ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Sport agonistico

Quanto incide sullo sviluppo fisico del bambino lo sport a livello agonistico? Vale per qualsiasi tipo di sport? Il parere dell'esperto.

a cura di: Dott. Gaetano Iachelli (medico sportivo)

Ho due bambini di 8 e 10 anni che praticano sport a livello pre-agonistico (ginnastica artistica e pattinaggio artistico); mi piacerebbe conoscere meglio quale può essere l'influenza di un allenamento costante sullo sviluppo fisico del bambino, visto che il medico sportivo mi ha detto che lo sport, e di conseguenza lo sviluppo della massa muscolare, rallenta o arresta la crescita in altezza. E' vero e in quali condizioni ciò si verifica? Vale per qualsiasi tipo di sport? Come si spiega allora la presenza di tanti campioni molto alti visto che, per arrivare a certi risultati, si comincia sicuramente da piccoli?

L'allenamento in età pre-puberale (come nel caso dei suoi bambini) riveste un ruolo molto delicato per il futuro sviluppo delle varie aree della personalità (cognitiva, sociale, emotivo-affettiva e motoria) e quindi in chiave formativa diventa uno strumento metodologico di assoluto valore. Non è tanto la costanza, che anzi potrebbe essere un fattore favorente la crescita, ma piuttosto la quantità e la qualità dei carichi a cui vengono sottoposti i ragazzi e i relativi sistemi applicativi che possono costituire un fattore favorente o deleterio ai fini dello crescita.

L'obiettivo principale nel pre-agonismo è la promozione della maturazione delle capacità organico-muscolari (forza, resistenza, velocità, mobilità, metabolismo aerobico, anaerobico alattacido) e coordinative in particolare, nel rispetto delle soglie maturative delle varie aree della personalità. La logica allenante deve essere di tipo estensivo, nel rispetto dei principi di multilateralità (obiettivo dello sviluppo di tutti i lati dell'atleta - funzioni, qualità fisiche, capacità e forme di movimento in maniera più estesa possibile) e polisportività, principio per il quale il bambino /ragazzo deve essere abituato ad una pratica motoria varia, sia negli esercizi dei singoli sport, che nella sperimentazione di più sport. In tal modo l'avviamento allo sport e l'allenamento pre-agonistico diventano un progetto educativo che ha per fine la formazione della persona e non già primariamente il risultato sportivo; anzi quest'ultimo rappresenta un mezzo importante per garantire una sana competizione (prima verso se stessi e poi verso gli altri), fondamentale fattore di crescita psicologico e sociale. Altresì, l'atteggiamento accogliente dell'allenatore e un clima motivante rendono ragione di una scelta ad orientamento educativo piuttosto che di un atteggiamento selettivo e di precoce specializzazione.

E' di fondamentale importanza che la pianificazione dell'allenamento a quest'età tenga conto sia delle reali possibilità di apprendimento (motorio), sia dello sviluppo dei requisiti psico-fisici per svolgere un determinato carico di lavoro. Se tutto ciò verrà rispettato lo sviluppo sarà l'armonico risultato di un ciclo evolutivo in cui maturazione psicofisica, apprendimento e appunto sviluppo saranno fattori interdipendenti a sostegno della salute e della crescita. In sintesi quindi la proposta motoria pre-agonistica, per essere proficua ai fini dello sviluppo deve rispondere ai seguenti requisiti: essere divertente, secondo il bisogno di stimolazione e eccitamento neuro-motorio di cui il bambino ha bisogno; essere dimostrazione della possibilità di acquisire competenze, adeguate alle capacità, secondo il bisogno di acquisire abilità del bambino; proporre lo stare con gli altri, nel rispetto di norme e regole, secondo il bisogno di affiliazione; rappresentare il giusto equilibrio tra capacità del bambino e richieste psicomotorie poste dallo sport scelto; essere non troppo facile né troppo difficile l'apprendimento per il bambino; essere occasione di consolidamento degli schemi motori; costituire un'occasione biologica ineguagliabile di prevenzione e/o correzione di problemi di sviluppo. Il non rispetto di questi obiettivi comporta, ovviamente, dei rischi per la crescita del ragazzo.

 L'applicazione motoria unilaterale precoce, ripetitiva, standardizzata limita lo sviluppo delle capacità motorie e quindi la possibilità di raggiungere e mantenere elevati livelli sportivi. Pone il rischio di vedere interrotte persino quelle qualità che si allenano in maniera specifica, poiché ne condizionano l'adattamento graduale e quindi ulteriore possibilità di sviluppo; inoltre è causa di ripetuti traumi, poiché sistemi apparati e organi sono sottoposti a stress troppo precocemente rispetto alle loro possibilità di resistenza. Da un punto di vista motivazionale causano, in seguito alla monotonia degli allenamenti, frequenti abbandoni; infine, ma di rilevante importanza, è proprio questo tipo di attività che può determinare interferenze negative con la crescita in seguito ad alterazioni ormonali, di quegli ormoni che costituiscono il prerequisito fisiologico per l'avvento della pubertà. In riferimento all’altezza è necessario sottolineare che essa dipende massimamente da fattori genetici, e quindi non è influenzabile dallo sviluppo della massa muscolare. Piuttosto la presenza di campioni molto alti in determinati sport è frutto di una selezione prima e specializzazione poi verso un modello sportivo che richiede appunto per emergere determinate caratteristiche staturali.

La ginnastica artistica e il pattinaggio, sport che richiedono un avviamento precoce, possono nascondere insidie serie ai fini della crescita se gestite da istruttori poco preparati. A fronte di ciò tuttavia, se utilizzate razionalmente da un punto di vista metodologico e in maniera corrispondente allo sviluppo fisico e allo stato di preparazione tecnica di chi si appresta a praticarli, offrono motivi interessanti non solo per lo sviluppo polimorfo della motricità, ma danno un impulso decisivo anche ad aree come quella cognitiva e relazionale.

Pertanto il mio consiglio finale è quello di non preoccuparsi tanto del rischio insito in una determinata pratica sportiva, quanto della preparazione e della cultura sportiva dell’allenatore/educatore, in quanto ogni sport in sé rappresenta un progetto di crescita della persona.

27/7/2001

16/9/2015

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Sport agonistico"

Come curare una scoliosi
Le hanno diagnosticato una scoliosi inferiore ai 20 gradi. Si può praticare uno sport per migliorare questa situazione?
Giocare a calcio a sei anni
Ci hanno sconsigliato di far giocare a calcio nostro figlio di 6 anni a causa della facilità con cui possono formarsi dei microtraumi alle ossa.
L'alimentazione del bambino che pratica sport
L'alimentazione del bambino che pratica sport, oltre a fornire un giusto apporto di energia, deve essere variata ed equilibrata.
Attività fisica in gravidanza
Lo sport e una adeguata attività fisica sono consigliabili dall'inizio della gravidanza, almeno come facili esercizi di ginnastica da eseguire tutti i giorni.
Sport per bambini di 3 anni
Un bambino di 3 anni dovrebbe praticare uno sport sotto forma di gioco che deve piacere al bambino e che si adatta alle sue possibilità di apprendimento.
Neonati in piscina
L'età non è una controindicazione alla pratica del nuoto e della acquaticità. Anche i neonati possono andare in piscina.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Aumento di peso in gravidanza
L'aumento di peso nell'arco dell'intera gravidanza normalmente si aggira tra i 7 e i 14 kg complessivi.
Calo di peso nel neonato
Il calo di peso è normale nei primi giorni di vita del neonato. Si considera normale che un neonato a termine recuperi il peso della nascita entro 8-10 giorni.
Servono le lenti progressive nella miopia?
Non esiste nessuna evidenza scientifica che la lente Varifocale o progressiva sia utile nella gestione della miopia.
Allattare quando riprende il ciclo?
La ripresa del ciclo non incide nell'allattamento. Sfatiamo alcune dicerie che talvolta capita di sentire.
Beclometasone dipropionato
Il principio farmacologico denominato beclometasone dipropionato appartiene alla classe dei farmaci corticosteroidi topici per uso inalatorio.

Quiz della settimana

Che cosa e' il meconio?
Una secrezione densa emessa dalla bocca del neonato al momento della nascita
Una sostanza emessa dall'intestino del neonato
Una sostanza vischiosa proveniente dal naso del neonato
Nessuna delle risposte corretta