ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Frattura della clavicola durante il travaglio e il parto

La frattura della clavicola è la più comune frattura durante il travaglio e il parto. In un neonato una frattura a tale livello guarisce nell'arco di dieci giorni.

a cura di: Dott. Antonio Andreacchio (ortopedico)

Mio figlio di due mesi ha riportato, a seguito del parto, la frattura della clavicola sinistra. I medici e il mio pediatra dicono che si è rimarginata la frattura ma io noto che non riesce ad avere gli stessi movimenti del braccio destro anche se non ha dolore su quello sinistro, ma vedo delle differenze soprattutto quando sta disteso ed alza le braccia. Volevo sapere se devo approfondire il problema con eventuali visite.

La frattura della clavicola al momento dell'impegno del bambino nel canale del parto é un evento relativamente frequente e tale evento si può verificare anche in assenza di manovre particolari per favorire il parto. Il passaggio della spalla al di sotto della sinfisi pubica può, di per sé, provocare tale evenienza.

Tale problema quando isolato non rappresenta un evento drammatico. La diagnosi, in una non trascurabile percentuale dei casi, avviene nei giorni successivi al parto ed in modi anche occasionali, come per esempio l'esecuzione di una radiografia del torace richiesta dal pediatra per problemi di carattere internistico.

In altri casi, la situazione viene diagnosticata poiché vi è una pseudoparalisi dell' arto superiore per motivi antalgici o perché la mamma nota un'esacerbazione del pianto durante il cambio dei vestitini.

L'esecuzione di una radiografia, che evidenzia la frattura, non influisce in nessun modo sulla condotta terapeutica che consiste nell'evitare ulteriori movimenti dell'arto che esacerbano il dolore con conseguente pianto del neonato e, al massimo, si consiglia di applicare una spilla da balia alla manica della tutina in modo da tenere il braccio in posizione di riposo.

Non sono comunque infrequenti i casi in cui la frattura passa completamente misconosciuta e la sua evidenziazione avviene nel corso di visite di molte mesi successive all' evento.

La clavicola è l'osso che più velocemente consolida dopo una frattura nell'intero scheletro umano e in un neonato una frattura a tale livello guarisce nell' arco di 10 giorni.

Il voluminoso e abbondante callo che si apprezza alla palpazione  e alla vista, data l'estrema superficialitá della clavicola, sotto forma di tumefazione è destinato inesorabilmente a risolversi con la crescita, dato l' enorme potenziale di rimodellamento delle ossa dei bambini.

Non sono segnalati deficit o sequele dell' apparato locomotore in letteratura legate agli esiti di tali fratture nei neonati.

La frattura della clavicola ostetrica dovrebbe sempre far porre dubbi sull'eventualità che il trauma che ha determinato la frattura possa aver proseguito la sua forza ripercuotendosi sulla sottostante struttura nervosa del plesso.

Se è vero che non sempre le fratture della clavicola sono associate con lesioni del plesso è anche vero che la percentuale dei bambini che presentano l' associazione di entrambe le condizioni è molto elevato.

Nel suo caso, visto che mi parla di alterazioni del  movimento all’ arto superiore persistenti , il sospetto potrebbe essere quello di una lesione del plesso brachiale per cui Le consiglio pertanto, di sottoporre il bambino ad una visita da parte di un ortopedico pediatra esperto su tali tematiche.

28/3/2013

13/12/2016

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Frattura della clavicola durante il travaglio e il parto"

Disostosi cleido-cranica
La displasia cleido-cranica è una malattia caratterizzata da ipoplasia delle estremità anteriori delle clavicole e dei rami pubici.
Frattura della clavicola
La frattura della clavicola è la frattura più comune nei bambini e può capitare ai neonati durante il parto.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Alimentazione dopo l'anno di vita
Dopo il primo anno, l'alimentazione sarà quasi uguale a quella di un adulto. E' importante che segua una dieta completa e varia.
Dolori alle articolazioni e alla schiena in gravidanza
Durante tutta la gravidanza può capitare di avvertire dei dolori articolazioni e alla schiena.
Macchie mongoliche
Le macchie mongoliche sono lesioni maculari congenite determinate dalla presenza in eccesso nel derma.
Aerofagia
Per evitare l'aerofagia nel lattante è bene utilizzare prodotti a base essenzialmente di finocchio, anice verde, melissa e camomilla.
Gli è stato diagnosticato un reflusso vescico-ureterale
La correzione del reflusso vescico-ureterale può essere chirurgica. La tecnica più frequentemente adottata è quella di Cohen.

Quiz della settimana

Che cosa è il miocardio?
Un osso
Una arteria
Un muscolo
Un nervo