ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

L'esperto risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

È troppo attaccata alla mamma

Il distacco dalla mamma è sempre un problema per ogni bambino. Ecco i consigli su come affrontare questo passaggio della vita.

a cura di: Dott. Massimo Sidoti (psicopedagogista della redazione di www.exducere.com)

Eccessivo attaccamento alla madre Sono un papà di una bimba di 30 mesi. Più passa il tempo e più mia figlia è dipendente da sua madre, la quale non è quasi più in grado di svolgere le normali attività di casa e famiglia, in quanto la figlia la costringe a stare sempre con lei. Mia moglie lavora e lascia la figlia alla baby-sitter, tutte le mattine sempre con un sotterfugio, per potersi staccare da lei (ore 9.30). Alla sera quando torna (ore 17.00), la figlia vuole stare solo con la madre e non accetta le attenzioni del fratello o mie. Per giunta è gelosa nei confronti della madre la quale non può ricevere gli affetti di altri componenti della famiglia. Dorme solo con la madre e non accetta che ci siano altri vicino. Insomma, a parte quando è con la "tata", se non c'è la madre sono solo urla. Io credo che sia un po' troppo morboso questo attaccamento e mi chiedo quale possa essere la causa e quale strategia poter adottare per invertire questo stato. Se potete darmi un'indicazione su come sono arrivato a questa situazione e su come cercare di porre rimedio, ve ne sarei grato.

Occorre capire che i bambini sono molto sensibili alle nostre ansie nei loro confronti, di cui si rendono conto delle nostre preoccupazioni anche senza che ce ne accorgiamo, loro capiscono il nostro tono di voce e il nostro modo di toccarli. Se osserviamo con attenzione una mamma ed i suoi comportamenti, ci accorgiamo che spesso si mostra preoccupata quando deve lasciare il figlio alla baby-sitter, tutto ciò viene recepito dal bambino, la quale di riflesso manifesta atteggiamenti di paura e di sfiducia. La madre, invece, deve crescere il proprio figlio con atteggiamenti che diano sicurezza, fiducia e calma, ciò permetterà al bambino di affrontare il distacco, con comprensione e senza conflitti interiori, esprimendo liberamente senza condizionamenti il proprio modo di essere.

12/7/2002

26/9/2016

I commenti dei lettori

Io ho una bambina di 2 anni che è molto legata a me che sono la sua mamma,io non lavoro,quindi passiamo tutta la giornata insieme,ma da una settimana circa,si sveglia molto presto la mattina,a volte anche alle 5,chiamandomi e chiendomi di venire in braccio,io lascio che si riaddormenti (dorme nella nostra camera,ma nella sua culla),ma appena metto i piedi giù dal letto,pur non facendo alcun rumore,piange,la prendo in braccio e una volta messa nel sediolino nel soggiorno,si riaddormenta,ma nella culla non riesce a stare.Durante la giornata è sempre molto capricciosa, vuole stare sempre in braccio a me,ovunque vado io viene lei,eppure quando la lascio con la nonna rimane volentieri,ma quando siamo a casa se non la tengo in braccio è un continuo piangere. Perchè? Cosa le sta succedendo?

Rosalba (TA) 20/06/2012

Se una bambina di appena due anni e mezzo non vede la mamma dalle 9 alle 17, penso sia più che normale che poi voglia stare attaccata alla mamma, mentre non penso siano normali le perplessità paterne. Per quanto riguarda il commento di Rosalba, una bambina di due anni è lasciata sola nel suo lettino tutta la notte e la mattina alle 5 vuole la mamma con sé o non si riaddormenta, penso sia una bambina che ha voglia di coccole: provi a prenderla in braccio, mettersi a letto e riaddormentarsi nel suo letto con lei, vi sveglierete alle 11 rigenerate e contente ;-)

Ester (MB) 28/01/2013

Alla fine, è sempre colpa delle mamme...

eleonora (BS) 28/01/2013

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "È troppo attaccata alla mamma"

Vacanza senza figli
A che età è pronto per un distacco dalla mamma? Vorrei provare una vacanza senza figli per partire con mio marito.
Da quando va al nido soffre di infezioni ricorrenti
È normalissimo che la bambina soffra di infezioni ricorrenti: vengono ritenuti normali anche nove episodi durante il primo anno di frequenza del nido.
Asilo o baby-sitter?
Asilo o baby-sitter: una scelta difficile per la mamma che lavora. I consigli della psicologa.
Dovrò lasciare mia figlia di otto mesi per iniziare a lavorare
Come rendere meno traumatico il distacco dalla mamma che deve iniziare a lavorare? I consigli della psicologa.
Andrà al nido il mese prossimo
Inizierà il nido il mese prossimo. I consigli su come prepararlo a questa nuova esperienza.
Nonni o baby-sitter?
Quando riprenderò il lavoro, sarà meglio affidare il mio bambino ai nonni o alla baby-sitter? Il consiglio della psicologa.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Dieta di scatenamento
La dieta di scatenamento consiste nel provare una serie di alimenti per individuare quello responsabile dell'allergia.
Non racconta nulla di quello che succede a scuola
Quando le chiedo cosa ha fatto a scuola mi risponde che non sa, non si ricorda. E non ci racconta nulla. I consigli della psicologa.
Torcicollo congenito
Il torcicollo congenito è una deformità presente alla nascita. Non è sempre necessario l'intervento chirurgico.
Aumento di peso in gravidanza
L'aumento di peso nell'arco dell'intera gravidanza normalmente si aggira tra i 7 e i 14 kg complessivi.
Calo di peso nel neonato
Il calo di peso è normale nei primi giorni di vita del neonato. Si considera normale che un neonato a termine recuperi il peso della nascita entro 8-10 giorni.

Quiz della settimana

Che cosa e' il meconio?
Una secrezione densa emessa dalla bocca del neonato al momento della nascita
Una sostanza emessa dall'intestino del neonato
Una sostanza vischiosa proveniente dal naso del neonato
Nessuna delle risposte corretta