ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Mastiti batteriche

Le mastiti batteriche sono infezioni che non sono correlate al profilo ormonale. Per interpretare il profilo è necessario conoscere il grado di sviluppo puberale e i motivi per cui è stata richiesta.

a cura di: Dott. Gianpaolo De Filippo (endocrinologo pediatra)

Dopo che la mia bambina di dieci anni ha avuto tre mastiti di tipo batterico in quattro mesi il pediatra mi ha consigliato la visita senologica (diagnosi di mastite curabile con antibiotico e impacchi di gentlin pomata per 10 giorni con esito positivo dopo visita di controllo) e esami ormonali. I risultati sono stati: LH<1; FSH 3,4; prolattina 7,9; progesterone 3,30.  Mi potrebbe dare delle spiegazioni sugli esami e sull'eventuale ciclo di mia figlia?

La prescrizione e l'interpretazione di ogni esame in medicina deve necessariamente essere correlata alla clinica; questo è vero per tutti i tipi di indagini, da quelle più comuni (ad esempio l'emocromo, il dosaggio del ferro) alle più specifiche e complesse.

L'interpretazione di un esame non deve mai riassumersi in un semplice paragone tra il risultato ottenuto e i valori più frequentemente osservati nella popolazione generale (quelli che vengono definiti "valori normali").

Nel caso specifico, per interpretare il profilo presentato é indispensabile conoscere il grado di sviluppo puberale (ad esemppio assenza di sviluppo mammario, sviluppo mammario iniziale, in corso da..., presenza o meno di peluria pubica e/o ascellare, eccetera) e le motivazioni che hanno condotto a richiederlo.

In linea generale, inoltre, le mastiti batteriche sono infezioni che non sono correlate al profilo ormonale.

16/6/2011

1/8/2016

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Mastiti batteriche"

Allattamento al seno: mastite e ingorgo mammario
L'ingorgo mammario può predisporre a mastite (infezione della mammella) con comparsa di febbre anche elevata.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Le vaccinazioni nel neonato
Per avere informazioni precise sul “calendario vaccinale” del neonato è oppurtuno rivolgersi al pediatra o al centro vaccinale della vostra zona.
Mamma con miopia molto grave
Un recente studio su 50 donne gravide affette da miopia superiore a 4,50 diottrie non ha segnalato aggravamento delle lesioni dopo il parto.
Non muove bene la bocca
Per effetto dell’ipoplasia un angolo della bocca non si abbassa. Si tratta di un’anomalia congenita piuttosto frequente nel neonato.
Analisi preventive per una bambina di un anno
Gli esami andrebbero prescritti non per controllare se una bimbina sta bene, ma per cercare conferma a seguito di un sospetto clinico fondato e motivato.
Bambini, adolescenti e social network
I social network sono uno strumento per favorire lo scambio di informazioni e la conoscenza reciproca. E' necessario un attento controllo da parte dei genitori.

Quiz della settimana

Secondo il calendario vaccinale in vigore in Italia, il vaccino antipoliomielite:
viene somministrato per via intramuscolare
viene somministrato per via orale
viene somministrato prima per via intramuscolare e poi per via orale nei richiami successivi
non viene più somministrato perché la malattia è ormai scomparsa