dell'asma richiedono una attenta valutazione della situazione clinica. E' importante la compilazione di un diario.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Cortisone per la febbre
La cura deve essere proporzionata al disturbo. Per abbassare la febbre, normalmente, il farmaco di prima scelta è il paracetamolo.
Rifiuta il biberon
Rifiutare il biberon è un comportamento frequente. La tettarella ha spesso un gusto di cloro.
Succhia il dito
Succhia il dito e non ha nessuna voglia di smettere. Il consiglio è di aspettare, lavorando sui premi piuttosto che sulle punizioni.
Acetone
Acetone o chetosi: una situazione molto frequente in età pediatrica ed è dovuta ad un disturbo momentaneo del metabolismo del bambino.
Depressione post-partum
La depressione post-partum o depressione post-natale è un disturbo dell'umore che colpisce molte donne nel periodo immediatamente successivo al parto.

Quiz della settimana

I lattanti che assumono latte materno hanno un minor rischio di contrarre:
Otiti
Gastroenteriti
Polmoniti
Tutte le risposte sono esatte