ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Laringotracheite allergica

La laringotracheite nel bambino contribuisce a far decorrere ogni flogosi banale o grave, con i sintomi del restringimento (stridore e difficoltà respiratoria a prevalente componente inspiratoria).

a cura di: Dott. Renato Sambugaro (allergologo pediatra)

Mi potrebbe spiegare che cosa è la laringotracheite causata da allergia e come si cura?

Il calibro fisiologicamente ristretto della laringe nel bambino (specialmente nel lattante) contribuisce a far decorrere ogni flogosi (N.d.R.: infiammazione), banale o grave, con i sintomi del restringimento (stridore e difficoltà respiratoria a prevalente componente inspiratoria). Stato ansioso, subcianosi (N.d.R.: tendenza alla colorazione bluastra della pelle e delle mucose, provocata da un'insufficiente ossigenazione del sangue), tosse abbaiante secca, cupa e serrata si associano alla dispnea inspiratoria ed allo stridore già segnalati.

La forma che si pensa possa avere anche un'eziologia (N.d.R.: causa) allergica è quella definita laringite spasmodica, ad insorgenza prevalentemente notturna, improvvisa; può dare dispnea inspiratoria anche intensa che tende però a risolversi nello spazio di alcune ore. Non si accompagna in genere a febbre e può avere un andamento ricorrente. Dal punto di vista terapeutico: ossigeno o aria umidificata, monitoraggio respiratorio, idratazione parenterale. Nella sindrome orticaria/angioedema, quadro ben più grave, che può avere eziologia allergica, l'angioedema delle mucose, specie quelle del cavo oro-faringeo, è frequente e può presentarsi sia come manifestazione isolata che associato ad altre localizzazioni. Particolare rilievo assume la localizzazione laringea; di notevole gravità è infatti l'edema della glottide, che comporta pericolo di asfissia ove non si intervenga tempestivamente. In terapia: adrenalina, glucocorticoidi, antistaminici.

25/6/2002

8/10/2015

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Laringotracheite allergica"

Laringomalacia
La laringomalacia è un disturbo congenito della laringe caratterizzato da uno stridore inspiratorio e da un'ostruzione delle vie aeree.
Soffre di tracheite e laringite
La tracheite è una infiammazione della trachea, con tosse abbaiante a suono di corno. La laringite dà difficoltà a respirare e voce afona.
Quale apparecchio per l'aerosol?
Gli apparecchi per aerosol (nebulizzatori) sono molto usati nella terapia dell'asma e nei pazienti affetti da infezioni delle vie respiratorie.
Laringospasmo
Il laringospasmo è una patologia particolarmente frequente tra uno e tre anni, anche se può colpire altre età. Improvvisamente, in genere in piena notte.
La raucedine: voce rauca o afona
La raucedine con voce rauca o afona è segno di infiammazione della laringe e delle corde vocali.
La stanza del sale
Nella stanza del sale si crea un ambiente nel quale vengono rilasciate delle microparticelle di cloruro di sodio che raggiungono le alte e basse vie aeree.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Contraccezione durante l'allattamento
La contraccezione durante l'allattamento è necessaria se si desidera evitare una nuova gravidanza a pochi mesi dal parto.
La prima colazione del bambino
E' indispensabile che il bambino faccia una buona colazione. La prima colazione deve coprire il 15-20% dell'apporto calorico giornaliero.
Mal di pancia
Soffre di mal di pancia prima di andare a scuola. Come comportarsi per renderlo più forte? I consigli dello psicologo.
Le vaccinazioni nel neonato
Per avere informazioni precise sul “calendario vaccinale” del neonato è oppurtuno rivolgersi al pediatra o al centro vaccinale della vostra zona.
Mamma con miopia molto grave
Un recente studio su 50 donne gravide affette da miopia superiore a 4,50 diottrie non ha segnalato aggravamento delle lesioni dopo il parto.

Quiz della settimana

Secondo il calendario vaccinale in vigore in Italia, il vaccino antipoliomielite:
viene somministrato per via intramuscolare
viene somministrato per via orale
viene somministrato prima per via intramuscolare e poi per via orale nei richiami successivi
non viene più somministrato perché la malattia è ormai scomparsa