ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Saperne di più

approfondire insieme al Pediatra

Il rachitismo

Il rachitismo è una malattia dello scheletro dovuta a una carenza di vitamina D o a un insufficiente apporto alimentare di calcio. Colpisce i bambini nella fase di accrescimento.

a cura di: Dott. Guido Vertua (pediatra)

Il rachitismo è una malattia dello scheletro dovuta a una carenza di vitamina D o a un insufficiente apporto alimentare di calcio, oppure alla combinazione di entrambi i fattori; è considerata attualmente una malattia rara.

Il deficit di calcio o di vitamina D (la cui funzione è di regolare I'assorbimento intestinale di calcio introdotto con gli alimenti) provoca, per un meccanismo di compensazione, la mobilizzazione del calcio contenuto nelle ossa, allo scopo di mantenerne costante la concentrazione nel sangue.

II rachitismo è una malattia tipica dei bambini (nell'adulto prende il nome di osteomalada, patologia nella quale la funzione strutturale e quella metabolica dello scheletro sono compromesse a causa della mancata mineralizzazione della matrice ossea neoformata, generalmente conseguente a un deficit di vitamina D) e colpisce quindi individui nella fase di accrescimento.

I principali sintomi del rachitismo riguardano lo scheletro e sono dati da deformità e rammollimento delle ossa, rallentamento della crescita staturale, ritardo nella comparsa della dentizione e nell'inizio della deambulazione. Spesso si associano debolezza muscolare, convulsioni, depressione delle difese immunitarie, maggiore frequenza delle infezioni broncopolmonari.

La terapia si basa sulla somministrazione di calcio e di vitamina D.

Le cause del rachitismo sono attualmente altre rispetto al passato, quando erano attribuibili essenzialmente alle sfavorevoli condizioni socio-economiche e alla scarsa esposizione alla luce solare. Oggi responsabili dell'insorgenza di rachitismo sono soprattutto la nascita pretermine, l'allattamento prolungato non integrato con vitamine, l'allattamento prolungato con latte di soia, il rifiuto di latte e latticini dopo lo svezzamento.

Per questi motivi si adottano, oggi, misure preventive, che consistono nella somministrazione della vitamina D per tutto il primo anno di vita, quale che sia la dieta del bambino.

14/9/2009

31/5/2016

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Il rachitismo"

Vitamina D
La vitamina D contribuisce alla calcificazione dell'osso. Il fabbisogno giornaliero da 0 a 2 anni è di 10 microgrammi (400 IU).
Rachitismo e vitamina D
Perché si danno le gocce di vitamina D dalla nascita? Servono ad evitare il rachitismo nei bambini.
Prevenzione con vitamina K e D nel neonato
La prescrizione in un neonato di vitamina K e D è in accordo con le indicazioni della Comunità Scientifica Nazionale e Internazionale.
Bambini al sole, con prudenza!
Il sole è un amico dei bambini favorendo la calcificazione delle ossa, perché attiva la vitamina D presente sulla pelle.
La vitamina D
La vitamina D è essenziale per la normale crescita delle ossa e per la loro solidità.
Ha le tibie vare
Mia figlia di 5 anni presenta tibie vare. Come si può correggere questo problema?
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Intolleranze alimentari
Le intolleranze alimentari non rispondono ai tradizionali Test Allergici cutanei. Non provocano quasi mai delle reazioni violente ed immediate nell'organismo.
Mio figlio ripete le parolacce
Mio figlio di quasi quattro anni ripete le parolacce ogni volta che le sente. Mi hanno consigliato di fingere indifferenza.
Morso di cane
In caso di bambino morso da un cane, bisogna sapere la sede della morsicatura, la profondità del morso e la taglia del cane.
Beve molto: non avrà il diabete?
Bere molto (si dice polidipsia) rappresenta effettivamente uno dei segni del diabete, ma normalmente non è però l'unico segno.
Infezione da Chlamydia nel neonato
Il neonato può infettarsi al momento della nascita durante il passaggio nel canale da parto.

Quiz della settimana

Nell'asilo di vostro figlio sono stati segnalati numerosi bambini con i pidocchi, tanto che sono stati esposti avvisi a riguardo. Qual e' il miglior modo per evitare che anche il vostro bambino, che al momento sta benissimo, venga contagiato?
Lo portate dal barbiere per tagliarli i capelli molto corti
Lo trattate subito con un prodotto contro i pidocchi
Non lo mandate all'asilo per una settimana
Controllate accuratamente il cuoio capelluto del bambino almeno una volta alla settimana