ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Saperne di più

per approfondire insieme

La terza settimana di gravidanza

Alla terza settimana di gravidanza ma non dovresti avvertire, per il momento, alcun segnale. Non è ancora iniziata la produzione di tutta quella grande quantità di ormoni.

a cura di: Dott. Guido Vertua (pediatra)

Cosa succede alla mamma?

Sei già incinta, ma non dovresti avvertire, per il momento, alcun segnale.

Infatti, non è ancora iniziata la produzione di tutta quella grande quantità di ormoni che provocheranno i cambiamenti del corpo tipici della gravidanza. In alcune donne è possibile però avvertire i primi segni della gravidanza a cui, all’inizio, spesso si dà poca importanza: un po’ di nausea, una strana stanchezza, una maggiore sensibilità al seno.

Puoi percepire dei lievi crampi all’addome e notare delle piccole perdite vaginali, che non sono altro che un segnale che l’uovo fecondato si è impiantato nell’utero.

Cosa succede al bambino?

La cellula che si crea dall’unione di uno spermatozoo e di un ovulo, lo zigote, si suddivide in due parti, poi in quattro, quindi in otto e così via, e dai vari processi di suddivisione deriva un numero sempre maggiore di cellule. Queste, ammassandosi l’una sull’altra, formano la morula, così chiamata perché il grappolo di cellule che la costituisce ha l’aspetto di una mora.

All’incirca a 72 ore dal momento del concepimento la morula raggiunge l’utero dove si impianta. Le cellule più esterne della morula daranno origine alla placenta, cioè al tessuto che garantisce al feto il nutrimento e l’ossigeno, mentre quelle più interne daranno luogo all’embrione vero e proprio.

17/9/2009

25/2/2017

I commenti dei lettori

io e mio marito stiamo provando ad avere un altro bambino. Il mio ultimo ciclo è stato il 15 marzo ed è di solito regolare ogni 28 gg. Abbiamo avuto rapporti tra il 24 al 29 marzo periodo fertile...da alcuni giorni ho dolori alla pancia come mestruazioni e precedentemente dolori alla schiena...devo preoccuparmi?...ho paura sia un aborto...

valentina (SA) 02/04/2011

Durante questa settimana ho avuto una radiografia alla cervicale..non sapendo che ero incinta. Cosa accadrà?sono molto molto preoccupata..grazie

Rosita 24/01/2012

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "La terza settimana di gravidanza"

Stitichezza in gravidanza
La stitichezza è un disturbo frequente in gravidanza e può riguardare sia la consistenza delle feci sia la frequenza dell'evacuazione.
Effetti della toxoplasmosi in gravidanza
La toxoplasmosi in gravidanza può avere effetti anche gravi sul bambino e comporta il pericolo di complicazioni sul feto.
Acido folico in gravidanza
L'acido folico (vitamina B9) è importante in gravidanza e si trova in alcuni alimenti come le verdure a foglia verde, la frutta e i legumi.
Integratori in gravidanza
Gli integratori alimentari con un giusto equilibrio tra introito calorico, proteico e micronutrizionale sono utili durante la gravidanza e l'allattamento.
Varicella in gravidanza
La varicella in gravidanza può avere conseguenze diverse per il feto in base al periodo di gravidanza.
Gravidanza extrauterina
La gravidanza extrauterina rappresenta una delle complicanze più gravi che possono compromettere lo sviluppo dell'embrione. Come riconoscere i sintomi.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Celiachia e infertilità
Esiste una relazione tra celiachia e problemi di infertilità. In particolare, alcuni casi di abortività ricorrente e ridotta crescita fetale.
Ingrossamento della ghiandola mammaria
L'ingrossamento della ghiandola mammaria può essere inquadrato nell'ambito del telarca precoce. Può essere presente fin dalla nascita.
Posizione nel sonno e morte improvvisa del lattante
Statisticamente la SIDS (morte improvvisa del lattante) capita più spesso in chi ha una posizione nel sonno sbagliata.
Centri antiveleni
I consigli di cosa fare in caso di avvelenamento o ingestione di tossici o caustici.
La timidezza del bambino
Per aiutare il bambini timido a superare certe situazioni di timidezza non bisogna forzare le tappe del suo sviluppo psicologico.

Quiz della settimana

Quando si può considerare definitivo il colore degli occhi in un lattante?
a 2-3 mesi di vita
a 4-5 mesi di vita
a 6-7 mesi di vita
a 11-12 mesi di vita