ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Ha manifestato la dermatite atopica dall'eta' di tre mesi

La Dermatite Atopica, se associata a ripetuti episodi di bronchite asmatica, rappresenta uno dei principali fattori di rischio per il futuro sviluppo di Asma Bronchiale allergico.

a cura di: Dott. Alfredo Boccaccino (allergologo)

Ho un bambino di 31 mesi che ha manifestato, per la prima volta, una violenta forma di dermatite atopica a tre mesi (curata con cortisone) che si è ripresentata con entità variabile per tutto il primo anno di vita, è quasi scomparsa nel secondo e dai 24 mesi lo tormenta con maggiore intensità. A otto mesi, inoltre, ha avuto la prima bronchite asmatica (dieci episodi il primo inverno, otto il secondo). Non è risultato allergico a nulla a 24 mesi ma abbiamo comunque preso le precauzioni per gli acari. Di recente, dopo quasi un anno di tregua, ha avuto un episodio di asma (senza concomitante raffreddamento come avveniva precedentemente) curato con cortisone per via orale oltre ai soliti broncodilatatori. Vorrei sapere se sarebbe opportuno approfondire con qualche esame e se dobbiamo aspettarci altri episodi di asma "pura".

La Dermatite Atopica, soprattutto se associata a ripetuti episodi di bronchite asmatica, rappresenta uno dei principali fattori di rischio per il futuro sviluppo di Asma Bronchiale allergico, con una maggiore incidenza di allergia agli acari. La negatività dei test allergologici, praticati all'età di 24 mesi, non mette al sicuro sull'assenza di un'allergia respiratoria. La profilassi ambientale, fatta utilizzando specifici copricuscini e coprimaterassi in microfibra, è la cosa più importante. Lo scopo di tale profilassi, nel suo bambino, è quello di evitare la probabile allergizzazione verso gli Acari, ma non di evitare gli attuali episodi asmatici.

Prima dei tre anni gli episodi asmatici recidivanti sono dovuti, in maggior parte, alla presenza di un'iperreattività bronchiale aspecifica [N.d.R.: si tratta di una risposta bronco-ostruttiva a stimoli diversi che, in una persona normale, non causano alcun problema respiratorio. Ad esempio stimoli farmacologici, fisici (smog, nebbia, polveri inerti, esercizio fisico, manovre respiratorie brusche), chimici (sostanze irritanti, soluzioni iper o ipo-osmotiche)] e non già alla presenza di allergia respiratoria. Tale iperreattività aspecifica sembra causata da una ridotta dimensione del calibro bronchiale, presente fin dalla nascita. Se il bambino non presenta una costituzione allergica (assenza di familiarità, assenza di Dermatite Atopica, assenza di IgE elevate), la tendenza a presentare facilmente asma si esaurirà dopo il 3° anno di vita. Se è presente una chiara predisposizione atopica, vi è una maggiore probabilità che si instauri un'allergia respiratoria. In seguito a ciò si determinerà un'infiammazione minima persistente dell'albero respiratorio, con cronicizzazione e tendenza a sviluppare Asma. Al momento, per il bene del suo bambino, la cosa più importante da fare è quella di praticare una buona profilassi ambientale per gli acari e di ripetere i test allergometrici intorno al terzo anno di vita. Se sarà rivelata un'allergia agli Acari, l'evoluzione verso l'asma potrà essere più probabile, ma non certa.

Molti bambini allergici agli acari sviluppano come sintomo successivo solo la rinite o possono non sviluppare alcuna patologia. Molto dipende dall'ambiente in cui si vive e dalla concentrazione di acari che si inalano quotidianamente, perciò la profilassi ambientale assume un ruolo di fondamentale importanza.

26/2/2003

23/12/2014

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Ha manifestato la dermatite atopica dall'eta' di tre mesi"

Il cortisone
Il cortisone è il più potente antiinfiammatorio a disposizione per la cura di numerose malattie, tra le quali alcune patologie dell'apparato respiratorio.
Eczema a chiazze
Mia figlia presenta sulle guance un eczema a chiazze. Di che cosa si può trattare?
Bollicine rosse sulle guance
Mio figlio neonato presenta delle bollicine rosse sulle guance. Questo tipo di patologia non è connessa ad un quadro di allergia.
Pitiriasi alba
La pitiriasi alba è una manifestazione cutanea comune tra i bambini, caratterizzata dalla presenza di macchie chiare tondeggianti, spesso al volto.
Dermatite atopica
La dermatite atopica è una malattia cronica della pelle dei bambini, il cui sintomo più costante e fastidioso è il prurito.
Svezzamento in un bambino allergico
Quali suggerimenti per lo svezzamento di un bambino allergico? I consigli del Pediatra.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Intolleranze alimentari
Le intolleranze alimentari non rispondono ai tradizionali Test Allergici cutanei. Non provocano quasi mai delle reazioni violente ed immediate nell'organismo.
Mio figlio ripete le parolacce
Mio figlio di quasi quattro anni ripete le parolacce ogni volta che le sente. Mi hanno consigliato di fingere indifferenza.
Morso di cane
In caso di bambino morso da un cane, bisogna sapere la sede della morsicatura, la profondità del morso e la taglia del cane.
Beve molto: non avrà il diabete?
Bere molto (si dice polidipsia) rappresenta effettivamente uno dei segni del diabete, ma normalmente non è però l'unico segno.
Infezione da Chlamydia nel neonato
Il neonato può infettarsi al momento della nascita durante il passaggio nel canale da parto.

Quiz della settimana

Nell'asilo di vostro figlio sono stati segnalati numerosi bambini con i pidocchi, tanto che sono stati esposti avvisi a riguardo. Qual e' il miglior modo per evitare che anche il vostro bambino, che al momento sta benissimo, venga contagiato?
Lo portate dal barbiere per tagliarli i capelli molto corti
Lo trattate subito con un prodotto contro i pidocchi
Non lo mandate all'asilo per una settimana
Controllate accuratamente il cuoio capelluto del bambino almeno una volta alla settimana