ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

Allattamento al seno: capezzolo introflesso

Il capezzolo introflesso è un difetto che interferisce con l'allattamento al seno. Esistono alcuni metodi per risolvere un problema che interessa tante mamme che allattano.

a cura di: Dott. Guido Vertua (pediatra)

Che cosa posso fare per i capezzoli rientrati? Tra alcune settimane partorirò il mio secondo figlio e mi si ripresenta il problema dell'allattamento. Infatti ho il problema del capezzolo rientrato e per il primo figlio ho dovuto abbandonare l'idea di allattarlo, perché, nonostante i molti tentativi, non sono riuscita a farlo attaccare al seno. Ora vi chiedo, si può fare qualcosa per far uscire il capezzolo e poter quindi allattare questo secondo figlio? Esistono mezzi artificiali che possono aiutare le mamme che hanno questo problema, oppure devo rinunciare già dall'inizio ad ogni tentativo?

Il capezzolo introflesso o rientrante può essere mono o bilaterale ed interessa il 7-9% di tutte le puerpere, interferendo notevolmente con la capacità di iniziare e di continuare nell’allattamento al seno. Il difetto anatomico consiste in una brevità dei dotti galattofori (quelli che trasportano il latte) e nella presenza di tessuto fibroso che tira all’interno il capezzolo, impedendone l’erezione. Per risolvere il problema dei capezzoli introflessi si utilizzano mezzi non invasivi come le coppette modellatrici del capezzolo, che aiutano la sua fuoriuscita, oppure gli esercizi di stiramento manuale, chiamati anche esercizi di Hoffman.

Consistono nell’afferrare il capezzolo tra il pollice e l’indice tirandolo in fuori fino a quando non si avverte dolore o nel porre i due pollici sui lati del capezzolo, esercitando una pressione su di esso tirandolo, nello stesso tempo, verso l’esterno. Questi esercizi vanno ripetuti almeno una ventina di volte al giorno. Esistono poi dei metodi per creare una pressione negativa al capezzolo in modo da stirare, senza comprometterli, i dotti galattofori, la muscolatura intrinseca del capezzolo e i tessuti circostanti.

Ad esempio è in vendita un dispositivo, ideato da un chirurgo plastico inglese, a forma di capezzolo trasparente, connesso ermeticamente ad un tubicino nel quale è inserita una valvola ed un attacco per siringa. Una volta posizionato sul capezzolo, l’aria si estrae con la siringa ed il capezzolo viene richiamato all’esterno dal vuoto creatosi. Il dispositivo può essere lasciato addosso per lungo tempo e può essere usato anche durante la gravidanza. Nell’eventualità che, nonostante i metodi sopra illustrati, non si riuscisse a risolvere il problema, l’unico altro suggerimento è quello si spremere il latte dal seno per somministrarlo direttamente al bambino.

12/12/1999

12/3/2017

I commenti dei lettori

Salve a tutti! Anch'io ho il problema dei capezzoli rientrati, ma per me non è pensabile praticare degli esercizi manuali: escono solo se li aspiro con una siringa, per poi ritornare immediatamente all'interno. Io ho provato in tutti i modi ad allattare la mia bimba: alla fine passavo ore a svuotare manualmente il seno per darle il mio latte con il biberon, dato che neanche il tiralatte riusciva ad "estrarre" il latte (figuriamoci la mia povera piccola): alla fine ero stremata, producevo talmente tanto latte da avere il seno sempre gonfio e dolente ed ho dovuto abbandonare l'idea...è stato terribile. Sarei disposta anche ad un intervento chirurgico x riuscire ad allattare il prossimo bimbo, ma non a passare quello che ho passato in quei giorni...

ELISA 28/10/2010

sono una mamma che allatta con il paracapezzolo dai primi giorni di vita(perche ho i capezzoli rientrati) vorrei sapere fino a ouanti mesi posso allattare cosi,il bimbo ha due mesi.grazie

gabriela (VI) 25/01/2011

Buongiorno a tutti, ho una bimba di un anno che allatto tutt'ora a richiesta, ho sempre avuto entrambi i capezzoli introflessi, dopo aver partorito, all'arrivo della montata lattea uno è uscito definitivamente, l'altro sembra sia rientrato di più. Ma ciò non ha impedito l'allattamento, l'ostetrica e le puericultrici mi dicevano che il neonato deve mettere in bocca anche l'areola non solo il capezzolo, e infatti succhiando il latte usciva. L'inconveniente per il capezzolo sfortunato è stata la comparsa di ragadi sin dall'inizio, piangevo ogni volta che ciucciava, ho risolto dopo ben 58 giorni con una crema cortisonica su consiglio della mia dottoressa. Le ragadi nel corso dei mesi sono ricomparse ma non ha più costituito un problema perché ormai sapevo come risolvere. Ad oggi, comunque, il mio capezzolo viene fuori dopo un po' che ciuccia, per poi tornare come prima, ma penso che col tempo i dotti si allungheranno abbastanza da farsì che finalmente usciranno entrambi permanentemente. Spero che la mia testimonianza possa dare coraggio nella scelta di proseguire l'allattamento. In bocca al lupo!

Ester (MI) 04/08/2011

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Allattamento al seno: capezzolo introflesso"

Seno ingrossato nel neonato
È normale che il neonato abbia il seno ingrossato. Si tratta della crisi genitale, un fenomeno ormonale che passerà da solo.
Come cambia il seno in gravidanza
Il cambiamento del seno è uno dei primi segni evidenti dello stato di gravidanza.
Allattamento al seno: non vuole attaccarsi
Il neonato non si attacca al seno. Qualche suggerimento per non rischiare di perdere il latte della mamma.
Il seno in gravidanza
Durante la gravidanza il seno va incontro a numerosi cambiamenti.
Ingrossamento della ghiandola mammaria
L'ingrossamento della ghiandola mammaria può essere inquadrato nell'ambito del telarca precoce. Può essere presente fin dalla nascita.
Allattamento al seno: quali vantaggi?
L'allattamento al seno rappresenta in assoluto il miglior tipo di alimentazione per il bambino nei suoi primi mesi di vita.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Craniostenosi
Con il termine di craniostenosi si intende una malformazione del cranio dovuta ad un’alterazione dell'ossificazione.
I disturbi del sonno
I disturbi del sonno: quando il bambino ha paura di addormentarsi da solo.
Sottopeso
Mia figlia di 15 mesi mangia regolarmente, è una bambina molto attiva, ma è sottopeso. La pediatra dice che l'importante che stia bene.
Giorni fertili: in quali giorni del ciclo mestruale è più probabile rimanere incinta?
In quali giorni fertili del ciclo mestruale è più probabile rimanere incinta. Come calcolare la data dell'ovulazione.
Lo svezzamento dopo il sesto mese
Dal sesto mese di vita compiuto si può iniziare lo svezzamento, cioè l'integrazione di cibi solidi e semisolidi.

Quiz della settimana

Quale fra le seguenti affermazioni sulle caratteristiche del latte materno è più corretta?
Il latte materno ha caratteristiche nutritive che variano durante le varie ore della giornata
Il latte materno normalmente non ha necessità di essere analizzato in laboratorio
Il latte materno ha una composizione che varia durante la poppata
Tutte le precedenti risposte sono esatte