ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

Seno ingrossato nel neonato

È normale che il neonato abbia il seno ingrossato. Si tratta della crisi genitale, un fenomeno ormonale che passerà da solo. Non bisogna preoccuparsi.

a cura di: Dott. Rodolfo Varani (pediatra)

Ho notato che il mio bambino, che ha 22 giorni, ha il seno gonfio da cui fuoriesce del latte. Devo preoccuparmi? Il bambino prende il mio latte.

Il problema del suo bambino si definisce "crisi genitale del neonato" ed è un insieme di manifestazioni tipiche nei primi giorni di vita. Riconosce come causa un elevato tasso di ormoni (in prevalenza estrogeni, cioè ormoni femminili) in parte di derivazione materna (dovuti al loro passaggio durante la vita fetale) ed in parte prodotti dal neonato stesso nel corso dei suoi meccanismi di adattamento dopo la nascita. Questo aumento dei livelli ormonali può perdurare per alcune settimane ed è in grado di stimolare le ovaie ed i testicoli.

Nelle femmine può portare ad aumento del volume del clitoride e delle grandi labbra, aumento di volume dell'utero, secrezioni vaginali sieromucose, perdite emorragiche vaginali. Nei maschi può causare aumento di volume della prostata e delle vescicole seminali, e metaplasia epiteliale della prostata. Nei maschi e nelle femmine può provocare acne, iperplasia (aumento di volume) e ingorgo mammario.

In epoca neonatale la manifestazione più caratteristica è l'ingorgo mammario, una tumefazione a volte cospicua delle ghiandole mammarie, possibile sia nel maschio che nella femmina. Regredisce in genere spontaneamente nel giro di qualche settimana e non richiede alcun trattamento specifico. A volte è possibile osservare la fuoriuscita di alcune gocce di latte (denominato comunemente latte di strega). È opportuno astenersi dall'applicare impacchi o effettuare spremiture per evitare complicazioni.

Va differenziata dalla mastite neonatale, vera e propria infiammazione batterica della ghiandola mammaria che richiede invece trattamento antibiotico. In alcune neonate è possibile osservare, dopo circa 3-4 giorni dalla nascita, una secrezione vaginale sierosa o ematica, che può durare alcuni giorni: si tratta sempre di un fenomeno naturale che non deve destare alcuna preoccupazione, a remissione spontanea.

14/12/2001

17/5/2017

I commenti dei lettori

Buongiorno, mia figlia ha 5 mesi e mezzo, e da un pò di giorni ho notato che i suoi capezzoli non sono lisci ma sono aperti, sembra che abbia dei taglietti. Cosa significa?

Pamela (TA) 06/07/2012

buongiorno mio figlio che a 12 giorni che e nato abbiamo scoperto che a il petto un po gonfio ce da preoccuparsi

carmine (VV) 06/10/2013

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Seno ingrossato nel neonato"

Rigonfiamento del capezzolo in un ragazzo adolescente
Il rigonfiamento del capezzolo in un ragazzo adolescente è un fenomeno fisiologico che che si presenta in più di due terzi dei ragazzi al momento della pubertà.
Allattamento al seno: mastite e ingorgo mammario
L'ingorgo mammario può predisporre a mastite (infezione della mammella) con comparsa di febbre anche elevata.
Allattamento al seno: capezzolo introflesso
Il capezzolo introflesso è un difetto che interferisce con l'allattamento al seno.
Allattamento al seno: non vuole attaccarsi
Il neonato non si attacca al seno. Qualche suggerimento per non rischiare di perdere il latte della mamma.
Allattamento al seno: quali vantaggi?
L'allattamento al seno rappresenta in assoluto il miglior tipo di alimentazione per il bambino nei suoi primi mesi di vita.
Allattamento al seno: i consigli dell'ARP
Allattamento al seno: le schede della Associazione per la Ricerca in Pediatria. I consigli dei Pediatri.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Insonnia in gravidanza
Dal quinto mese di gravidanza in poi un po' di insonnia è normale. Che fare? I consigli dell'esperto.
Lo sviluppo motorio nel primo anno di vita
Esiste una grande variabilità nei tempi oltre che nelle modalità dello sviluppo motorio nel primo anno di vita.
Un elettrocardiogramma per tutti i neonati
Una proposta per prevenire le morti in culla.
Attaccamento alla mamma e rifiuto dell'estraneo
Ha un forte attaccamento alla mamma. La mamma deve mediare le risposte emotive del suo bambino e ampliarne le esperienze verso l'esterno.
Ha la fontanella pulsante
Ha la fontanella pulsante perché i capelli in corrispondenza della fontanella si alzano e si abbassano ritmicamente.

Quiz della settimana

Che cosa è l'ambliopia?
Una particolare forma di zoppia
Il mancato o diminuito sviluppo della capacità visiva da uno o entrambi gli occhi
Una rara forma di strabismo che interessa alternativamente i due occhi
La difficoltà a vedere gli oggetti da lontano