ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Saperne di più

per approfondire insieme

Consigli di puericultura per il neonato

Le schede della Associazione per la Ricerca in Pediatria. Alcuni utili e pratici consigli di puericultura per le neo mamme.

a cura di: Dott. Gianni Caso (pediatra), Dott.ssa Annamaria Marengoni (pediatra), Dott. Leo Venturelli (pediatra)

Bagnetto

Si può fare tutti i giorni:

  • prima di un pasto
  • in un ambiente caldo
  • con acqua a 36 - 37° C
  • utilizzando saponi neutri o a base di avena.

Biberon

Alla fine di ogni pasto: lavare con cura biberon, tettarelle e succhiotti. Prima del pasto successivo: sterilizzarli con la bollitura (si fanno bollire per 15-20 minuti) o con la sterilizzazione chimica (si tengono immersi per almeno 90 minuti. La soluzione va rinnovata ogni giorno).

Coliche

Nell'intervallo dei pasti, specie quelli serali, il bambino può piangere con insistenza, ed avere un aspetto sofferente a causa delle coliche gassose. Può essere utile metterlo a pancia in giù e massaggiargli il pancino.

Consultare il pediatra se le coliche:

  • durano a lungo;
  • sono molto frequenti.

Feci

Se il neonato riceve latte materno spesso sono molli e frequenti (fino a 5-7 scariche al giorno); se il neonato riceve latte artificiale sono più dure, ed emesse talvolta con difficoltà.

Non deve preoccupare:

  • il colore verde;
  • la presenza di grumi bianchi.

Fluoro

Ha un'azione protettiva anticarie. Poiché le acque del nostro paese ne sono povere (tranne rare accezioni), dai sei mesi di vita si consiglia la somministrazione di fluoro in compresse da 0,25 mg o in gocce:

  • 1 compressa al giorno oppure 4 gocce (dopo i 3 anni la dose verrà raddoppiata);
  • 30 minuti prima di un pasto (non nel latte);
  • fino all'adolescenza.

È comunque indispensabile anche una corretta igiene orale (igiene dentale).

Moncone ombelicale

Cade spontaneamente entro il 20°-30° giorno di vita. Per evitare infezioni:

  • medicare con garza sterile e alcool a tutti i cambi;
  • fissare con rete elastica.

Consultare il pediatra se:

  • non è caduto entro il 30 giorno;
  • compaiono arrossamento o pus.

Naso chiuso

Più volte al dì instillare nel naso alcune gocce di soluzione fisiologica, specie prima del pasti. Utile l'umidificatore nella stanza del bambino.

Passeggiata

L'aria, il sole, la luce, sono necessari ad un bambino piccolo. Il sole favorisce la sintesi di vitamina D, importante per la crescita, e il mondo da scoprire è un occasione di stimolo.

Scegliete:

  • luoghi verdi, tranquilli, lontani dal traffico;
  • le ore con clima più mite (il bambino dovrebbe uscire tutti i giorni, anche d'inverno).

Rigurgito

È normale che il neonato emetta dalla bocca piccole quantità di latte cagliato.

Consultare il pediatra se:

  • i rigurgiti sono molto frequenti e/o abbondanti;
  • la crescita del bambino non è regolare.

Sete

Il neonato allattato al seno normalmente non ha bisogno di bere, ma è comunque utile somministrargli dell'acqua semplice naturale, soprattutto se:

  • ha febbre;
  • l'ambiente è molto caldo.

Stitichezza

Il neonato sano può scaricarsi anche ogni 3-4 giorni, specie se alimentato artificialmente. CONSULTARE IL PEDIATRA in caso di stitichezza abituale.

Succhiotto

Quando un neonato piange, bisogna cercare di interpretare che cosa vuoi comunicarci per porre rimedio, ma se non è possibile comprenderne il motivo si può ricorrere al succhiotto che spesso ha una funzione consolatoria. Lo si deve dare però:

  • solo occasionalmente, e solo nei primissimi anni di vita (perché l'uso prolungato deforma il palato);
  • senza zucchero o miele (che causano carie molto precoci);
  • sterilizzato (e comunque, anche nel bambino più grande, ben lavato) perché è facile veicolo di infezioni.

Vitamina D

Per favorire la calcificazione delle ossa, è utile somministrare, per il primo anno di vita, la vitamina D per bocca.

1/1/1997

18/12/2016

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Consigli di puericultura per il neonato"

Il rachitismo
Il rachitismo è una malattia dello scheletro e delle ossa dovuta a una carenza di vitamina D o di calcio.
Bambini al sole, con prudenza!
Il sole è un amico dei bambini favorendo la calcificazione delle ossa, perché attiva la vitamina D presente sulla pelle.
Ciuccio per un neonato
Il ciuccio può essere di due tipi: a ciliegia (forma rotonda più adatta ai neonati) o anatomico (a forma di goccia). I consigli del Pediatra.
La vitamina D
La vitamina D è essenziale per la normale crescita delle ossa e per la loro solidità.
La verdura nell'alimentazione del bambino
Le verdure vengono introdotte nell'alimentazione del bambino dall'inizio dello svezzamento. Qualche consiglio pratico.
Il ciuccio per il neonato
Il ciuccio può essere utile per tranquillizzare il neonato, anche se, soprattutto nelle prime settimane, potrebbe ostacolare l'allattamento al seno.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Giocare a calcio a sei anni
Ci hanno sconsigliato di far giocare a calcio nostro figlio di 6 anni a causa della facilità con cui possono formarsi dei microtraumi alle ossa.
Nonni o baby-sitter?
Quando riprenderò il lavoro, sarà meglio affidare il mio bambino ai nonni o alla baby-sitter? Il consiglio della psicologa.
Omogeneizzati o liofilizzati?
Omogeneizzati e liofilizzati hanno le stesse caratteristiche nutrizionali. Nelle prime fasi dello svezzamento vengono spesso preferiti i liofilizzati.
Campagna nazionale di educazione nutrizionale
Mangiar bene conviene per investire in salute.
Certificato di nascita e altri documenti dopo il parto
Appena nato e già alle prese con la burocrazia: certificato di nascita e altri documenti dopo il parto.

Quiz della settimana

I lattanti che assumono latte materno hanno un minor rischio di contrarre:
Otiti
Gastroenteriti
Polmoniti
Tutte le risposte sono esatte