ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Vitamine per l'influenza?

Attenzione a considerare tutti i prodotti, liberamente venduti in farmacia anche senza ricetta, come privi di rischi perché tanto sono vitamine e non fanno male.

a cura di: Dott. Rodolfo Varani (pediatra)

Mio figlio di quasi tre anni è un bimbo che mangia molto pesce e poca verdura. Il pediatra non mi ha mai prescritto vitamine o proteine o altri integratori (se non nei primi mesi di vita) dicendomi che è un bimbo di buon appetito. Sento molte mamme che danno vitamine ai loro figli ad ogni influenza o raffreddore o semplicemente per dare vitamine, tanto male non fanno! Qual è il giusto atteggiamento?

Noi pediatri, soprattutto 20-30 anni fa, siamo stati accusati di essere dei grandi vitaminizzatori delle urine dei bambini. Questo significa che avevamo creato una moda di somministrare vitamine che il bambino non necessitava e che quindi l'organismo eliminava nelle urine: di conseguenza, soldi spesi per niente. Né 20-30 anni fa né adesso c'erano delle carenze alimentari tali da richiedere la somministrazione di vitamine (tranne rarissime eccezioni).

Rimarchiamo dunque questo punto: dare le vitamine serve solo se c'è carenza, altrimenti è inutile.

Vi era anche l'abitudine di somministrare un prodotto vitaminico insieme ad un trattamento antibiotico, passata di moda con il fatto che la mutua non concedeva più gratuitamente le vitamine e perché i pediatri hanno fatto marcia indietro da queste usanze. In effetti, pur non essendo necessarie, nella gran parte dei casi non fanno male e quindi possiamo sedare l'ansia di una madre somministrando dei polivitaminici al bambino.

Tuttavia va fatta attenzione che il detto "tanto non fanno male" non vale per tutti i tipi di vitamine: alcune (vitamine liposolubili come la vitamina A, per esempio) possono essere anche molto pericolose. Infatti, mentre molte vitamine (per esempio le vitamine del gruppo B) sono idrosolubili e l'organismo, se non ne ha bisogno, le elimina attraverso le urine, altre vitamine (per esempio la vitamina A) possono accumularsi nel corpo umano dando dei problemi anche molto seri.

Quindi attenzione a considerare tutti i prodotti, liberamente venduti in farmacia anche senza ricetta, come privi di rischi perché tanto sono vitamine e non fanno male. In conclusione dia retta al suo pediatra e non stia a sentire le mamme più ansiose di lei che vogliono dare per forza qualche cosa al proprio bambino credendo di fare una cosa buona e sicura.

26/3/2004

22/10/2015

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Vitamine per l'influenza?"

Il fosforo
È un macroelemento contenuto nelle ossa e dei denti. Svolge un ruolo importante nel metabolismo energetico. Scopri altre informazioni utili.
Lesioni alle unghie: è carenza di vitamine?
Ha delle lesioni alle unghie: può essere il segnale di qualche carenza di vitamine o di minerali?
Il magnesio nei bambini
Il magnesio è un macroelemento contenuto negli alimenti di origine animale e vegetale. Perché è fondamentale per la crescita dei bambini.
La vitamina B1
La vitamina B1 interviene nel metabolismo degli zuccheri e nella respirazione delle cellule.
La vitamina B5
La vitamina B5, detta anche acido pantotenico, è molto diffusa in tutti gli alimenti sia animali che vegetali.
Lo iodio
Lo iodio si trova negli alimenti di origine animale e vegetale. Buone fonti sono il pesce l’aglio, i fagioli, le zucchine bianche, le bietole e le cime di rapa.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Atassia cerebellare dopo vaccinazione antimorbillo-rosolia-parotite
Ha sofferto di una atassia cerebellare benigna post vaccino morbillo-rosolia-parotite.
Ha problemi di svezzamento perché non mangia la pappa
Ha problemi con lo svezzamento perché a sette mesi rifiuta la pappa. I consigli dell'esperto sullo svezzamento.
L'ansia da scuola
L'ansia per la scuola si manifesta quasi sempre al momento del primo impatto con la vita di collettività, cioè a tre anni.
Dopo il parto
Dopo il parto che cosa succede al corpo della mamma? Il brusco cambiamento avvenuto con il parto porta l'organismo ad una serie di modificazioni.
Posizione nel sonno e morte improvvisa del lattante
Statisticamente la SIDS (morte improvvisa del lattante) capita più spesso in chi ha una posizione nel sonno sbagliata.

Quiz della settimana

A che cosa serve la vitamina C?
Ha un'azione anti-ossidante
Favorisce l'assorbimento del ferro
Serve per produrre una sostanza chiamata collagene
Tutte le risposte sono esatte