ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Menarca e pubertà

Lo sviluppo della ghiandola mammaria è in genere il primo segno di pubertà "visibile" delle bambine. Tra l'inizio della pubertà ed il menarca trascorrono in media due anni.

a cura di: Dott. Gianpaolo De Filippo (endocrinologo pediatra)

Sono un po' preoccupata. mia figlia ha quasi nove anni ed è da alcuni mesi che ho notato un rigonfiamento del seno. Ora al mare ho visto che è l'unica delle sue amiche.  Non sento (ma forse sono io che non ho la mano sensibile) bottoni mammari. Ho anche notato che quando suda ha un odore decisamente forte.  E' piccola di statura (1,26 cm per 26 kg). Ultimamente ha preso molto peso ma l'ho imputato a terapie di cortisonici in spray per infezioni respiratorie ricorrenti. Cosa mi devo aspettare? Siamo nella pubertà? E come faccio a prepararla ai cambiamenti? Quanto tempo passerà al menarca?

Lo sviluppo della ghiandola mammaria è in genere il primo segno di pubertà "visibile" delle bambine. Nella popolazione italiana l'età minima per l'inizio dello sviluppo puberale è di 8 anni, con un'età media che si aggira intorno ai 10 anni. Tra l'inizio della pubertà ed il primo sanguinamento mestruale (il menarca) trascorrono in media 2 anni.

L'inizio della maturazione delle ghiandole surrenali (definito "adrenarca"), responsabile della sudorazione acida e, più avanti, della comparsa dei primi peli pubici e ascellari, può invece essere più precoce e nove anni rappresenta appunto l'età media di inizio.

L'effettivo inizio dello sviluppo mammario va confermato con la palpazione, in quanto l'aspetto può essere ingannevole, soprattutto se il peso della bambina è in aumento (per la questione specifica, è difficile che la causa di un sovrappeso sia la somministrazione di cortisonici inalatori in quanto, per avere un reale effetto sul peso, servirebbero delle dosi molto superiori a quelle comunemente usate per le infiammazioni delle vie aeree).

Una visita dal pediatra di famiglia, che calcolerà anche la velocità di crescita alla ricerca della tipica accelerazione puberale, permetterà di dirimere i dubbi.

22/10/2012

29/4/2016

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Menarca e pubertà"

Pubertà precoce
Si definisce classicamente pubertà precoce vera la comparsa dei primi segni di sviluppo puberali a un'età inferiore agli otto anni nella femmina.
Telarca
Il telarca, lo sviluppo delle ghiandole mammarie e quindi del seno, avviene in media intorno ai dieci anni e mezzo.
Peli sul pube e sotto le ascelle
A mio figlio sono comparsi dei peli sul pube e sotto le ascelle. Si tratta di una pubertà precoce?
Prime mestruazioni
Le compaiono le mestruazioni ogni 15 giorni. Questa irregolarità è fisiologica per i primi 2-3 anni.
Sviluppo precoce
La pubertà precoce nel sesso femminile viene convenzionalmente definita come la comparsa dei primi segni puberali prima dell'età di 8 anni.
Asimmetria del seno
L'asimmetria dello sviluppo del seno è un'evenienza abbastanza frequente, ma non sempre è un problema.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Lasciarlo figlio unico?
Meglio figlio unico? Vantaggi e svantaggi del dargli un fratellino. I consigli della psicologa.
Rifiuta il biberon
Rifiutare il biberon è un comportamento frequente. La tettarella ha spesso un gusto di cloro.
Speciale bruxismo
Il bruxismo: cosa significa e come si cura. Il bambino può scaricare la tensione emotiva interna battendo o digrignando i denti.
Doppio distretto renale
Il doppio distretto renale è la più frequente variazione anatomica delle vie urinarie e nella maggioranza dei casi non si associa ad alcun problema.
Neonato che dorme nel lettino
Non esistono controindicazioni a fare dormire un neonato da subito nel lettino. Può essere utile l'uso del riduttore per sentirsi più "contenuti".

Quiz della settimana

Chi è colpito dall'emofilia?
Soprattutto i maschi
Soprattutto le femmine
Entrambi i sessi, senza differenze