ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

L'esperto risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

Allattamento al seno: mastite e ingorgo mammario

La causa principale della mastite è spesso che la suzione del lattante non basta a svuotare il seno. Ecco come comportarsi.

a cura di: Dott.ssa Tiziana Candusso (pediatra)

Sono una ragazza di 27 anni ed ho una bambina di 35 giorni che allatto al seno. Circa 10 giorni fa ho avuto un ingrossamento di una ghiandola mammaria (lato esterno del seno) ed un conseguente gonfiore ed innalzamento della temperatura fino ad arrivare a 40 gradi circa nell'arco di 15 ore. Ho consultato un medico pediatra che mi ha diagnosticato un ingorgo mammario o mastite e mi ha consigliato di bere poco, degli antibiotici e lo svuotamento manuale del seno. Il medico di famiglia (contattato per la prescrizione del farmaco ) concorde con il suo collega per quanto riguarda lo svuotamento manuale del seno, mi ha, invece, sconsigliato l'antibiotico e suggerito di bere molti liquidi. Bevendo normalmente ed assumendo solo farmaci per l'abbassamento della temperatura la cosa si è risolta in qualche giorno. Spesso però mi ricapita, allo stesso seno, un leggero gonfiore e dolore che nella gran parte delle volte viene meno semplicemente allattando la bambina. Qualora dovesse ricapitarmi un dolore più importante o un nuovo innalzamento della temperatura, quale credete sia la terapia più adatta? Quali possono essere le precauzioni (oltre lo svuotamento manuale del seno) per prevenire quanto sopra descritto?

La condizione definita "ingorgo mammario" è clinicamente un ristagno di latte nei dotti galattofori e negli alveoli ghiandolari con un aumento della pressione endocanalicolare del latte. Questo fenomeno provoca a sua volta una stasi venosa e linfatica e, spesso, una involuzione delle cellule secretrici del latte con conseguente diminuzione della produzione. La causa principale del problema è spesso che la suzione del lattante non basta a svuotare il seno. La mammella appare tesa, dolente, dura, con capezzolo poco mobile.

L'ingorgo mammario può predisporre a mastite (infezione della mammella) con comparsa di febbre anche elevata. A questo proposito sono utili gli antipiretici e antinfiammatori, anche se, nel caso la sintomatologia febbrile perdurasse, gli antibiotici sono necessari per contrastare eventuali infezioni di origine batterica.

La terapia dell'ingorgo mammario prevede la spremitura manuale o meccanica (tira-latte) del seno: ciò può essere fatto regolarmente prima di ogni poppata in modo da "rammollare" parzialmente la mammella e favorire la suzione efficiente del lattante.

1/1/1997

25/9/2017

I commenti dei lettori

Suggerimenti pratici per "svuotare" la mammella dall'ingorgo mammario. Applicare una spugna bagnata e calda sulla mammella, avvolgere con pellicola trasparente da cucina in modo che aderisca bene, applicare borsa dell'acqua calda in modo da tenere molto caldo il seno. Dopo circa 30 minuti svuotare la mammella col tiralatte e se necessario ripetere. Questo consiglio mi si è rivelato fondamentale ed è veramente efficace. Auguri a tutte! Chiara firenze

chiara (FI) 23/02/2011

Anche io ho avuto l'ingorgo mammario, perchè ho smesso di allattare mia figlia che ha 23 mesi, mi sono state utilissime le docce calde con massaggi al seno, ma ho dovuto prendere l'antibiotico :( ma per fortuna si è risolto tutto in una settimana.In bocca al lupo!

Giusi (RE) 20/04/2013

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Allattamento al seno: mastite e ingorgo mammario"

Il seno in gravidanza
Durante la gravidanza il seno si prepara per l'allattamento. Il seno diventa più sodo e più grosso.
Mastiti batteriche
Le mastiti batteriche sono infezioni che non sono correlate al profilo ormonale.
Allattamento al seno: ragadi del capezzolo
Allattare al seno può essere doloroso: dipende da quanto profonde sono le ragadi del capezzolo.
Allattamento al seno: non vuole attaccarsi
Il neonato non si attacca al seno. Qualche suggerimento per non rischiare di perdere il latte della mamma.
Pubertà precoce
Si definisce classicamente pubertà precoce vera la comparsa dei primi segni di sviluppo puberali a un'età inferiore agli otto anni nella femmina.
Allattamento al seno: quali vantaggi?
L'allattamento al seno rappresenta in assoluto il miglior tipo di alimentazione per il bambino nei suoi primi mesi di vita.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Ha quasi un mese, ma non gli è ancora caduto il moncone ombelicale
La caduta del moncone ombelicale: ad un mese di vita, se non fosse già caduto, va reciso chirurgicamente.
Le sono già comparse le smagliature sul seno
Il seno si è riempito di smagliature ancora rosse, posso fare qualcosa di più efficace? I consigli del dermatologo.
Pro e contro l'asilo nido
La scelta di mandare all'asilo nido bambini anche molto piccoli è un'esigenza "moderna". I consigli del Pediatra.
La donna dopo il parto
Il brusco cambiamento avvenuto dopo il parto porta l'organismo ad una serie di complesse modificazioni.
La pelle del neonato
La pelle del neonato è soggetta ad arrossamenti ed irritazioni a causa dell'estrema fragilità cutanea e del contatto prolungato con fattori irritanti.

Quiz della settimana

Per quanto tempo si può conservare in frigorifero il latte materno, senza perdere nessuna delle sue molteplici proprietà?
meno di 12 ore
non piu di 24 ore
36 ore
oltre le 48 ore