ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Come capire se un bimbo è celiaco

Parecchi segni e sintomi possono essere compatibili con un sospetto diagnostico di Malattia Celiaca. Serve un'accurata anamnesi da parte del medico curante.

a cura di: Dott. Saverio Mirabassi (pediatra)

Come capire se un bimbo è celiaco?

La domanda è brevissima e la risposta potrebbe essere lunghissima!

Il concetto che vorrei far passare è questo: parecchi segni e/o sintomi possono essere compatibili con un sospetto diagnostico di Malattia Celiaca (in pratica ogni organo o apparato può essere interessato più o meno intensamente da una Malattia Celiaca non diagnosticata): dall'anemia ferropriva a una particolare forma di dermatite, da una riduzione della velocità di crescita in altezza all'innalzamento delle Transaminasi, e via dicendo.

Sarebbe inutile scrivere una lista di sintomi e segni: è molto più logico porre la domanda al Pediatra Curante del bambino e chiedere se i sintomi o i segni espressi possono essere indicativi di un sospetto diagnostico..

La risposta passerà attraverso una accurata anamnesi (la storia clinica del bambino), attraverso una accurata visita, attraverso la valutazione delle curve di accrescimento in statura e in peso, attraverso la eventuale prescrizione di opportuni e mirati esami del sangue.

In caso di evidente anomalia degli esami stessi potrà essere richiesta una valutazione specifica da parte del gastroenterologo pediatra che in seguito potrà decidere di proporre la gastroduodenoscopia per prelevare minimi frammenti di mucosa necessari all'esame istologico che è sempre necessario (almeno fino ad introduzione di nuovi criteri) per dichiarare l'effettiva presenza di Malattia Celiaca.
 

3/4/2013

26/12/2016

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Come capire se un bimbo è celiaco"

Alimentazione per un celiaco
Non è sempre sufficiente leggere nell'etichetta l'elenco degli ingredienti per essere sicuri che il prodotto non contenga glutine.
Al ristorante e al supermercato con un celiaco
Come devo comportarmi quando andiamo a mangiare al ristorante?
Celiachia e infertilità
Esiste una relazione tra celiachia e problemi di infertilità. In particolare, alcuni casi di abortività ricorrente e ridotta crescita fetale.
Il bambino celiaco
Come educarlo alla dieta priva di glutine senza creare traumi psicologici?
Celiachia nei bambini
Il bambino con la celiachia non tollera le farine con glutine. La gliadina (glutine) è contenuta in frumento, orzo, segale ed avena.
Dermatite erpetiforme
La dermatite erpetiforme è una dermatite cronica che si associa alla malattia celiaca, caratterizzata da una eruzione simmetrica di vescicole e piccole bolle.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Non vuole stare con suo papà
Mia figlia di 13 mesi vuole stare sempre con me e non con il suo papà. I consigli dello psicologo.
Punti neri sulla fronte
La terapia da seguire per l'eliminazione dei punti neri sulla fronte.
Quanti pasti deve fare un neonato?
Il numero dei pasti di un neonato è relativamente poco importante, purché la quantità di latte ingerito nella giornata sia normale.
Ha le piccole labbra attaccate
Mia figlia ha le piccole labbra con molte aderenze, tanto da essere quasi completamente attaccate.
I cereali nell'alimentazione del bambino
I cereali (frumento, mais, riso, orzo, avena, segale) nell'alimentazione del bambino rappresentano una buona fonte di energia.

Quiz della settimana

A che cosa serve la vitamina C?
Ha un'azione anti-ossidante
Favorisce l'assorbimento del ferro
Serve per produrre una sostanza chiamata collagene
Tutte le risposte sono esatte