ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

L'esperto risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

I problemi dell'adolescenza

Per diventare adulto i ragazzi devono compiere un passo, doloroso, ma inevitabile: staccarsi dai genitori. L'adolescente si isolerà e si comporterà come un estraneo nei confronti della famiglia.

a cura di: Dott.ssa Loredana Piratoni (psicologa)

Non riesco a confrontarmi come vorrei con mia figlia che ha 10 anni e sta vivendo la sua adolescenza (o preadolescenza?). Probabilmente non è imminente un cambiamento fisico, ma sicuramente sta modificando il suo atteggiamento. Pianti improvvisi, liti furibonde nei nostri confronti, negazione anche dell'evidenza, bizze sono comportamenti diventati abbastanza frequenti. Noi non riusciamo a rapportarci sempre con la necessaria calma e comprensione. Cosa possiamo fare? Come aiutarla?

Purtroppo non si tratta né di una fase, né di un periodo, ma della fisiologica crisi dell'adolescenza, tanto brutale e drammatica sia per i genitori che per gli stessi protagonisti. Psicologicamente, l'individuo cerca di adattare la personalità alle nuove condizioni prodotte dalle trasformazioni fisiche, nel tentativo di riassestare l'equilibrio perduto: deve diventare adulto.

Per diventare adulto deve compiere un passo fondamentale, doloroso, ma inevitabile: staccarsi dai genitori. In modo caratteristico, l'adolescente si isolerà e si comporterà come un estraneo nei confronti della famiglia, poiché avrà bisogno di tutta l'energia disponibile per le nuove conoscenze: sono amori e amicizie transitorie, appassionate ed esclusive come il suo mondo, e che verranno presto abbandonate.

Sono però attaccamenti indispensabili, sia a persone della stessa età che a persone più adulte, e il passo importante è proprio nella scelta di un nuovo oggetto d'amore. Spesso questo oggetto d'amore può essere dello stesso sesso, e questo non deve preoccupare: l'altro sesso fa ancora paura, e su questa innata paura dell'adolescente spesso si stratificano divieti familiari che creano ulteriori ansie.

L'attività sessuale vera e propria peraltro non è traguardo semplice da raggiungere: la masturbazione - spesso compulsiva - viene vissuta con grandi sensi di colpa, e il rapporto sessuale vero e proprio tra ragazzi viene ferocemente condannato dal consenso sociale della nostra civiltà.
L'adolescente vive una crisi narcisistica e identificatoria drammatica, e i suoi dubbi su di sé, sul corpo e sul sesso lo sprofondano nell'angoscia.

Una piccola imperfezione fisica provoca vive inquietudini, il corpo cambia - le prime polluzioni, le prime mestruazioni - e diventa sconosciuto: nel ragazzo c'è l'ansia per il proprio pene (che rimarrà per tutta la vita!!!), e nella ragazzina quella per gli organi genitali, i seni che spuntano, e anche lei si porterà per sempre l'attenzione per il proprio corpo, e per la cura della propria persona.

Che dire ora a questi genitori?
Dovrete abituarvi a farvi da parte e lasciare che i figli facciano le loro scelte: senza deriderli, senza offenderli, sostenendoli per quanto è possibile, e considerata l'età, continuando ancora a vigilare su di loro. So quali possono essere le angosce di questi genitori: come gestire le amicizie, la libertà, la sessualità. Sappiate che non esistono risposte, e posso solo consigliarvi di non assumere comportamenti contraddittori: non proponetevi come amici se non siete in grado di ascoltare confidenze scabrose. Rispettate, ma fatevi anche rispettare. È l'età ingrata, e sarà un periodo ingrato, ma passerà.

22/5/2000

10/9/2015

I commenti dei lettori

Riferendomi alle Polluzioni Notturne, come comportarsi con il proprio figlio?

claudio (RM) 28/12/2012

Claudio, le polluzioni notturne sono un problema di lavanderia! Non c'è nessun comportamento specifico da adottare, si tratta di un fatto normale, fisiologico, sano e naturale, da considerare al pari dell'appetito o della voglia di correre.

Giuseppe Varrasi, Pediatra (BS) 29/12/2012

Scrivendo "come comportarsi" intendevo dire; il genitore al figlio cosa deve dire? deve far finta di nulla? parlargli dicendogli che quello che ha avuto è una cosa normale e naturale? Io, la prima volta che l'ho avuto, mi sono terrorizzato, avevo sporcato tutto, mutande,pigiama,lenzuoli...non sapevo come fare; cercai di pulire il letto così come veniva, tanto per non far accorgere a mia madre l'accaduto, le mutande le lavai da solo e le misi ad asciugare in un cassetto...a me non dissero mai nulla che avrei potuto avere di queste eiaculazioni, ecco perché ero sempre terrorizzato quando andavo a letto.

claudio (RM) 29/12/2012

In merito ai problemi dell'adolescenza, ero sgomento, quando mi alzavo la mattina dal letto, andavo a perlustrare tutto, controllavo se c'era qualche pelo che si era staccato, ero troppo ansioso e mi vergognavo se avessero trovato un pelo dentro il letto oppure attaccato nelle mutande; la mia pubertà l'ho vissuta proprio male.

claudio (RM) 29/12/2012

Ho un bambino, anzi un ragazzino di circa dieci anni; è consigliabile parlare con lui e metterlo al corrente di quello che avverrà tra poco tempo al suo corpo? dirgli delle varie trasformazioni che il suo pipino avrà, diventando più grande e dei vari peli che nasceranno...; magari fargli capire che dovrà essere "aperto" ai suoi genitori, cioè di non aver vergogne a farsi vedere "cambiato", magari questo per controllare che tutto vada per il verso giusto e non arrivare al punto che poi non c'è più rimedio; dirgli ogni tanto di farsi vedere dal papà o dalla mamma, oppure chiedere se ha dei sospetti, una verifica da parte nostra oppure di un esperto. Cosa possiamo fare?

claudio (RM) 29/12/2012

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "I problemi dell'adolescenza"

Adolescenti e dialogo con i genitori
I consigli dello psicologoi su come affrontare un figlio adolescente. Come mantenerre il dialogo con i nostri figli.
Pubertà precoce
Pubertà precoce significa avere dei segni della pubertà (aumento di volume delle mammelle o dei testicoli) prima dell'epoca normale.
Figli che non parlano con i genitori
Che fare se i figli non vogliono parlare con i genitori? I consigli dell'esperto per creare le situazioni adatte alle conversazioni con i propri figli.
Associazione Famiglie di Soggetti con Deficit dell'Ormone della Crescita
L'Associazione Famiglie di Soggetti con Deficit dell'Ormone della Crescita è composta da genitori che hanno i figli in terapia con l'ormone della crescita.
Il significato di "crisi" in adolescenza
La crisi adolescenziale si caratterizza per due processi psicologici fondamentali: la separazione e la individuazione.
Educare i ragazzi a una lettura e ad una comunicazione competente
Alcuni suggerimenti per educare i ragazzi a una lettura e a una comunicazione più competente.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Cortisone per la febbre
La cura deve essere proporzionata al disturbo. Per abbassare la febbre, normalmente, il farmaco di prima scelta è il paracetamolo.
Rifiuta il biberon
Rifiutare il biberon è un comportamento frequente. La tettarella ha spesso un gusto di cloro.
Succhia il dito
Succhia il dito e non ha nessuna voglia di smettere. Il consiglio è di aspettare, lavorando sui premi piuttosto che sulle punizioni.
Acetone
Acetone o chetosi: una situazione molto frequente in età pediatrica ed è dovuta ad un disturbo momentaneo del metabolismo del bambino.
Depressione post-partum
La depressione post-partum o depressione post-natale è un disturbo dell'umore che colpisce molte donne nel periodo immediatamente successivo al parto.

Quiz della settimana

I lattanti che assumono latte materno hanno un minor rischio di contrarre:
Otiti
Gastroenteriti
Polmoniti
Tutte le risposte sono esatte