ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

uno specialista a tua disposizione

Quali malattie può portare un gatto?

Gatto e malattie: ho una bambina piccola, ma ho paura delle malattie che il gatto le possa trasmettere. Forse un animale in casa non è indicato in caso di familiarità per allergie.

a cura di: Dott. Roberto Bussi (pediatra)

Vorrei chiedere un consiglio. Io e mio marito abbiamo deciso di prendere un gattino di circa un mese. Ma abbiamo alcuni dubbi al riguardo poiché nostra figlia ha due e mezzo. La nostra paura è che il gattino possa trasmetterle qualche malattia o che inavvertitamente la graffi in faccia e negli occhi! Al tempo stesso conosciamo alcune coppie con bimbi piccoli che, nonostante qualche rischio, hanno la gioia di un bel gatto. Cosa ci consiglia?

Anzitutto, penso che spesso più che proteggere il bambino da un animale domestico bisogna preoccuparsi del contrario: proteggere il piccolo animale dalla invadenza e dall'aggressività del bambino, soprattutto se piccolo!

Poi, una raccomandazione: prima di parlare di trasmissione di malattie, bisogna precisare che forse un animale in casa non è indicato in caso di familiarità per allergie; infatti potrebbe facilitare l'instaurarsi di una allergia al pelo di cane/gatto o all'acaro della polvere che si nutre del pelo e della forfora degli animali.

Quanto alla possibilità di portare alcune malattie è bene ricordare:

  • la toxoplasmosi: il contagio avviene con il contatto con escrementi di gatti ammalati, per cui è necessario, fra le varie norme igieniche, pulire la lettiera tutti i giorni con i guanti. Tale malattia di solito non crea importanti problemi al bambino, ma più che altro al feto se la malattia viene contratta in gravidanza (si è tranquilli se la donna incinta possiede già gli anticorpi specifici per la toxoplasmosi perché vuol dire che è già immunizzata);
  •  la rabbia: è ormai quasi estinta in Italia ed è improbabile in un gatto tenuto in casa ed in città. Si trasmette con il morso di cani e gatti infetti, ma è possibile prevenirla anche vaccinando l'animale;
  • le parassitosi: per evitare pulci o zecche occorre spazzolare periodicamente l'animale ed eventualmente trattarlo con antiparassitari; le micosi: possono essere trasmesse soprattutto dal gatto e si manifestano nell'uomo con chiazze rosacee sulle parti esposte.

A parte l'aspetto malattia, per un bambino avere un animale in casa può avere molti aspetti positivi perché favorisce uno stretto rapporto con contatti fisici (carezze, giochi) ed emozioni ed è anche un modo per responsabilizzare il bambino, farlo sentire utile e farlo maturare. Ma accudire un animale in casa può avere anche aspetti negativi (oltre alle allergie e alle malattie) in quanto richiede un grosso impegno da parte di tutta la famiglia per assicurare tutti i giorni e per anni, al piccolo animale, condizioni di vita e affettive ottimali.

In generale inoltre si consiglia, se si vuole un cucciolo, aspettare che il bambino abbia 3-4 anni almeno, in modo che possa prendersi cura in prima persona dell'animale, assolvendo alcuni piccoli incarichi come quello di cambiare regolarmente l'acqua nella ciotola. Ricordate inoltre che in genere le femmine sono più affettuose e più calme dei maschi; se scegliete un gatto i siamesi o i persiani sono i più amanti delle coccole.

11/2/2002

2/5/2012

I commenti dei lettori

per favore non parlate di COMPRARE un gatto, ma piuttosto di ADOTTARE un gatto. Il mondo è pieno di animali randagi e/o abbandonati, non credete?

Giovanna (TO) 24/02/2011

Buongiorno, mi permetta di dissentire su alcuni punti, considerata la mia esperienza con i gatti, e relativa consivenza con i bambini: innanzi tutto le malattie: nei gatti che vivono in casa, seguiti dal veterinario e curati nell'alimentazione, gli unici rischi sono legati al cucciolo di gatto: micosi, ed eventualmente i graffi da gioco con le mani. Malattie facilmente curabili, alle quali si può ovviare con un'adeguata prevenzione. La toxoplasmosi è più pericolosa per il gatto, mentre per noi ( a parte il periodo della gravidanza) è più facile contrarla dai salumi e dalla carne cruda. La rabbia, nei gatti di casa, è anacronistica. Secondo: NON é VERO che le femmine sono le più docili, dei miei cinque gatti, i maschi sono sempre stati dei pupazzi, mai un'unghiata nemmeno nei giochi più vivaci. Ovviamente, castrazione entro il decimo mese di età. Le femmine, seppur deliziose e affettuose, si infastidivano maggiormente per le carezze prolungate, ma solo una di loro rispondeva graffiando la mano. Infine, l'adozione resta la scelta migliore, in quanto credetemi, sono molto più seri e rigorosi i volontari dei gattili di certi allevatori. Senza contare che alimentare il business non è certo una buona cosa. L'unico scoglio però è proprio qui: dal momento che nella convivenza con un bambino è il gatto ad avere la peggio, di solito i volontari dei gattili sono restii a dare un gatto in adozione ad una famiglia con bimbi piccoli, soprattutto per il rischio, purtroppo diffuso, degli abbandoni. Cordiali saluti.



Anna (NO) 17/04/2011

i gatti pur essendo animali meravigliosi restano felini nell'animo, per questo a differenza del cane sono indipendenti dal padrone, proprio perchè non lo riconoscono tale! la questione igiene cambia.HO un bimbo di pochi mesi e l'idea del gatto che tranquillamente salta e scorrazza sul tavolo, tra omogenizzati, biberon sterilizzati, tettarelle, pappette piatti posati ecc ecc...bè mi disturba assai! pensateci bene prima di prendere un gatto!..non basta dirgli stai seduto come facciamo con fido..appena vi girate è col muso nel bicchiere...(non sopporto mangiare dai miei parenti per questo motivo, trovo peli di gatto OVUNQUE!!!!!!!! DAL CIBO, AI BISCOTTI, ALLA TOVAGLIA ecc ecc.....FATE VOI...)

Valentina (RM) 26/09/2011

No alla vendita degli animali!!!!!!!!!!!!!!

alise (RM) 26/10/2011

Per Valentina(RM) : il gatto e'un animale talmente pulito che e' piu' facile che sia il bimbo a sporcare il gatto e non viceversa.. Sono papa' di una bimba di tre mesi che convive felicemente con tre gatti di varie eta' e non ho mai riscontrato nessun problema legato all'igiene..
Ovviamente se poi da' fastidio il pelo nell'acqua (invece che nell'uovo) e' un altro discorso, ma l'igiene non c'entra assolutamente niente.. soprattutto se il gatto vive sempre dentro casa

Luca (AR) 16/01/2012

Ma quanta ignoranza c'è in giro, davvero. Se vi danno così fastidio i peli di gatto, il gatto che salta ovunque, che si infila ovunque, prendetevi un pupazzo!!!

K (VA) 16/01/2012

Salve a tutti, sono al VI° mese di gravidanza e vivo serenamente con due bei micioni da oltre 10 anni. Non ho avuto la toxoplasmosi, nè sto avendo complicazioni con la gravidanza: continuiamo serenamente a dormire tutti insieme nello stesso letto!!

Adele (CO) 08/10/2012

Io sono al 9mese di gravidanza e vivo con 5 gatti di cui 4 nati in casa. Sono sicura che saranno adorabili e coccoloni anche con il mio bimbo! Oggi sono stata morsa dalla micina randagia fuori casa, ed ero un Po preoccupata, ma Ho visto che la toxoplasmosi si contagia solo ingerendo il batterio, quindi viva i gatti i randagi e si al pet terapy!

simona (AQ) 29/10/2012

Io voglio bene alla mia gattina e a tutti i gatti che ho avuto ancora di piu sono agli esseri umani che sono allergica

Angie (GE) 16/11/2012

Angie (e molti altri), parlare di malattie trasmesse dai gatti o da altri animali non significa non amarli, ma semplicemente tenere presente un rischio e, se possibile, evitarlo. Battuta per battuta, poi, se nella tua scala personale di valutazione gli animali vengono prima degli umani, non dovresti essere qui a scrivere a noi, ma a parlare con i tuoi gatti.. :-)

Giuseppe Varrasi, Pediatra (BS) 18/11/2012

ciao a tutti ho letto tutti i vostri commenti sui gatti. vivo con la mia prima gatta da quasi 18 anni e' nata sullo zerbino di casa e ha visto nascere i miei due figli e ha dormito sempre con loro e con me la seconda gatta dovrebbe avere circa sette anni trovata in strada adorabile e confermo che le femmine sono piu' buone ho avuto un siamese maschio morto a 22 anni non ci credeva neanche il veterinario godetevi i vostri gatti non pensate alle malattie ai peli ... ma pensate all' affetto che vi possono dare e non comprateli basta andare in giro per strada e trovarli io gattara sterilizzo tutte le femmine che trovo e poi adotto. simonetta roma 10 genn 2013

simmy62 (RM) 11/01/2013

Ho avuto sempre animali in casa compresi i gatti e anche quando sono rimasta incinta abbiamo tenuto con noi la nostra micia trovatella, nonostante tutto né io né lei abbiamo mai avuto la toxo, per sicurezza si possono fare le analisi anche al gatto,anche ora con la bimba di 4 mesi capita di dormire tutti sullo stesso letto ed é bellissimo.

Anna (FI) 16/01/2013

Buongiorno, io ho due bimbi di 1 e 3 anni e tre gatti (15,5,5) non ho mai avuto la toxoplasmosi e i miei gatti non sono mai saltati sul tavolo, sui banconi della cucina, ne si sono permessi di rubare cibo a me o ai miei figli. Direi che sulle malattie occorre informazione, a casa pulizia ed educazione per tutti. Ai bimbi ho insegnato come accarezzarli e li controllo quando giocano e richiamo i gatti all'ordine se sono troppo eccitati insomma con un pò di buon senso si gestisce tutto.

Flavia (RO) 10/05/2013

SALVE, HO UNA GATTA DA 9 ANNI E UN BIMBO DI DUE ANNI E MEZZO E DEVO DIRE CHE A PARTE I PELI SPARSI OVUNQUE, TUTTA LA MIA FAMIGLIA, COMPRESO IL BIMBO, ADORA MOLLY. E MOLLY ADORA NOI, NONOSTANTE SIA UN GATTO E QUINDI UN ANIMALE PIU' INDIPENDENTE RISPETTO AL CANE E NONOSTANTE SIA MIO FIGLIO AD INFASTIDIRE LEI. CONCORDO CON CHI DICE CHE I GATTI SONO PIU' PULITI DI NOI, CHE SONO ALCUNI ESSERE UMANI A CREARCI ALLERGIE. ORA SONO IN ATTESA DEL SECONDO FIGLIO, SONO IMMUNE ALLA TOXO QUINDI MOLLY CONTINUA A DORMIRE CON ME NEL MIO LETTONE. SPERO CHE ANCHE L'ALTRO FIGLIO IN ARRIVO, COME FRANCESCO, SI INNAMORI E SOPRATTUTTO RISPETTI GLI ANIMALI.

STEFANIA (LT) 20/06/2013

Ciao a tutti. Proprio questa mattina ho adottato una trovatella appena svezzata. Mia figlia,4anni, è superfelice e la tratta quasi fosse la sua mamma, coccole e ninnananna incluse! :-) mi chiede di poter dormire con lei... Ma come? Pesa solo 450 gr!!!non la schiaccerà? ( mia figlia ha la corporatura di una bimba di sette anni!!!) grazie a chi mi aiuterà! Daniela

Daniela 05/08/2013

Prima le persone....poi gli animali....avere un gatto che gironzola in casa con una bambina piccola ( sotto i 2 anni di eta' ) non e' per niente salutare ne sicuro.....qual'e' la differenza tra le persone ed il resto degli animali..????? IL SENSO DELLA RAGIONE: cosa che il resto degli animali non ha. Esempio, se un gatto vede una mosca nel viso di un bambina piccola cosa fa...tenta di acciuffarla....solo che graffia il viso della bambina....non pensa la graffio e rischio di farla rimanere cieca o sfigurata a vita ....non ci arriva perche' e' un animale senza senso della ragione.....e voi mettereste veramente prima la salute e la vita felice ( perche' una ragazza sfigurata al giorno d'oggi non lo sarebbe ) di vistra figlia per un gatto ...?????ragionate......anche io sono contro le persone che maltrattano gli animali....pero'....sempre prima le persone

21/09/2013

Per chi diceva che un gatto può sfigurare una bambina se vede una mosca etc. Etc. , deve smettere di dare informazioni errate e smettere di vivere nel mondo dei sogni... Gli animali capiscono cosa fa bene e cosa fa male, i gatti estraggono gli artigli solo se necessario e non addosso alle persone... Chi non ha esperienza con animali, farebbe bene a non fornire informazioni errate. A scapito di persone e animali

Lex (LO) 06/10/2013

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Quali malattie può portare un gatto?"

Toxoplasmosi in gravidanza: gatto o cane in casa
La toxoplasmosi può essere presa dal gatto o dal cane? I consigli da seguire durante la gravidanza e la prevenzione da seguire nell'alimentazione.
Toxoplasmosi in gravidanza: sintomi e cure
La toxoplasmosi in gravidanza può manifestarsi senza sintomi. Le cure servono a ridurre il pericolo di infezione per il fato e il neonato.
Allergia al gatto e al cane nei bambini
Come si manifesta nei bambini l'allergia al gatto e al cane, con quali sintomi, quali rimedi consiglia il Pediatra. Esiste un vaccino al pelo di cane e gatto.
Effetti della toxoplasmosi in gravidanza
La toxoplasmosi in gravidanza può avere effetti anche gravi sul bambino e comporta il pericolo di complicazioni sul feto.
Pericolo toxoplasmosi in gravidanza
Quanto più è avanzata la gravidanza, tanto più facile è la trasmissione della malattia al feto.
Sintomi di Toxoplasmosi
Cosa succede se si viene contagiati dal Toxoplasma? I sintomi spesso partono da un ingrossamento dei linfonodi.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Giocare a calcio a sei anni
Ci hanno sconsigliato di far giocare a calcio nostro figlio di 6 anni a causa della facilità con cui possono formarsi dei microtraumi alle ossa.
Nonni o baby-sitter?
Quando riprenderò il lavoro, sarà meglio affidare il mio bambino ai nonni o alla baby-sitter? Il consiglio della psicologa.
Omogeneizzati o liofilizzati?
Omogeneizzati e liofilizzati hanno le stesse caratteristiche nutrizionali. Nelle prime fasi dello svezzamento vengono spesso preferiti i liofilizzati.
Campagna nazionale di educazione nutrizionale
Mangiar bene conviene per investire in salute.
Certificato di nascita e altri documenti dopo il parto
Appena nato e già alle prese con la burocrazia: certificato di nascita e altri documenti dopo il parto.

Quiz della settimana

I lattanti che assumono latte materno hanno un minor rischio di contrarre:
Otiti
Gastroenteriti
Polmoniti
Tutte le risposte sono esatte