ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Saperne di più

per approfondire insieme

Bambini con genitori di lingue diverse

Gli esperti del linguaggio sono d'accordo nel ritenere un bene che il bambino acquisisca una seconda lingua già dai primi anni. I consigli del Pediatra.

a cura di: Dott. Leo Venturelli (pediatra)

In un mondo che tende alla globalizzazione e in cui le possibilità di incontro tra persone di diverse etnie o di altre nazioni è facilitato dagli scambi economici e dai trasporti, ormai è facile incontrarsi e formare coppie di genitori di due lingue diverse. Il dubbio che spesso si pongono queste famiglie è in che lingua parlare al bambino e se il fatto di utilizzare due linguaggi diversi porta a qualche conseguenza negativa inerente l'apprendimento linguistico o psicologico. Si deve dire subito che il bambino in crescita, dal punto di vista del cervello, è come una spugna che assorbe tutto quello che gli viene proposto.

Non fa quindi distinzioni tra una lingua e l'altra dei genitori, né può capire se deve impararne una sola. Gli esperti del linguaggio sono comunque d'accordo nel ritenere un bene che il bambino acquisisca una seconda lingua già dai primi anni: specie dai due ai tre anni il bambino ha un'età più che giusta per imparare correttamente due lingue. Ma anche il bambino più piccolo, già dai primi mesi può sentire e conseguentemente imparare due linguaggi differenti da mamma e papà e potrà memorizzare alcune parole in italiano e altre in una diversa lingua.

Qualche consiglio:

  • potete fin dal primo anno parlare al bambino in due lingue diverse: è importante però che il papà si rivolga al bambino sempre nella sua lingua e altrettanto faccia la mamma con l'altro linguaggio, in modo da non confondere il bambino che potrebbe poi imparare delle frasi miste. I bambini che già da piccoli apprendono due lingue in genere acquisiscono più lentamente le capacità linguistiche di entrambi gli idiomi, ma poi dopo i primi due anni, due anni e mezzo di vita recuperano e hanno un linguaggio simile agli altri bambini;
  • potete insegnare la seconda lingua al bambino dai 2-3 anni di età in poi: in questo caso vostro figlio ha già potuto codificare le parole in un unico idioma, ma ha una età in cui gli esperti ritengono che il cervello sia molto recettivo a tutti gli stimoli e quindi all'apprendimento della seconda lingua: a questa età potrebbe essere la scuola materna a far apprendere il secondo linguaggio in modo costante e con le opportune regole, oppure potrebbero essere i nonni a insegnare la seconda lingua al bambino se quest'ultimo passa presso di loro parecchie ore al giorno;
  • la persona che insegna al bambino la seconda lingua deve parlare in modo comprensivo adatto all'età: se una persona in casa, come una tata o una baby-sitter, parla una seconda lingua, fate sì che parli in modo scorrevole e semplice, usando il linguaggio in modo continuativo tutte le volte che si rivolge al bambino o gioca con lui;
  • dai 3-4 anni in poi cominciate a far capire al bambino che le cose possono essere dette in due idiomi diversi: con la frequenza in collettività è importante che valorizziate la lingua che vostro figlio dovrà utilizzare in modo dominante nella nazione in cui vive, specie quando l'apprendimento diventa scritto e letto e non solo parlato;
  • mantenete sempre comunque dei momenti in cui la lingua meno parlata viene utilizzata: aiutatevi, a seconda dell'età del bambino con libri, dischi, videocassette; il bambino dovrebbe procedere parallelamente all'apprendimento della seconda lingua anche con il supporto di regole grammaticali e sintattiche e per questo sono necessari tempi e spazi appositamente dedicati, con l'aiuto di uno dei genitori o di una persona apposita o di un corso scolastico.

 

8/4/2002

4/2/2016

I commenti dei lettori

Io sono spagnola e a mia figlia Giulia, di 16 mesi, le ho sempre parlato in spagnolo. Suo papà e familia paterna le parlano, ovviamente, in italiano. È una vera gioia quando vedi che piccola com'è riesce a capire le cose in entrambe le lingue. Se le chiedi, ad esempio, i versi degli animali, lei li fa ugualmente, se le chiedi in italiano o in spagnolo. Io credo che sia una vera fortuna per un bimbo avere lopportunità d'imparare "senza sforzo" una seconda lingua. :-)

Raquel (FE) 23/01/2011

Anch'io, come Raquel, ho una bimba de 16 mesi e sempre le ho parlato in brasiliano (addiritura già nel pancione sentiva le canzioni brasiliane). E come Giulia, Giovanna capisce tutto che le parliamo sia in italiano che brasiliano (lo stesso esempio della fattoria ne possiamo dare noi e altri tanti) quindi consiglio a tutti i papà e mamme a fare lo stesso poi sarà una risorsa in più per questi bimbi che avranno già una facilità in ascoltare e capire lingue diverse. Isabela (TO) 06/02/11

Isabela (TO) 06/02/2011

:D Invece noi abbiamo iniziato con le lezioni di musica in inglese (Io sono Polacca e Paolo Italiano) e vedo che il nostro figlio non ha nessun problema neanche con tre lingue (Massimiliano ha quasi 16 mesi) si diverte alla grande e risponde correttamente... Allora buona fortuna e buon divertimento a tutti che vogliono imparare ;) Saluti -

Dominika (MI) 17/02/2012

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Bambini con genitori di lingue diverse"

Imparare una seconda lingua
Vorrei affiancare a mia figlia una baby-sitter inglese per alcune ore al giorno per farle imparare una seconda lingua.
Lingua a carta geografica
La lingua a carta geografica detta anche glossite migratoria benigna.
Il mughetto
Cosa fare se compare il mughetto? La Candida è presente comunemente nel cavo orale, ma dopo una malattia o nel neonato può diventare mughetto.
La sindrome di Pierre-Robin
Vorrei avere consigli per aiutarlo ed informazioni su questa sindrome (cause, terapie, sintomi).
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Consigli per l'alimentazione in gravidanza
La dieta per la mamma in gravidanza. Tutti i consigli per una corretta alimentazione.
Ecografia delle anche nei neonati
L'ecografia delle anche nei neonati è il miglior metodo per diagnosticare la "displasia congenita dell'anca".
Il bambino e l'ambiente
L'inquinamento sta diventando uno dei principali problemi della nostra epoca e causa danni alla nostra salute e all'ambiente.
Dieta di scatenamento
La dieta di scatenamento consiste nel provare una serie di alimenti per individuare quello responsabile dell'allergia.
Non racconta nulla di quello che succede a scuola
Quando le chiedo cosa ha fatto a scuola mi risponde che non sa, non si ricorda. E non ci racconta nulla. I consigli della psicologa.

Quiz della settimana

Che cosa e' il meconio?
Una secrezione densa emessa dalla bocca del neonato al momento della nascita
Una sostanza emessa dall'intestino del neonato
Una sostanza vischiosa proveniente dal naso del neonato
Nessuna delle risposte corretta