ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Difetti di pronuncia

Con il nome di dislalie si intendono dei difetti di pronuncia,che si esprimono con l'incapacità a pronunciare la S, la Z, la R. Questi problemi sono considerati normali fino ai 5-5 e mezzo anni di vit

a cura di: Dott. Guido Vertua (pediatra)

Il mio bambino che ha cinque anni e mezzo non pronuncia ancora la erre. Nessuno in famiglia ha questo difetto. Cosa possiamo fare? Si può correggere?

Con il nome di dislalie si intendono dei difetti di pronuncia, molto frequenti nei bambini, che si esprimono con l’incapacità a pronunciare la lettera S (in termine medico si parla di sigmatismo), la lettera Z (zetacismo), la lettera R (rotacismo), la lettera T (tetacismo) e, a volte, ma meno frequentemente, anche la lettera L e N. Questi problemi sono considerati normali fino ai 5-5½ anni di vita.

Se permangono dopo tale età, significa quasi sempre che il piccolo muove la lingua in modo sbagliato. In questo caso, in vicinanza dell’inizio della scuola elementare, per evitare che il piccolo, oltre a pronunciare male le parole, sbagli anche a scriverle, si consiglia un intervento logopedico. Il logopedista, cioè lo specialista dei problemi del linguaggio, sarà in grado di spiegare al bambino alcuni esercizi per abituarlo a parlare in modo corretto insegnandoli, ad esempio, a come far vibrare le labbra, a come muovere la lingua, a come emettere il fiato ed altro ancora. Nella maggior parte dei casi, con una serie di sedute settimanali, le dislalie si risolvono completamente nel giro di uno o due mesi.

1/2/1999

1/3/2017

I commenti dei lettori

Il mio bambino ha tre anni e pronuncia in modo "strusciato" le parole che cominciano ed hanno la "ch". Cosa succede? E' un passaggio della sua eta'? Cosa possiamo fare?

francesco (LU) 09/12/2011

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Difetti di pronuncia"

Apprendimento precoce
Fino ai sei anni i bambini hanno enormi potenzialità di apprendimento precoce e una insaziabile sete di conoscenza.
Bambini con genitori di lingue diverse
Bambini con genitori di lingue diverse. Rischio o opportunità? Come aiutarli a non fare confusione? I consigli del Pediatra.
Ritardo nello sviluppo del linguaggio
La variabilità dei tempi e modi dello sviluppo del linguaggio è notevole ma, in presenza di alcuni "segnali" significativi, vanno valutati alcuni aspetti.
Sviluppo del linguaggio
Un bambino ha problemi di linguaggio quando per una qualunque causa presenti un ritardo significativo nella espressione e/o comprensione linguistica.
Balbuzie
La balbuzie è un fenomeno molto comune (colpisce il 3% dei bambini), più frequente nei maschietti.
Disturbo del linguaggio nei bambini
Generalmente si considera la soglia di 36 mesi un'età "limite" tra una variazione normale e un disturbo del linguaggio.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Alimentazione dopo l'anno di vita
Dopo il primo anno, l'alimentazione sarà quasi uguale a quella di un adulto. E' importante che segua una dieta completa e varia.
Dolori alle articolazioni e alla schiena in gravidanza
Durante tutta la gravidanza può capitare di avvertire dei dolori articolazioni e alla schiena.
Macchie mongoliche
Le macchie mongoliche sono lesioni maculari congenite determinate dalla presenza in eccesso nel derma.
Aerofagia
Per evitare l'aerofagia nel lattante è bene utilizzare prodotti a base essenzialmente di finocchio, anice verde, melissa e camomilla.
Gli è stato diagnosticato un reflusso vescico-ureterale
La correzione del reflusso vescico-ureterale può essere chirurgica. La tecnica più frequentemente adottata è quella di Cohen.

Quiz della settimana

Che cosa è il miocardio?
Un osso
Una arteria
Un muscolo
Un nervo