ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

Apprendimento precoce

Fino ai sei anni i bambini hanno enormi potenzialità di apprendimento precoce. Non ci sono controindicazioni per insegnare a leggere ad un bimbo sotto i tre anni di età.

a cura di: Dott. Massimo Sidoti (psicopedagogista della redazione di www.exducere.com)

E' consigliabile insegnare a leggere e a fare di conto ai bambini sotto i tre anni? Quali "controindicazioni" ci sono? Sono la mamma di due bimbi, uno di due anni e uno di due mesi. So che esistono delle tecniche di apprendimeto della lettura e delle operazioni per i bimbi sotto i tre anni. Esistono dei motivi per cui sarebbe meglio non utilizzare queste tecniche così precocemente o sono comunque utili? Inoltre vorrei insegnare loro l'inglese, parlando nell'altra lingua in alcune ore della giornata. E' una buona idea, o dovrebbe essere un'altra persona a dialogare con loro nell'altra lingua, per non creare confusione?

Perché mai non dovremmo insegnare a leggere ad un bambino sotto i tre anni? Il cervello umano ha un immenso potenziale poco sfruttato. Fino ai sei anni i bambini hanno enormi potenzialità di apprendimento e una insaziabile sete di conoscenza. 

Dopo i sei anni (proprio quando inizia l’istruzione “ufficiale”) il nostro cervello  “perde” progressivamente questa magnifica capacità di apprendimento. Noi adulti quindi dovremmo assecondare in ogni modo la conoscenza del mondo da parte del bambino, e farlo nel momento in cui il suo cervello è più recettivo.

Visto che la lettura è una delle tante forme di conoscenza e permette al bambino di fare esperienza del mondo, siano fiabe o romanzi, ciò gli permetterà di fargli acquisire precocemente questa competenza e di soddisfare il suo primario bisogno di “imparare” dal mondo circostante.

Non ci sono controindicazioni nel leggere, semmai i  bambini hanno difficoltà a leggere perché i caratteri sono troppo piccoli ed il cervello non è ancora abituato a riconoscere le lettere. Cosi come quando parliamo ad un bambino usiamo un tono diverso da quello usato con gli adulti parlando più lentamente, scandendo le parole ed enfatizzandole. Il bambino ha la necessità di metabolizzare le lettere attraverso la piena visualizzazione della lettera.

Inoltre, è fondamentale l’ambiente di apprendimento, deve essere rilassato, il genitore non deve trasmettere aspettative o pressioni ma instaurare un clima giocoso: la lettura come gioco divertente ed affascinante che gli dà la possibilità di conoscere il mondo anche attraverso la parola scritta.

Per quanto riguarda l’insegnamento di un'altra lingua i bambini hanno una grande capacità  di normalizzare il loro stato, quindi se vengono loro offerti input diversi sapranno usarli tutti in maniera ottimale.

7/9/2010

8/10/2015

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Apprendimento precoce"

Pronuncia male la S
Normalmente la terapia logopedica inizia a quattro anni. Importante è valutare che non ci sia la persistenza della deglutizione infantile.
Difetti di pronuncia
Con il nome di dislalie si intendono dei difetti di pronuncia, che si esprimono con l’incapacità a pronunciare la S, la Z, la R.
Il piccolo Principe
La storia dell'incontro tra l'aviatore costretto da un guasto a un atterraggio nel deserto e il Piccolo Principe.
Non parla ancora
Ritardo del linguaggio? A due anni non parla ancora, mentre dovrebbe già utilizzare parole o piccole frasi per comunicare.
Dislessia
La dislessia è una difficoltà che riguarda la capacità di leggere e scrivere in modo corretto e fluente.
La lettura nell'arte e curiosità sulla letteratura
Vediamo come la lettura è stata rappresentata nell'arte e scopriamo alcune curiosità sulla letteratura e i personaggi di fantasia.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Difetto interventricolare
Un buchino in mezzo al cuore domande e risposte sul difetto interventricolare.
Idrocefalo
L'idrocefalo è una malattia in cui si ha un accumulo di liquido cefalo rachidiano a livello delle cavità del cervello.
Scoppia in pianto quando lo lascio al nido
Piange disperatamente quando lo lascio al nido. I consigli su come fargli accettare il distacco.
Allattamento misto del neonato: al seno e con il biberon
In caso di allattamento misto del bambino la quantità totale di latte deve essere orientativamente calcolato in base al peso.
Occhiali nell'ipermetropia
L'ipermetropia è un difetto della vista da correggere sempre con gli occhiali? I consigli dell'oculista.

Quiz della settimana

In media qual è l'altezza di un maschietto al compimento dei due anni di vita?
80-81 cm
83-84 cm
87-88 cm
90-91 cm