ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

La timidezza nei bambini

La timidezza, il rifiuto dell'altro, la chiusura nell'ambiente sicuro e il pianto avverso a ciò che è sconosciuto sono comportamenti frequenti nei bambini. Come superarli?

a cura di: Dott.ssa Tiziana Candusso (pediatra)

Sono la madre di una bambina dolcissima di quasi tre anni. Vorrei un vostro consiglio in merito al comportamento che dovrei avere nei riguardi di mia figlia che è timidissima con estranei e soprattutto con i bambini preferisce la fuga al gioco. Il suo problema sembra quello di non sapere come fare ad instaurare un rapporto con il bambino che si trova davanti; così, ai giardini preferisce i giochi dove non ci sono bambini, altrimenti si allontana. Inutile dire che i tentativi di inserirla in vari gruppi fin dall'età di 18 mesi, (piscina, ludoteca...) sono stati numerosi ma, ad ogni incontro si doveva iniziare tutto di nuovo e il tempo non era mai sufficiente perché riuscisse a "lasciarsi andare" con gli altri bambini. Se con i bambini è timidissima, con gli adulti (vicini di casa o estranei) è quasi aggressiva e, in risposta al complimento che riceve, sgarbatamente dice alla persona di andare via o si mette a urlare. Con i bambini più piccoli di lei poi, si dà letteralmente alla fuga! Avete qualche suggerimento per aiutarmi a "sbloccarla"?

Durante lo sviluppo del bambino si possono creare situazioni che determinano disturbi del comportamento o "nevrosi infantili". Per inciso, questo concetto è molto discusso nella letteratura specialistica degli ultimi anni, perché compara la nevrosi dell'adulto a quella del bambino, mentre invece le due situazioni sono profondamente diverse, poiché l'adulto ha già una personalità affermata mentre il bambino è ancora "in fieri".

Per questo, parliamo quindi di disturbi transitori del comportamento che, se non seguiti e trattati, possono poi davvero diventare stabili in futuro e affermarsi come nevrosi. Alla base di ciò vi è una affezione psichica i cui sintomi sono l'espressione di un conflitto che ha le sue radici nella storia infantile e costituiscono un compromesso fra le pulsioni e le difese.

Tra i più frequenti disturbi nevrotici infantili citiamo: le paure fobiche, le ossessioni, le manifestazioni di ansia e angoscia, il comportamento isterico (simulazione di malattie) e da ultimo, ma molto frequente, l'inibizione. Quest'ultima è proprio la timidezza esagerata, il rifiuto dell'altro, la chiusura nell'ambiente sicuro, il pianto avverso a ciò che è sconosciuto, l'aggressività come difesa estrema del proprio io.

In questi casi è utile che i genitori affrontino un colloquio con uno psicologo per imparare le tecniche di comprensione e comportamento da tenere quando i bambini si comportano così. Successivamente può essere importante che lo specialista osservi il bambino. In termini molto generali, noi possiamo consigliare di agire sulla rassicurazione della bambina e sulla fiducia in sé stessa.

Ciò non significa solo usare espressioni e toni tranquillizzanti nei suoi confronti, ma soprattutto fornirle validi e stabili punti di riferimento. In altre parole, la paura, nel bambino come nell'adulto, è principalmente causata dal non conoscere cosa ci aspetta; per contribuire a ridurla, quindi, occorre dare spiegazioni chiare, coerenti, non contraddittorie.

Non cadete nell'errore di assumere un atteggiamento iperprotettivo, isolante, compassionevole: la piccola ha bisogno di qualcuno di cui fidarsi e la fiducia si conquista con la coerenza e la pazienza. Se la piccola si sentirà "coperta" alle spalle, potrà lanciarsi con meno timore fra gli altri.

1/11/1997

8/4/2016

I commenti dei lettori

Buongiorno, sono la mamma di una bimba di 18 mesi e vorrei essere rassicurata circa un attegiamento della mia bimba che si sta manfestando da alcune settimane: se riceve un complimento o uno sguardo da una persona adulta sconosciuta, magari al supermercato. o di qualcuno che non rientra nella sua quotidiana cerchia di frequentazione, ammutolisce di colpo, abbassa il volto e sta in questa posizione fino a che il "pericolo estraneo" per come lei lo percepisce si allontata. E' normale tutto ciò o mi devo preoccupare? Come posso gestire queste situazioni al meglio perchè non diventino un problema?

Consuelo (MB) 07/05/2011

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "La timidezza nei bambini"

A scuola la prendono in giro
Da quando è tornata a scuola, ho notato che non riesce ad inserirsi bene. I consigli per farla sentire più sicura in se stessa.
Ha difficoltà nel socializzare
Mio figlio di cinque anni spesso si avvicina ad un gruppo, ma viene respinto. I consigli dello psicologo.
Non sa giocare con gli altri bambini
Anche se frequenta l'asilo nido, non sa giocare con gli altri bambini e preferisce stare con gli adulti.
Timidezza
Mia figlia di 10 anni è estremamente timida. Come possiamo aiutarla? I consigli della psicologa per farle superare questa situazione.
È insicuro e facilmente irritabile
Il nostro bambino di cinque anni è insicuro e se non riesce a fare una cosa è subito irascibile. Come incoraggiarlo a superare le sue difficoltà.
È un chiacchierone a casa, ma alla materna è timido
A casa è un chiacchierone, ma a scuola è molto timido. È una timidezza che passerà quando diventerà più grande? I consigli per rargli superare questa fase.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Atassia cerebellare dopo vaccinazione antimorbillo-rosolia-parotite
Ha sofferto di una atassia cerebellare benigna post vaccino morbillo-rosolia-parotite.
Ha problemi di svezzamento perché non mangia la pappa
Ha problemi con lo svezzamento perché a sette mesi rifiuta la pappa. I consigli dell'esperto sullo svezzamento.
L'ansia da scuola
L'ansia per la scuola si manifesta quasi sempre al momento del primo impatto con la vita di collettività, cioè a tre anni.
Dopo il parto
Dopo il parto che cosa succede al corpo della mamma? Il brusco cambiamento avvenuto con il parto porta l'organismo ad una serie di modificazioni.
Posizione nel sonno e morte improvvisa del lattante
Statisticamente la SIDS (morte improvvisa del lattante) capita più spesso in chi ha una posizione nel sonno sbagliata.

Quiz della settimana

A che cosa serve la vitamina C?
Ha un'azione anti-ossidante
Favorisce l'assorbimento del ferro
Serve per produrre una sostanza chiamata collagene
Tutte le risposte sono esatte