ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Saperne di più

per approfondire insieme

Corsi preparto

Normalmente i corsi preparto vengono organizzati da Ospedali, consultori e da centri privati; sono di solito suddivisi una parte teorica e una parte pratica.

a cura di: Dott.ssa Donatella Bresciani (ginecologa), Prof. Silvano Zaglio (specialista in ostetricia e ginecologia - andrologia)

gravidanza: corsi prepartoUn tempo, quando il parto era un fatto frequente nella vita di una donna e si svolgeva nell’ambito della famiglia, i corsi di preparazione al parto non esistevano: si partoriva in casa con l’aiuto della levatrice e della donna di famiglia.
In seguito la medicina si è “impossessata” della gravidanza e del parto riuscendo a garantire un’assistenza migliore alla partoriente in difficoltà e al neonato, con un’attenzione maggiore anche alle esigenze psicologiche della donna, dando al padre o ad un’altra persona cara la possibilità di essere presente in sala parto e lasciando alla madre la possibilità di occuparsi personalmente fin dall’inizio del bambino.

Perchè fare un corso di preparazione al parto?

Oggi i corsi di accompagnamento alla nascita utilizzano diverse tecniche, sempre però cercando di dare alla gestante informazioni sulla gravidanza, sul parto e sul neonato necessarie a vivere consapevolmente quel momento, di attenuare l’ansia, di insegnare a collaborare con il proprio corpo in modo che tutto si svolga nel modo più facile, più rapido e meno doloroso possibile.
Rappresentano anche una occasione d’incontro con le altre donne nella stessa situazione e per fornire al partner le informazioni e i consigli necessari perché possa essere il più vicino possibile alla futura mamma in ogni momento anche al parto.

Quando i corsi sono organizzati dall’ospedale dove si prevede di partorire, il personale ostetrico “presenta” alla gravida gli ambienti nei quali sarà ricoverata e assistita in modo di renderli meno estranei.

Normalmente i corsi vengono organizzati da Ospedali, consultori e da centri privati; sono di solito suddivisi una parte teorica e una parte pratica: quella teorica è svolta dal ginecologo, dall’ostetrica dal pediatra che danno informazioni sull’evoluzione della gravidanza, del travaglio, parto e puerperio, sulla fisiologia del neonato e sulle cure da prestargli alla nascita e nei primi giorni della sua vita.
La parte pratica utilizza diverse tecniche che insegnano a reagire nel modo più adatto alle varie fasi del travaglio e del parto alleviando sia la tensione fisica che quella emotiva, riducendo così parzialmente il dolore.

I due metodi di preparazione più utilizzati sono il RAT e Preparazione al parto attivo.

RAT - Training Autogeno Respiratorio

Questo metodo si basa su tecniche di autosuggestione e respirazione che servono ad abituare l’organismo a reagire nel modo più adatto a ogni fase del parto alleviando quindi la tensione sia fisica che emotiva.
Iniziano di solito al 7° mese di gravidanza e vengono praticati in gruppi, della durata di 1h con frequenza settimanale tenuti da ostetriche, psicologo e ginecologo.
Forniscono informazioni che servono ad affrontare senza ansia la nascita del bambino, insegnano le tecniche di rilassamento e le tecniche di respirazione e di controllo muscolare da attuare nelle varie fasi del parto. Per il travaglio viene insegnata una respirazione ampia e profonda da praticare quando iniziano le contrazioni.
Per la fase espulsiva si impara ad inspirare e a trattenere l’aria nei polmoni al momento della spinta e quindi a ritornare nel rilassamento più completo subito dopo respirando fino alla spinta successiva. Il dolore viene controllato grazie all’ allenamento e alla concentrazione che permette di tenere sotto controllo sia la tensione emotiva che quella fisica.

Preparazione al parto attivo

Il cosiddetto “parto attivo” praticato oggi solo in alcuni reparti, è il modo in cui ogni donna partorirebbe spontaneamente: significa stare in piedi, camminare sedersi, accovacciarsi e mettersi liberamente nella posizione preferita durante il travaglio. Vengono consigliati esercizi di stretching che consentono di recuperare l’intera gamma di movimenti dei muscoli delle articolazioni, vengono insegnati inoltre altre tecniche di rilassamento e di respirazione.
Iniziano di solito al 5° mese e proseguono fino al momento del parto: danno informazioni riguardanti la nascita, permettendo di chiarire dubbi e incertezze e affrontare con maggiore serenità questo periodo.

10/12/2009

3/10/2016

I commenti dei lettori

Articolo molto utile! E' possibile sapere quali strutture a Roma applicano il parto attivo?

Erika (RM) 19/10/2010

Concordo in pieno con gli autori. Io l'ho seguito (presso l'ASL di Pedara - CT) e mi sono trovata benissimo, prevalentemente è stato utilizzato il metodo della preparazione al parto attivo, ma si sono soffermati anche sull'allattamento. Insomma, un corso pre e post parto!

Amina (CT) 28/10/2010

io ho applicato entrambe: primo parto in tre ore quasi nette dal momento che sono arrivata in ospedale e le doglie erano iniziate un'ora e mezza prima.nessun taglio, nessun problema e parto in ginocchio perchè in piedi proprio non mi è riuscito. buon lavoro a tutti i genitori!

emy (UD) 17/11/2010

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Corsi preparto"

Urinare spesso in gravidanza
All'inizio della gravidanza c'è l'esigenza di urinare molto più frequentemente di prima a causa del cambiamento di forma e dimensioni dell'utero.
Fumare in gravidanza fa male?
Il fumo durante la gravidanza provoca una varietà di conseguenze sullo sviluppo del feto e del neonato.
Varicella in gravidanza
La varicella in gravidanza può avere conseguenze diverse per il feto in base al periodo di gravidanza.
Parto naturale dopo un cesareo
Si può fare un parto naturale dopo un cesareo, ma il travaglio deve essere monitorato attentamente.
Le prime settimane di gravidanza
Una nuova vita sta formandosi dentro di te: ecco come settimana per settimana.
9 mesi
La newsletter per le mamme in gravidanza.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Intolleranze alimentari
Le intolleranze alimentari non rispondono ai tradizionali Test Allergici cutanei. Non provocano quasi mai delle reazioni violente ed immediate nell'organismo.
Mio figlio ripete le parolacce
Mio figlio di quasi quattro anni ripete le parolacce ogni volta che le sente. Mi hanno consigliato di fingere indifferenza.
Morso di cane
In caso di bambino morso da un cane, bisogna sapere la sede della morsicatura, la profondità del morso e la taglia del cane.
Beve molto: non avrà il diabete?
Bere molto (si dice polidipsia) rappresenta effettivamente uno dei segni del diabete, ma normalmente non è però l'unico segno.
Infezione da Chlamydia nel neonato
Il neonato può infettarsi al momento della nascita durante il passaggio nel canale da parto.

Quiz della settimana

Nell'asilo di vostro figlio sono stati segnalati numerosi bambini con i pidocchi, tanto che sono stati esposti avvisi a riguardo. Qual e' il miglior modo per evitare che anche il vostro bambino, che al momento sta benissimo, venga contagiato?
Lo portate dal barbiere per tagliarli i capelli molto corti
Lo trattate subito con un prodotto contro i pidocchi
Non lo mandate all'asilo per una settimana
Controllate accuratamente il cuoio capelluto del bambino almeno una volta alla settimana