ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Saperne di più

per approfondire insieme

Il seno in gravidanza

Durante la gravidanza il seno si prepara per l'allattamento. Il seno diventa più sodo e più grosso: i seni più piccoli sono quelli che crescono di più e più velocemente.

a cura di: Dott.ssa Orietta Scattolin (pediatra)

Durante la gravidanza le ghiandole mammarie si gonfiano e si preparano per l'allattamento: esse vengono attivate e inoltre al seno arriva una maggiore quantità di sangue, per i vasi sanguigni, di conseguenza si dilatano. Il seno diventa più sodo e più grosso: i seni più piccoli sono quelli che crescono di più e più velocemente.

Si può addirittura notare la presenza di striature bluastre sul seno: sono le vene, più gonfie, che traspaiono attraverso la pelle e resteranno così fino alla fine dell'allattamento. Le areole crescono in larghezza e i capezzoli diventano più lunghi, in modo che il piccolo si attacchi con maggior facilità. L'areola diventa più scura perchè la pelle più è pigmentata e più è resistente alla suzione vigorosa del lattante.

La crescita del capezzolo è meno evidente nelle gravidanze successive alla prima. Chi ha i capezzoli rientranti non si deve preoccupare perchè di solito il neonato ha forza sufficiente per succhiare ed esistono, comunque, rimedi per aiutare ad allattare senza problemi.

E' buona cosa sostenere il seno fin da subito con un buon reggiseno, altrimenti la pelle sarà troppo tesa e si allungherà in modo eccessivo. Il seno diventa così anche meno sensibile. Le spalline non devono essere troppo elastiche, ma non devono neppure tirare troppo. Esistono in vendita reggiseni regolabili, che crescono parallelamente alla crescita del seno della donna. Un reggiseno con le coppe sostiene meglio i seni più pesanti.

A causa della loro crescita i seni e i capezzoli possono causare prurito: è segno che la pelle è troppo tesa e questo facilita le smagliature. Quando si ha freddo i capezzoli si induriscono e possono fare male: è normale perchè i capezzoli sono diventati molto più sensibili, ma è meglio, appena possibile, fare una doccia o un bagno caldo o tenere una borsa dell'acqua calda sui seni.

Durante la gravidanza può fuoriuscire un pò di latte dai capezzoli: se si strizza il capezzolo o si vede una macchia gialla sul pigiama non c'è da preoccuparsi. I piccoli rigonfiamenti che compaiono sull areola sono le ghiandole di Montgomery, che producono del grasso: esso mantiene morbida la pelle dei capezzoli e la protegge dai germi; queste ghiandole inoltre emanano un profumo particolare che permette al neonato, grazie al suo senso dell'olfatto ben sviluppato, di riconoscere il seno della propria mamma.

Dopo l'allattamento generalmente il seno si rimpicciolisce e diventa flaccido. Migliorerà il suo aspetto nel giro di un anno: il seno ha bisogno di tempo per recuperare perchè il tessuto adiposo deve riformarsi.

 

 

21/1/2010

25/9/2016

I commenti dei lettori

ciao...sono una ragazza di 18 anni e avverto dolore al seno.. mi sono comparsi dei puntini da 1.. sono diventati 3 ,4....vorrei sapere una cosa.. e da 1 settimana che sento dolori i primi giorni forte dolore al basso ventre e dopo dolore al seno ...le vene sono visibili nn ho mai avuto sintomi di questo tipo èla prima volta puo darsi che sono incinta? ho fatto l'amore senza usi protetti solo naturalmente.. aspetto risposte grazie..

vale (BS) 12/06/2012

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Il seno in gravidanza"

Allattamento al seno: non vuole attaccarsi
Il neonato non si attacca al seno. Qualche suggerimento per non rischiare di perdere il latte della mamma.
Il seno in gravidanza
Durante la gravidanza il seno va incontro a numerosi cambiamenti.
Allattamento al seno: capezzolo introflesso
Il capezzolo introflesso è un difetto che interferisce con l'allattamento al seno.
Allattamento al seno: mastite e ingorgo mammario
L'ingorgo mammario può predisporre a mastite (infezione della mammella) con comparsa di febbre anche elevata.
Rigonfiamento del capezzolo in un ragazzo adolescente
Il rigonfiamento del capezzolo in un ragazzo adolescente è un fenomeno fisiologico che che si presenta in più di due terzi dei ragazzi al momento della pubertà.
Allattamento al seno: ragadi del capezzolo
Allattare al seno può essere doloroso: dipende da quanto profonde sono le ragadi del capezzolo.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Frattura del femore
Mio figlio di 4 anni si è fratturato il femore destro. Ora purtroppo deve portare un rialzo.
Gli esami da eseguire in gravidanza
Per monitorare l'andamento della gravidanza sarà necessario fare alcuni esami, alcuni dei quali a carico del Servizio Sanitario Nazionale.
L'igiene del neonato
L'igiene del neonato comincia subito dopo la nascita in sala parto, con sola acqua e senza detergenti. I consigli per l'igiene a casa.
Allattamento al seno e risvegli notturni: vuole ancora il latte della mamma di notte
A otto mesi si sveglia e prende ancora il latte dalla mamma. Come comportarsi per risolvere il problema.
Anemia
Le cause possono essere congenite, trasmesse cioè con meccanismo ereditario, o acquisite durante il corso della vita.

Quiz della settimana

Quando si è punti da una zecca, quale dei seguenti comportamenti occorre seguire?
Rimuovere la zecca con alcool o acetone
Lasciare la zecca in sede per alcune ore facendola intontire con ammoniaca
Rimuovere la zecca prontamente con una pinzetta
Schiacciare subito la zecca nella sede della morsicatura