ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Sviluppo precoce

A 8 anni ha già iniziato a svilupparsi. Cosa comporta una terapia per rallentare la crescita? La terapia consiste nella somministrazione di farmaci che sono definiti "analoghi del GnRH".

a cura di: Dott. Gianpaolo De Filippo (endocrinologo pediatra)

Ho una bambina che ha iniziato a sviluppare il seno poco prima di compiere otto anni, ha fatto la radiografia del polso sinistro che è risultata compatibile con l'età di una bambina di undici anni. E' molto preoccupante e cosa comporta un'eventuale terapia per rallentare la crescita?

La pubertà precoce nel sesso femminile viene convenzionalmente definita come la comparsa dei primi segni puberali (in genere il bottone mammario) prima dell’età di 8 anni. Le possibili conseguenze negative possono derivare innanzitutto da un’eventuale patologia organica alla base del fenomeno, che va imperativamente ricercata in questo tipo di situazioni e, in secondo luogo (anche nel caso di una pubertà precoce idiopatica, non legata cioè a malattie) all’effetto negativo sulla statura e sul benessere psichico della bambina.

Nel caso di una pubertà precoce centrale idiopatica (originata cioè da segnali cerebrali normali ma precoci per la loro insorgenza) la terapia consiste nella somministrazione di farmaci che sono definiti "analoghi del GnRH".  Si tratta di sostanze in grado di inibire lo stimolo che determina la progressione puberale, disponibili in formulazioni “ritardo”, in modo da rendere possibile la somministrazione, per via iniettiva, ogni 30 o 90 giorni.

La scelta dell’uno o dell’altro tipo dipende dalle considerazioni che il medico farà per il singolo paziente. I criteri clinici per decidere del loro utilizzo sono una progressione ben documentata di una pubertà centrale, caratterizzata da un anticipo della maturazione ossea con un netto aumento della velocità di crescita.

Non sono segnalati effetti secondari di rilievo; quando presenti si riassumono nella maggior parte dei casi agli inconvenienti di qualsiasi iniezione (dolore, arrossamenti sul sito dell’iniezione stessa). Il ciclo mestruale compare in media dopo 1un anno – un anno e mezzo dal termine della terapia e la funzione ovarica futura non è influenzata dalla terapia.

Esistono poi delle pubertà precoci periferiche, causate da malattie ovariche. La gestione è completamente diversa e mira a curare la patologia di base.

23/6/2010

3/3/2016

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Sviluppo precoce"

Telarca
Il telarca, lo sviluppo delle ghiandole mammarie e quindi del seno, avviene in media intorno ai dieci anni e mezzo.
Crescita dopo la pubertà
La crescita media di una ragazzina dopo il menarca è di 5 - 7,5 centimetri, seppur con grosse variazioni individuali.
Menarca e pubertà
Lo sviluppo della ghiandola mammaria è in genere il primo segno di pubertà "visibile" delle bambine.
Asimmetria del seno
L'asimmetria dello sviluppo del seno è un'evenienza abbastanza frequente, ma non sempre è un problema.
Pubertà precoce
Con quali criteri si giudica prematuro lo sviluppo puberale? Il parere del Pediatra.
Pubertà precoce
Si definisce classicamente pubertà precoce vera la comparsa dei primi segni di sviluppo puberali a un'età inferiore agli otto anni nella femmina.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Allattamento al seno: consigli alla mamma che allatta
I consigli degli esperti di Pediatria On Line alla mamma che allatta al seno.
Calcolo del peso fetale
Come si calcola il peso fetale durante i 9 mesi della gravidanza? I consigli degli esperti.
Mucoviscidosi o fibrosi cistica
La mucoviscidosi è una malattia caratterizzata dalla produzione di secrezioni ghiandolari particolarmente viscose e da alterazioni del pancreas e dei bronchi.
Animali in casa?
Animali in casa, si o no? Non vi sono controindicazioni, a patto che si seguano delle norme igieniche rigorose.
Il bambino iperattivo
Le cause dell'iperattività e deficit di attenzione e cosa fare se un bambino sembra iperattivo.

Quiz della settimana

A che cosa serve la vitamina K?
Ha un'azione anti-ossidante
Aiuta l'organismo a difendersi dalle infezioni
Favorisce la trasmissione degli impulsi nervosi
Ha un'azione antiemorragica