ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

Rachitismo e vitamina D

Le gocce di vitamina D nel neonato servono ad evitare il rachitismo nei bambini, dovuto a carenza dii vitamina D o calcio.

a cura di: Dott. Valdo Flori (pediatra)

Il pediatra non è dell'avviso di somministrare al bimbo di tre mesi la vitamina D; al consultorio invece ci hanno consigliato di somministrarla in quanto, in inverno e senza sole , non è facile che tale vitamina si possa formare da sola! Noi pensiamo che un po' di vitamina D non possa essere dannosa e per questo da oggi riprenderemo a darla al bimbo. Mi potete spiegare cosa comporta il fatto di non aver dato la vitamina in funzione del rachitismo e, cos'è il rachitismo?

Il rachitismo è una malattia, ormai di rarissima osservazione, caratterizzata da un difetto di calcificazione delle ossa, causata principalmente da una mancanza di Vitamina D. La malattia si manifesta soprattutto durante il periodo di maggiore accrescimento osseo, in particolare nei primi due anni di vita.

Al giorno d'oggi sono molto cambiate le abitudini alimentari, di comportamento e soprattutto le condizioni socio-economiche, pertanto è molto difficile avere una carenza importante di vitamina D e di conseguenza sono raramente riscontrabili le classiche manifestazioni cliniche del grave rachitismo del passato (deformità alle ossa, soprattutto del torace e degli arti).

Tuttavia i rari casi ancora riscontrabili, anche se di lieve entità, stanno a testimoniare una condizione di potenziale sviluppo della malattia, riscontrabile spesso solo con analisi del sangue (dosaggio di calcio, fosforo e soprattutto fosfatasi alcalina) o radiografie delle ossa.

L'interesse attuale è pertanto spostato maggiormente sulla prevenzione. Il fabbisogno giornaliero di Vitamina D nel bambino è di 400 U.I. (10 microgrammi) al giorno, nei prematuri è invece di 1.000 U.I. al giorno, per i primi mesi di vita. La Vitamina D in parte si forma nell'organismo e in parte viene assunta con gli alimenti. La parte sintetizzata direttamente dall'organismo per potersi formare ha però bisogno dei raggi ultravioletti del sole che irradiando la cute trasformano la provitamina in essa contenuta in vitamina attiva.

La quantità che si forma è in genere sufficiente per l'adulto, comunque é sempre condizionata dal clima, dal periodo di esposizione al sole e anche dal tipo di pigmentazione cutanea (più la pelle è scura meno vitamina D si forma). Tra gli alimenti che contengono Vitamina D sono da ricordare:

  • il latte materno: 20 -100 U.I. al litro
  • il latte vaccino: 20 U.I. al litro
  •  latti artificiali: il contenuto varia da 300 a 500 U.I. al litro
  • 1 tuorlo d'uovo: 150-200 U.I
  • carne: 100 U.I. ogni 100 gr.
  • fegato: 200 U.I. ogni 100 gr.
  • burro: 60 U.I. ogni 100 gr.
  • olio di fegato di merluzzo: 10.000-20.000 U.I. ogni 100 gr.
  • aringhe - tonno: 300 - 1.000 U.I. ogni 100 gr.

Come si può vedere l'alimentazione da sola non può essere sufficiente alle necessità del bambino (a meno che non venga alimentato con aringhe, tonno e olio di fegato di merluzzo!

Solo con i latti artificiali qualche volta si può arrivare a ricoprire il fabbisogno minimo giornaliero), così come da sola non è sufficiente l'irradiazione solare (eccetto il periodo estivo, in particolare d'inverno, l'unica parte scoperta dei bambini è il naso!). Alla luce di quanto detto è comprensibile perché è indicata la profilassi con Vitamina D fin dai primi giorni di vita e per almeno un anno - un anno e mezzo circa. Comunque non aver dato la vit. D per poco tempo, come nel suo caso, non comporta assolutamente alcun danno.

1/1/1998

1/10/2016

I commenti dei lettori

Sono mamma di un bimbo di 14 mesi e ha solo 2 dentini spuntati a 7 mesi...e nessun segnale di crescita degli altri.Leggo che era consigliabile somministrare la viatmina D ma che il pediatra non mi ha mai consigliato.Ritiene che possa essere questo il problema? Suggerisce di somministrare la vitamina D? Roberta

roberta (PD) 23/03/2011

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Rachitismo e vitamina D"

Consigli di puericultura per il neonato
Post parto e neonati: proponiamo alcuni consigli di puericultura per facilitarne il compito nei primi mesi di vita del neonato.
Eruzione dei denti da latte
E' in ritardo con l'eruzione dei denti da latte: non è ancora uscito alcun dentino a 9 mesi. Il parere dell'odontoiatra.
Le vitamine
Le vitamine sono composti chimici essenziali per le normali funzioni del nostro organismo.
Il rachitismo
Il rachitismo è una malattia dello scheletro e delle ossa dovuta a una carenza di vitamina D o di calcio.
Vitamina D
La vitamina D contribuisce alla calcificazione dell'osso. Il fabbisogno giornaliero da 0 a 2 anni è di 10 microgrammi (400 IU).
Bambini al sole, con prudenza!
Il sole è un amico dei bambini favorendo la calcificazione delle ossa, perché attiva la vitamina D presente sulla pelle.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

La timidezza la rende antipatica
Per aiutare un bambino a superare la sua timidezza è importante fare sentire il bambino sempre amato ed accettato per quello che è.
Laringomalacia
La laringomalacia è un disturbo congenito della laringe caratterizzato da uno stridore inspiratorio e da un'ostruzione delle vie aeree.
Quale apparecchio per aerosol è meglio usare con il beclometasone?
Per alcuni farmaci, fra cui il beclometasone, è meglio usare apparecchi tradizionali e non ad ultrasuoni.
Reflusso vescico-ureterale
E' stata operata da poco all'uretere per reflusso vescico-ureterale da un lato e la malattia è comparsa nell'altro rene.
Sintomi e cure della toxoplasmosi in gravidanza
La toxoplasmosi in gravidanza può manifestarsi senza sintomi. Le cure servono a ridurre il pericolo di infezione per il fato e il neonato.

Quiz della settimana

Parlando dei mucolitici, è corretto affermare che:
Calmano la tosse
Vanno somministrati insieme ai sedativi della tosse
Fluidificano il catarro
Fanno abbassare la febbre