ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Pubertà precoce

"Pubertà precoce" l'apparizione del primo segno puberale (il bottone mammario per le bambine, l'aumento del volume dei testicoli per i bambini) prima dell'età che è ritenuta come limite minimo.

a cura di: Dott. Gianpaolo De Filippo (endocrinologo pediatra)

Ho sentito parlare di "pubertà precoce". Di che cosa si tratta? Quali sono i criteri per dire se una pubertà è normale oppure precoce? Esistono delle cure?

Si intende per "pubertà precoce" l'apparizione del primo segno puberale (il bottone mammario per le bambine, l'aumento del volume dei testicoli per i bambini) prima dell'età che è ritenuta come limite minimo per la popolazione in esame: per l'Europa centro-meridionale, di cui l'Italia fa parte, otto anni per le bambine, dieci per i maschietti. Questa situazione può essere idiopatica (senza nessuna causa apparente), come nella maggior parte dei casi nel sesso femminile oppure secondaria ad alcune malattie.

Una volta accertata la presenza dei segni clinici di inizio della pubertà, il pediatra prescriverà alcuni esami (radiografia per età ossea, dosaggi ormonali, ecografie, TAC o risonanza magnetica) per confermare da un lato l'inizio della pubertà e dall'altro per escludere la presenza di malattie che ne possano essere alla base. La terapia dipenderà ovviamente dalla diagnosi. Nel caso di una pubertà precoce idiopatica, detta anche "pubertà centrale vera", il grosso problema è quello della statura finale, oltre alle difficoltà psicologiche che uno sviluppo troppo precoce può comportare. Infatti, la pubertà si accompagna ad un'accelerazione notevole della velocità di crescita, con una saldatura precoce delle cartilagini di accrescimento e conseguente bassa statura finale. Il medico valuterà dunque l'opportunità di iniziare una terapia per frenare la pubertà in base all'età, alla previsione di statura, al contesto psicologico. Quando è basata su una diagnosi precisa questa terapia (come in molti altri casi) non ha effetti secondari, è ben tollerata e può dare buoni risultati.

27/6/2001

4/1/2018

I commenti dei lettori

Mia figlia di 9 anni è da circa un paio di mesi che ha dei piccoli bottoncini al seno, purtroppo di recente ha sbattuto contro lo spigolo del tavolo contro uno di essi. Quando lo tocca le fa male e si vede che uno è più sporgente dell'altro... penso che sia la botta ricevuta, ma visto che si tratta di una zona delicata sono un pò preoccupata.

maria (MI) 13/01/2011

ho una bimba che all'eta' di 2 anni presentava un proseguimento del telarca neonatale,ha fatto svariati controlli (raggi ed ecografie) e risultava tutto nella norma.oggi ha 5 e 7 mesi e avverto un odore acre alle ascelle. sono molto preoccupata!

 

claudia (NA) 30/07/2012

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Pubertà precoce"

Pubertà precoce
Si definisce classicamente pubertà precoce vera la comparsa dei primi segni di sviluppo puberali a un'età inferiore agli otto anni nella femmina.
Crescita dopo la pubertà
La crescita media di una ragazzina dopo il menarca è di 5 - 7,5 centimetri, seppur con grosse variazioni individuali.
Telarca
Il telarca, lo sviluppo delle ghiandole mammarie e quindi del seno, avviene in media intorno ai dieci anni e mezzo.
I problemi dell'adolescenza
Nell'adolescenza l'individuo cerca di adattare la personalità alle nuove condizioni prodotte dalle trasformazioni fisiche.
Associazione Famiglie di Soggetti con Deficit dell'Ormone della Crescita
L'Associazione Famiglie di Soggetti con Deficit dell'Ormone della Crescita è composta da genitori che hanno i figli in terapia con l'ormone della crescita.
Menarca e pubertà
Lo sviluppo della ghiandola mammaria è in genere il primo segno di pubertà "visibile" delle bambine.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

La prima visita dal dentista
Alcuni consigli per fare affrontare al tuo bambino con serenità la prima visita dal dentista.
Omogeneizzati o liofilizzati?
Omogeneizzati e liofilizzati hanno le stesse caratteristiche nutrizionali. Nelle prime fasi dello svezzamento vengono spesso preferiti i liofilizzati.
Troppo remissiva alla scuola materna
Subisce l'atteggiamento aggressivo e prepotente di una sua compagna. Come aiutarla a diventare meno remissiva.
Emorragia cerebrale nel prematuro
Come accelerare il recupero motorio di mia figlia che è nata prematura e a cui è stata diagnosticata una emorragia cerebrale? Il parere del neuropsichiatra.
Latte per il neonato
Qual è la quantità corretta di latte per un neonato nei primissimi giorni di nascita? I consigli del Pediatra.

Quiz della settimana

Chi è colpito dall'emofilia?
Soprattutto i maschi
Soprattutto le femmine
Entrambi i sessi, senza differenze