ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Come capire se un bimbo è celiaco

Parecchi segni e sintomi possono essere compatibili con un sospetto diagnostico di Malattia Celiaca. Serve un'accurata anamnesi da parte del medico curante.

a cura di: Dott. Saverio Mirabassi (pediatra)

Come capire se un bimbo è celiaco?

La domanda è brevissima e la risposta potrebbe essere lunghissima!

Il concetto che vorrei far passare è questo: parecchi segni e/o sintomi possono essere compatibili con un sospetto diagnostico di Malattia Celiaca (in pratica ogni organo o apparato può essere interessato più o meno intensamente da una Malattia Celiaca non diagnosticata): dall'anemia ferropriva a una particolare forma di dermatite, da una riduzione della velocità di crescita in altezza all'innalzamento delle Transaminasi, e via dicendo.

Sarebbe inutile scrivere una lista di sintomi e segni: è molto più logico porre la domanda al Pediatra Curante del bambino e chiedere se i sintomi o i segni espressi possono essere indicativi di un sospetto diagnostico..

La risposta passerà attraverso una accurata anamnesi (la storia clinica del bambino), attraverso una accurata visita, attraverso la valutazione delle curve di accrescimento in statura e in peso, attraverso la eventuale prescrizione di opportuni e mirati esami del sangue.

In caso di evidente anomalia degli esami stessi potrà essere richiesta una valutazione specifica da parte del gastroenterologo pediatra che in seguito potrà decidere di proporre la gastroduodenoscopia per prelevare minimi frammenti di mucosa necessari all'esame istologico che è sempre necessario (almeno fino ad introduzione di nuovi criteri) per dichiarare l'effettiva presenza di Malattia Celiaca.
 

3/4/2013

26/12/2016

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Come capire se un bimbo è celiaco"

Medicinali e celiachia
La Commissione Farmaci dell'A.I.C. (Associazione Italiana Celiachia) indica ai celiaci come comportarsi con i farmaci.
Rischio di celiachia
Mia figlia è a rischio di celiachia. Quando fare i primi esami?
Alimentazione per un celiaco
Non è sempre sufficiente leggere nell'etichetta l'elenco degli ingredienti per essere sicuri che il prodotto non contenga glutine.
Celiachia
Si possono fare strappi alla dieta quando si è celiaci?
Enzima per sconfiggere la celiachia
Si tratta di un'informazione attendibile?
Al ristorante e al supermercato con un celiaco
Come devo comportarmi quando andiamo a mangiare al ristorante?
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

E' stato operato per una malformazione venosa dei polmoni
E' stato operato per una malformazione venosa dei polmoni. Quali saranno le conseguenze per la sua vita futura? Le cause non sono ancora chiare.
La crosta lattea
La crosta lattea: da che cosa è causata, come si manifesta e come si cura.
Rientro a casa dopo una giornata nera
I consigli dello psicologo per affrontare il rientro a casa dopo una giornata nera.
Seno ingrossato nel neonato
È normale che il neonato abbia il seno ingrossato. Si tratta della crisi genitale, un fenomeno ormonale che passerà da solo.
Sesso in gravidanza
L'attività sessuale durante la gravidanza non solo non è dannosa, ma è fonte di benessere per la coppia e per il bambino che nascerà.

Quiz della settimana

Quale delle seguenti affermazioni riguardanti il tetano è corretta?
Può colpire il neonato
E' una malattia contagiosa
E' dovuta a un virus
Prima di manifestarsi ha un periodo di incubazione di più di un mese