ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Disostosi cleido-cranica

La displasia cleido-cranica è una malattia caratterizzata da ipoplasia delle estremità anteriori delle clavicole e dei rami pubici e da chiusura ritardata delle fontanelle.

a cura di: Dott.ssa Tiziana Candusso (pediatra)

Gradirei informazioni e suggerimenti sulle caratteristiche di una patologia che in Francia è stata diagnosticata come disostosi sterno-cleido-mastoidea ma penso si possa chiamare anche cleido-craniale. Tra i tanti problemi vi è anche quello del dentista.

I difetti scheletrici associati allo sviluppo rappresentano la causa principale di deformità ossee singole o multiple e sono la causa principale di bassa statura quando sono a carico di ossa lunghe. Questi difetti comprendono le displasie (che sono disturbi della crescita dell'osso) e le disostosi (che sono malformazioni delle ossa).

La causa di queste patologie è genetica. La displasia cleido-cranica è una malattia a trasmissione autosomica dominante (di genitore in figlio), caratterizzata da ipoplasia (deficit di sviluppo) delle estremità anteriori delle clavicole e dei rami pubici e da chiusura ritardata delle fontanelle. L'ipoplasia delle clavicole determina la posizione molto bassa delle spalle, sono presenti bozze frontali, legamenti molto lassi (allentati e mobili) ed anomalie dentarie quali assenza congenita degli incisivi superiori laterali permanenti, mancanza o ritardo dell'eruzione dei denti permanenti e presenza di denti in soprannumero.

Nella disostosi cleido-cranica, le alterazioni orofacciali (bocca e viso) consistono in bozza frontale, prognatismo (sporgenza in avanti) della mandibola e larga base di impianto del naso. L'eruzione dei denti è di solito ritardata; i denti decidui (da latte) vengono abnormemente ritenuti ed i denti permanenti possono non spuntare; a volte ci sono denti in soprannumero, soprattutto i premolari. Sono comuni alterazioni di forma e grandezza dei denti. I denti da latte e quelli permanenti devono essere curati se compaiono carie. I bambini con queste alterazioni necessitano di estese cure dentali per mantenere una buona masticazione.

1/3/1997

20/5/2015

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Disostosi cleido-cranica"

Osteomielite
L'osteomielite è un'infezione che colpisce le ossa, causata da germi che possono raggiungere l'osso da focolai infettivi vicini.
Frattura della clavicola
La frattura della clavicola è la frattura più comune nei bambini e può capitare ai neonati durante il parto.
Vitamina D
La vitamina D contribuisce alla calcificazione dell'osso. Il fabbisogno giornaliero da 0 a 2 anni è di 10 microgrammi (400 IU).
La fontanella
La fontanella posteriore è di solito chiusa oltre la 6 - 8 settimana di vita. La fontanella anteriore si chiude tra il 6° e il 20° mese di vita.
Rachitismo e vitamina D
Perché si danno le gocce di vitamina D dalla nascita? Servono ad evitare il rachitismo nei bambini.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Giocare a calcio a sei anni
Ci hanno sconsigliato di far giocare a calcio nostro figlio di 6 anni a causa della facilità con cui possono formarsi dei microtraumi alle ossa.
Nonni o baby-sitter?
Quando riprenderò il lavoro, sarà meglio affidare il mio bambino ai nonni o alla baby-sitter? Il consiglio della psicologa.
Omogeneizzati o liofilizzati?
Omogeneizzati e liofilizzati hanno le stesse caratteristiche nutrizionali. Nelle prime fasi dello svezzamento vengono spesso preferiti i liofilizzati.
Campagna nazionale di educazione nutrizionale
Mangiar bene conviene per investire in salute.
Certificato di nascita e altri documenti dopo il parto
Appena nato e già alle prese con la burocrazia: certificato di nascita e altri documenti dopo il parto.

Quiz della settimana

I lattanti che assumono latte materno hanno un minor rischio di contrarre:
Otiti
Gastroenteriti
Polmoniti
Tutte le risposte sono esatte