ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

Quale apparecchio per l'aerosol?

Gli apparecchi per aerosol sono molto usati nella terapia dell'asma e nei pazienti affetti da infezioni delle vie respiratorie. Esistono due tipi di apparecchi per aerosol.

a cura di: Dott. Guido Vertua (pediatra)

Sono intenzionata ad acquistare un apparecchio per aerosol e vorrei avere alcune indicazioni per la scelta.

Gli apparecchi per aerosol  (nebulizzatori), cioè gli apparecchi che permettono di aerosolizzare un farmaco in soluzione, sono molto usati nella terapia dell'asma e nei pazienti affetti da infezioni delle vie respiratorie. La somministrazione dei farmaci per via inalatoria con nebulizzatori è particolarmente indicata nei bambini piccoli, che fisiologicamente hanno una respirazione superficiale e che quindi ad ogni atto respiratorio introducono solo un piccolo volume di aria.

In questi piccoli pazienti gli spray dosati o le bombolette pressurizzate o gli inalatori pre-dosati non possono perciò essere usati, anche perché richiedono una perfetta coordinazione tra l'erogazione del farmaco e la sua inalazione. L'aerosolterapia è inoltre una scelta obbligata quando è necessario somministrare per via aerosolica prodotti non disponibili in spray dosati come ad esempio antibiotici, mucolitici ecc..

Per penetrare nei bronchi i farmaci devono essere disintegrati in minuscole particelle: questo processo si verifica nella camera di nebulizzazione dell'apparecchio per aerosolterapia. Affinché un nebulizzatore possa considerarsi efficiente occorre che:

  • produca particelle di diametro compreso tra 1 e 5 micron, cioè sufficientemente piccole da poter penetrare alla periferia dell'albero bronchiale (le particelle di dimensioni inferiori ad 1 micron penetrano molto in profondità nelle vie aeree, ma si depositano in bassa percentuale sulle pareti dei bronchi e vengono in gran parte espulse con l'espirazione mentre le particelle di diametro superiore ai 5 micron non penetrano in quantità significative al di sotto della laringe, depositandosi soprattutto a livello naso-faringeo)
  • abbia una notevole gittata, sia in altre parole in grado di produrre grossi volumi di aerosol in tempi brevi
  • produca particelle di dimensioni omogenee.

Esistono due tipi di apparecchi per aerosol: quelli pneumatici e quelli ad ultrasuoni.

I primi usano un getto d'aria generato da un compressore mentre i secondi utilizzano ultrasuoni prodotti dalla vibrazione dei cristalli di quarzo. I nebulizzatori a ultrasuoni se da una parte hanno il vantaggio di una minore rumorosità e di una maggiore rapidità di nebulizzazione, dall'altra producono particelle di diametro variabile (non omogeneo), hanno un costo iniziale più elevato e si rompono con più facilità.

I nebulizzatori pneumatici producono particelle più omogenee, sono in genere meno costosi e sono più resistenti all'uso. Affinché l'aerosol sia efficace la respirazione deve avvenire per via orale poiché il naso funge da filtro trattenendo gran parte dell'aerosol che non può di conseguenza arrivare ai bronchi: attenzione quindi quando si usa il boccaglio che il bambino non respiri attraverso il naso.

Riassumendo si può concludere che nell'acquisto di un apparecchio per aerosol dovrebbe essere controllate le seguenti caratteristiche: ampolla di vetro o in materiale sintetico inalterabile potenza prodotta superiore ad un'atmosfera flusso d'aria non inferiore ai 6 litri al minuto tempo di erogazione di una soluzione di 2-3 ml inferiore ai 10 minuti produzione di particelle di diametro omogeneo compreso tra 1 e 5 micron.

1/10/1996

21/5/2015

I commenti dei lettori

La mia farmacista mi ha consigliato il "Nebula" e mai un apparecchio ad ultrasuoni. Il mio pediatra non è d'accordo perchè afferma che il bambino deve saper collaborare e la mia bimba ha solo 2 anni. Sono molto confusa. Comunque penso di acquistarlo...

simona antonelli (PG) 20/01/2012

Ho usato diversi tipi di apparecchi per aerosol terapia, di alcune marche note a pistone. Hanno funzionato benissimo per diversi anni. Recentemente ho acquistato in farmacia una apparecchio per il mio nipotino, consigliatomi dal pediatra, ad ultrasuoni, (PIC). E' stata una vera delusione, soldi buttati al vento. E' vero che è silenzioso , ma anche vero che non riesce a nebulizzare tutti i farmaci. Sconsiglio, pertanto, per la mia lunga esperienza, apparecchi ad ultrasuoni di qualsiasi marca. Preferite quelli a pistone: costano di più , ma non vi daranno problemi per lunghi anni.

Adolfo (TA) 14/02/2012

mi servirebbe un apparecchio per nebulizzare una soluzione di sale mi potete dare qualche indicazione? grazie

grazia (PD) 13/05/2013

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Quale apparecchio per l'aerosol?"

Uso del rinowash
Il mio bambino soffre di naso chiuso. E' consigliabile l'uso di rinowash al posto dell'aerosol ad ultrasuoni? I consigli dell'allergologo.
Come si fa l'aerosol nei bambini
L'aerosol nei bambini: consigli pratici ed errori comuni.
Broncospasmo e aereosol
Le dose usuali di derivati del cortisone per via inalatoria non hanno importanti effetti collaterali. E' invece importante sapere fare bene l'aerosol.
La tosse
Non presenta alcun sintomo di raffreddore, ma quando dorme, fa due e tre colpi di tosse. Quale può essere la causa?
Tosse secca
Talvolta dietro una tosse secca continua, fastidiosa e soprattutto notturna, può esserci una crisi d'asma.
Il distanziatore per gli spray da respirare
Il distanziatore è un banale tubo di plastica. L'erogazione del farmaco, senza distanziatore, può avvenire in modo scorretto.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Cisti smegmatiche
Le cisti smegmatiche sono piccole sacche di grasso sotto la pelle del prepuzio che si risolvono da sole.
Idronefrosi: un difetto al rene trovato nell'ecografia in gravidanza
Idronefrosi nel nascituro: un difetto al rene trovato nell'ecografia eseguita in gravidanza.
Muco nelle feci
La mucorrea (emissione di notevoli quantità di muco nelle feci) può essere segno di problemi intestinali del bambino.
Complesso di Edipo: è morbosamente attaccata al suo papà
Il complesso di Edipo nasce con Freud e identifica il desiderio sessuale nei confronti del genitore di sesso opposto.
Contraccezione durante l'allattamento
La contraccezione durante l'allattamento è necessaria se si desidera evitare una nuova gravidanza a pochi mesi dal parto.

Quiz della settimana

Al vostro bambino di 14 mesi compaiono spesso chiazze rosse sul mento ed agli angoli della bocca ogniqualvolta mangia alimenti contenenti il pomodoro (minestrine, sughi della pastasciutta ecc.), che poi spariscono rapidamente e spontaneamente. Qual è l'ipotesi diagnostica più probabile?
Un'allergia
Una dermatite da contatto
Un'intolleranza
Un'orticaria