ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Diagnosi di celiachia con l'esame delle IgA anti-transglutaminasi

La celiachia è una malattia caratterizzata da intolleranza alla gliadina, un costituente del glutine nella farina di frumento e delle prolamine della segale, orzo, avena. Come diagnosticarla.

a cura di: Dott. Sergio Manieri (pediatria)

E' possibile diagnosticare la celiachia solo con l'esame delle transglutaminasi IgA oppure sono necessari altri esami?

La presenza di anticorpi Anti-transglutaminasi (Anti-TG) è condizione necessaria ma non sufficiente per la diagnosi di Celiachia. Infatti, accanto alla presenza di anticorpi è necessaria la conferma istologica di malattia tramite biopsia intestinale. Gli anticorpi testati sono:

  • Anti-TG di tipo IgA (oppure Anti-TG di tipo IgG nei pazienti con deficit di Immunoglobuline A);
  • Anti-Endomisio (EMA), come test di conferma da eseguirsi in Centri di riferimento nei casi dubbi;
  • Anti-Gliadina (AGA) da ricercarsi solo nei bambini con età minore di due anni.

E’ notorio che la Celiachia è una malattia caratterizzata da intolleranza alla gliadina, un costituente del glutine nella farina di frumento e delle prolamine della segale, orzo, avena.

E’ affezione spesso familiare ed ha un tasso d’incidenza di 1:1.000, tuttavia il riscontro sempre più frequente di nuove modalità di presentazione e di casi completamente silenti, suggerisce una reale incidenza più alta (probabilmente 1/300).

La malattia determina atrofia della mucosa dell'intestino tenue, in soggetti geneticamente predisposti; infatti, vi è la presenza di anomalie della mucosa nel 10% dei parenti di primo grado, con netta associazione a determinati alleli del sistema maggiore di istocompatibilità: HLA DQ2 e DQ8.

In effetti, la tipizzazione HLA è un test di secondo livello con finalità ben precise, da eseguirsi quando né i dosaggi anticorpali né la biopsia intestinale hanno portato ad una diagnosi certa. Infatti, la sua positività al DQ2 o DQ8 esprime unicamente una certa predisposizione alla malattia (per es. nei genitori e fratelli di celiaci) mentre la negatività DQ2/DQ8 indica una bassissima probabilità di celiachia.

Alla base dell’affezione vi è certamente una patogenesi immunologia, secondo cui un’abnorme risposta immunologica alla gliadina sarebbe responsabile del danno mucosale. La sintomatologia si può manifestare con tre modalità:

  • Quadro classico: tipico nei primi due anni di vita
  • Forme atipiche: asintomatiche nella prima infanzia
  • Forme silenti: svelate con indagini di screening.

Si tratta di quelle condizioni caratterizzate dalla tipica enteropatia da glutine riscontrata occasionalmente in individui asintomatici, geneticamente predisposti, con sierologia positiva, spesso tra coloro sottoposti a screening perché appartenenti a gruppi a rischio.

Esistono infine le Forme potenziali (cosiddetta Celiachia latente) in quei pazienti con AGA, EMA o anti-TG positivi ma con biopsia normale. Però dopo un periodo variabile (a dieta libera) presentano le classiche anomalie istologiche ad una nuova biopsia e rispondono bene ad una dieta priva di glutine.

In risposta alla domanda del lettore, si stigmatizza che la diagnosi di certezza si basa:

  • sulla positività degli anticorpi specifici Anti-TG, EMA, AGA;
  • sulla biopsia intestinale (duodeno-digiunale) con dimostrazione del tipico danno istologico: atrofia dei macro e microvilli; ipertrofia delle cripte; infiltrazione linfo-plasmacellulare;
  • sulla completa remissione clinica dopo aver eliminato il glutine dalla dieta.

A tal proposito la presenza di anticorpi IgA specifici circolanti al momento della diagnosi e la loro scomparsa a dieta priva di glutine è condizione sufficiente ad avvalorare la diagnosi.

Generalmente non è necessaria una seconda biopsia a confermare la normalizzazione del danno mucosale. Invece, una biopsia di controllo, a dieta priva di glutine, è considerata necessaria soltanto in pazienti asintomatici al momento della diagnosi (es. pazienti diagnosticati mediante screening = forme silenti) e nei pazienti con una risposta dubbia ad una dieta seria senza glutine.

5/4/2011

17/8/2014

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Diagnosi di celiachia con l'esame delle IgA anti-transglutaminasi"

Introdurre presto il glutine nello svezzamento
L'introduzione di piccole quantità di glutine potrebbe, entro certi limiti, ridurre il rischio di sviluppare la celiachia.
La dieta per celiachia deve essere rigorosa?
Quanto rigorosa deve essere la dieta per celiachia? Anche la contaminazione di una posata o di mani sporche di farina può essere dannosa.
La malattia celiaca
La celiachia è un’intolleranza permanente al glutine, sostanza proteica presente in frumento, avena, orzo e segale.
Glutine: a che età?
L'età comunemente consigliata per l'introduzione del glutine nella dieta del lattante sono i 6 mesi.
Celiachia nei bambini
Il bambino con la celiachia non tollera le farine con glutine. La gliadina (glutine) è contenuta in frumento, orzo, segale ed avena.
Celiachia e infertilità
Esiste una relazione tra celiachia e problemi di infertilità. In particolare, alcuni casi di abortività ricorrente e ridotta crescita fetale.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

E' necessaria la profilassi con Vitamina K in un neonato?
Il neonato è carente di vitamina K ed è importante fornire una supplementazione.
Uso del montelukast nei bambini piccoli
Esistono controindicazioni ad usare gli antileucotrieni Montelukast nei bambini piccoli? Il parere del Pediatra.
Varicella del neonato: gli anticorpi della mamma possono prevenirla?
Se il fratello maggiore contraesse la varicella, il neonato sarebbe a rischio di contagio.
Bambino troppo vivace a scuola
E' fondamentale cercare con serenità di capire i veri motivi che spingono i bambini a comportarsi in modo così vivace. I consigli dello psicologo.
Igiene dentale
I consigli da seguire per l'igiene dei nostri denti.

Quiz della settimana

Come si corregge una ernia ombelicale del diametro di 2 cm in un bambino di sei mesi di età?
Applicandovi sopra un cerotto
Con un intervento chirurgico immediato
Entrambe le cose sono da fare
Non si deve fare nulla