ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Saperne di più

per approfondire insieme

Il seno in gravidanza

Durante la gravidanza il seno va incontro a numerosi cambiamenti. Già dopo alcune settimane dal concepimento appare più pieno e più duro.

a cura di: Dott. Guido Vertua (pediatra)

Durante la gravidanza il seno va incontro a numerosi cambiamenti. Già dopo alcune settimane dal concepimento appare più pieno e più duro; l'areola (quella zona che circonda il capezzolo) diventa più scura lasciando spesso intravedere, sotto la pelle, le arterie e le vene. Anche il capezzolo si ingrossa diventando più scuro e più eretto.

È normale che compaia una maggiore sensibilità al seno, oppure che si manifesti un vero è proprio indolenzimento, del tutto simile a quello che molte donne provano prima della comparsa delle mestruazioni. Il senso di tensione e di pesantezza al seno si avverte soprattutto all'inizio della gravidanza, ma il disturbo molte volte si attenua a mano a mano che procede la gestazione.

Per alleviare il dolore si possono fare degli impacchi o delle spugnature di acqua tiepida alternata ad acqua fredda. Occorre inoltre indossare un reggiseno comodo, con coppe lisce (senza cuciture che potrebbero irritare il capezzolo), che sostenga senza comprimere o stringere, e che si adatti alla nuova e ingrandita forma delle mammelle.

A partire dal terzo trimestre quest'ultime cominciano a secernere un liquido giallastro, spesso denso e viscoso, chiamato colostro, che non è altro che lo stesso liquido che il seno produce nelle prime 48 ore dopo il parto e che rappresenta il liquido intermedio prima della formazione del latte materno vero e proprio.

20/8/2000

1/6/2018

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Il seno in gravidanza"

Allattamento al seno: quali vantaggi?
L'allattamento al seno rappresenta in assoluto il miglior tipo di alimentazione per il bambino nei suoi primi mesi di vita.
Allattamento al seno: mastite e ingorgo mammario
L'ingorgo mammario può predisporre a mastite (infezione della mammella) con comparsa di febbre anche elevata.
Ingrossamento della ghiandola mammaria
L'ingrossamento della ghiandola mammaria può essere inquadrato nell'ambito del telarca precoce. Può essere presente fin dalla nascita.
Allattamento al seno: capezzolo introflesso
Il capezzolo introflesso è un difetto che interferisce con l'allattamento al seno.
Pubertà precoce
Si definisce classicamente pubertà precoce vera la comparsa dei primi segni di sviluppo puberali a un'età inferiore agli otto anni nella femmina.
Il seno in gravidanza
Durante la gravidanza il seno si prepara per l'allattamento. Il seno diventa più sodo e più grosso.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Alimentazione dopo l'anno di vita
Dopo il primo anno, l'alimentazione sarà quasi uguale a quella di un adulto. E' importante che segua una dieta completa e varia.
Dolori alle articolazioni e alla schiena in gravidanza
Durante tutta la gravidanza può capitare di avvertire dei dolori articolazioni e alla schiena.
Macchie mongoliche
Le macchie mongoliche sono lesioni maculari congenite determinate dalla presenza in eccesso nel derma.
Aerofagia
Per evitare l'aerofagia nel lattante è bene utilizzare prodotti a base essenzialmente di finocchio, anice verde, melissa e camomilla.
Gli è stato diagnosticato un reflusso vescico-ureterale
La correzione del reflusso vescico-ureterale può essere chirurgica. La tecnica più frequentemente adottata è quella di Cohen.

Quiz della settimana

Che cosa è il miocardio?
Un osso
Una arteria
Un muscolo
Un nervo