ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Come capire se un bimbo è celiaco

Parecchi segni e sintomi possono essere compatibili con un sospetto diagnostico di Malattia Celiaca. Serve un'accurata anamnesi da parte del medico curante.

a cura di: Dott. Saverio Mirabassi (pediatra)

Come capire se un bimbo è celiaco?

La domanda è brevissima e la risposta potrebbe essere lunghissima!

Il concetto che vorrei far passare è questo: parecchi segni e/o sintomi possono essere compatibili con un sospetto diagnostico di Malattia Celiaca (in pratica ogni organo o apparato può essere interessato più o meno intensamente da una Malattia Celiaca non diagnosticata): dall'anemia ferropriva a una particolare forma di dermatite, da una riduzione della velocità di crescita in altezza all'innalzamento delle Transaminasi, e via dicendo.

Sarebbe inutile scrivere una lista di sintomi e segni: è molto più logico porre la domanda al Pediatra Curante del bambino e chiedere se i sintomi o i segni espressi possono essere indicativi di un sospetto diagnostico..

La risposta passerà attraverso una accurata anamnesi (la storia clinica del bambino), attraverso una accurata visita, attraverso la valutazione delle curve di accrescimento in statura e in peso, attraverso la eventuale prescrizione di opportuni e mirati esami del sangue.

In caso di evidente anomalia degli esami stessi potrà essere richiesta una valutazione specifica da parte del gastroenterologo pediatra che in seguito potrà decidere di proporre la gastroduodenoscopia per prelevare minimi frammenti di mucosa necessari all'esame istologico che è sempre necessario (almeno fino ad introduzione di nuovi criteri) per dichiarare l'effettiva presenza di Malattia Celiaca.
 

3/4/2013

26/12/2016

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Come capire se un bimbo è celiaco"

La dieta per celiachia deve essere rigorosa?
Quanto rigorosa deve essere la dieta per celiachia? Anche la contaminazione di una posata o di mani sporche di farina può essere dannosa.
Genitore celiaco e diabetico
Sono un genitore celiaco e diabetico: quando fare i primi esami a mia figlia per controllare se è celiaca anche lei?
Glutine: a che età?
L'età comunemente consigliata per l'introduzione del glutine nella dieta del lattante sono i 6 mesi.
La malattia celiaca
La celiachia è un’intolleranza permanente al glutine, sostanza proteica presente in frumento, avena, orzo e segale.
Quando introdurre il glutine nello svezzamento
Il glutine deve essere introdotto nella dieta dello svezzamento del bambino dopo il sesto mese di vita.
Il bambino celiaco
Come educarlo alla dieta priva di glutine senza creare traumi psicologici?
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Alimentazione dopo l'anno di vita
Dopo il primo anno, l'alimentazione sarà quasi uguale a quella di un adulto. E' importante che segua una dieta completa e varia.
Dolori alle articolazioni e alla schiena in gravidanza
Durante tutta la gravidanza può capitare di avvertire dei dolori articolazioni e alla schiena.
Macchie mongoliche
Le macchie mongoliche sono lesioni maculari congenite determinate dalla presenza in eccesso nel derma.
Aerofagia
Per evitare l'aerofagia nel lattante è bene utilizzare prodotti a base essenzialmente di finocchio, anice verde, melissa e camomilla.
Gli è stato diagnosticato un reflusso vescico-ureterale
La correzione del reflusso vescico-ureterale può essere chirurgica. La tecnica più frequentemente adottata è quella di Cohen.

Quiz della settimana

Che cosa è il miocardio?
Un osso
Una arteria
Un muscolo
Un nervo