ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

È un chiacchierone a casa, ma alla materna è timido

A casa è un chiacchierone, ma a scuola è molto timido. Il consiglio è evitare i rimproveri o insistere a persuaderlo a parlare, perché ciò aumenterebbe la sua timidezza, anziché combatterla.

a cura di: Dott. Massimo Sidoti (psicopedagogista della redazione di www.exducere.com)

Mio figlio ha quasi quattro anni e da settembre frequenta l'asilo ma, pur essendo un chiacchierone a casa, a scuola parla pochissimo, quasi niente. A parte questo, non risponde e non parla mai con nessuno, al di fuori dell'ambiente famigliare (genitori, nonni, zii). È solo timidezza che passerà quando diventerà più grande o devo preoccuparmi seriamente?

Moltissimi bambini della sua età sono estremamente timidi con gli estranei, anche se alcune volte in maniera eccessiva. Si tratta di un genere di difficoltà che sparirà con lo sviluppo naturale, purché il bambino non abbia subito qualche esperienza infelice. Il comportamento da adottare in questi casi è di evitare i rimproveri o insistere a persuaderlo a parlare, perché ciò aumenterebbe la sua timidezza, anziché combatterla. Se invece lo lasciate tranquillo e scegliete, nei limiti del possibile, degli amici che siano piacevoli e gentili, lui acquisterà l'abitudine d'incontrare gente e perderà il suo eccessivo timore degli estranei. Incentivate gli incontri con estranei, ma lasciate che la cosa avvenga naturalmente; nello stesso tempo assicuratevi che non ci siano persone che possano fare osservazioni offensive sulla sua timidezza o cercare di obbligarlo a sorridere o parlare con loro. Altresì, il problema diventerebbe davvero rilevante se vostro figlio si rifiutasse di comunicare anche dopo lo sviluppo naturale, perché diventerebbe una vera e propria patologia chiamata  "Mutismo Selettivo".

16/4/2003

12/7/2017

I commenti dei lettori

Mia figlia ha 28 mesi e da poco prima che compisse i 2 anni di età  frequenta l'asilo nido per tenerla a contatto con dei coetanei. E' una bimba molto gioiosa e serena, tuttavia pur essendo molto loquace a casa, risulta essere molto timida in pubblico, fino talvolta a chiudersi in un ostinato mutismo. Spesso quando siamo fuori casa, mi chiede di rientrare, soprattutto perchè non vuole socializzare con gli altri. Inoltre ultimamente, quando i nonni (che lei adora) vengono a farle visita, inizialmente li rifiuta anche in malo modo. Non vuole salutarli, nè giocarci, nè tanto meno vuole che tocchino le sue cose. Sia io che mio marito, abbiamo provato a parlarle, ed a volte per reprimere i comportamenti poco consoni con i nonni, siamo anche intervenuti  con delle piccole punizioni, ma  purtroppo nulla ha sortito effetto. Come possiamo intervenire per limitare questi comportamenti e come possiamo aiutarla a socializzare di più? Grazie anticipatamente.

sofia (NA) 17/02/2011

scusatemi io sono mamma di un bambino di 4 anni e 8 mesi ma il mio problema il mio bimbo parla troppo a casa e a scuola sono preoccupata perche ha sempre da dire ha una memoria da persona grande a scuola le insegnante li mettono in castigo perche parla troppo aiutatemi grazie

kelly (MI) 28/04/2011

mia figlia di 4 anni è molto estroversa, va volentieri all' asilo.. ma il giorno della recita diventa vergognosa e non parla. La stessa cosa è successa al suo compleanno...c ome posso aiutarla?

stefania (FR) 12/05/2013

Buonasera!io vorrei fare una domanda:ho l’esempio in famiglia di una mia zia che si è traferita in un altro stato con i suoi figli piccoli di 5,3 e 1 anno per motivi di lavoro.il marito è rimasto in italia e li va a trovare di tant in tanto…si è creato peró un problema:la seconda bambina di 3 anni essendo stata abituata a stare sempre con la madre,non avendo lavoro, sta vivendo ora la situazione di cambiamento di paese,lingua,amici,maestri,parenti assenti,dato che stava sempre con noi cugini a fare sempre giochi nuovi e in un certo senso sta manifeatando forme di protesta!tipo arrivata a casa non toglie il cappotto finchè non arriva la madre(stanno con una loro ziaper ora tata,che nn conoscono poi tanto bene),scoppia a piangere senza motivo!prima di partire non aveva mai manifestato comportamenti del genere!avrá avuto un calo della sua autosuma e crisi d’identità ed adattamento??ora la domanda è: vorrei suggerire qualcosa a mia zia ,qualche gioco,qualche mossa che possa aiutare la bambina a crescere senza che questo diventi un trauma per lei!ci sono??mivfate qualche esempiodi cosa fare?come agire??….vi prego aiutatemi!

anna (TA) 15/10/2013

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "È un chiacchierone a casa, ma alla materna è timido"

Disturbo del linguaggio nei bambini
Generalmente si considera la soglia di 36 mesi un'età "limite" tra una variazione normale e un disturbo del linguaggio.
La timidezza del bambino
Per aiutare il bambini timido a superare certe situazioni di timidezza non bisogna forzare le tappe del suo sviluppo psicologico.
Difetti di pronuncia
Con il nome di dislalie si intendono dei difetti di pronuncia, che si esprimono con l’incapacità a pronunciare la S, la Z, la R.
Non riesce a pronunciare la "r"
A quasi tre anni, non riesce a pronunciare la "r". Se il problema dovesse persistere verso i 5-6 anni potrei consigliare una consulenza con un logopedista.
Subisce le aggressioni, ma non reagisce
Subisce le aggressioni fisiche degli altri bambini senza riuscire a reagire. Vorrei un consiglio su come insegnarli a difendersi.
Timidezza
Mia figlia di 10 anni è estremamente timida. Come possiamo aiutarla? I consigli della psicologa per farle superare questa situazione.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Insonnia in gravidanza
Dal quinto mese di gravidanza in poi un po' di insonnia è normale. Che fare? I consigli dell'esperto.
Lo sviluppo motorio nel primo anno di vita
Esiste una grande variabilità nei tempi oltre che nelle modalità dello sviluppo motorio nel primo anno di vita.
Un elettrocardiogramma per tutti i neonati
Una proposta per prevenire le morti in culla.
Attaccamento alla mamma e rifiuto dell'estraneo
Ha un forte attaccamento alla mamma. La mamma deve mediare le risposte emotive del suo bambino e ampliarne le esperienze verso l'esterno.
Ha la fontanella pulsante
Ha la fontanella pulsante perché i capelli in corrispondenza della fontanella si alzano e si abbassano ritmicamente.

Quiz della settimana

Che cosa è l'ambliopia?
Una particolare forma di zoppia
Il mancato o diminuito sviluppo della capacità visiva da uno o entrambi gli occhi
Una rara forma di strabismo che interessa alternativamente i due occhi
La difficoltà a vedere gli oggetti da lontano