ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

Broncospasmo e aereosol

Le dose usuali di derivati del cortisone per via inalatoria non hanno importanti effetti collaterali. E' invece importante sapere fare bene l'aerosol. I consigli del Pediatra.

a cura di: Dott. Bruno Tagliapietra (pediatra)

Ho un bambino di 16 mesi al quale a 9 mesi è stata riscontrata una bronchiolite che si è risolta, ma nonostante tutto il bimbo continua ad ammalarsi e gli viene il broncospasmo. La cura attuale sono aereosol di cortisone e broncodilatatore. Volevo sapere gli effetti collaterali che potrebbe avere con l'uso prolungato di questi farmaci e se vi sono esami particolari per verificare eventuali danni. La guarigione sarà permanente oppure rimarrà per sempre questa fragilità bronchiale?

Gentile Signora, vediamo se riesco a chiarirLe qualche dubbio. Partirei dalla sua ultima domanda: Lei ha usato una parola suggestiva "fragilità bronchiale" e ha centrato il problema. In effetti il punto chiave delle bronchiti "con il fischio" è la tendenza del bronco a chiudersi e infiammarsi (cosa che viene detta labilità bronchiale). Il bronco labile va incontro a ostruzione se viene in qualche modo stimolato, per esempio da virus, infezioni batteriche, allergeni, irritanti non propriamente allergici, aria fredda, corsa, fattori emotivi; a volte è in gioco anche un reflusso di succo gastrico che risale dallo stomaco.

Suo figlio quindi forse ha una labilità bronchiale e la bronchiolite [che, ricordiamo, è l'associazione di una bronchite con l'asma. NdR] avuta a 9 mesi è stata la sua risposta a dei virus particolari. Ora va ancora incontro a episodi di broncospasmo: bisognerebbe vedere se sono in giochi altri fattori. Posso con ragionevole certezza tranquilizzarla sulla terapia con l'aerosol. Le dose usuali di derivati del cortisone per via inalatoria non hanno importanti effetti collaterali (e di questo argomento si è discusso parecchie volte in recenti congressi). Vorrei invece segnalarLe che è in discussione il COME fare l'aerosol.

E' stato dimostrato che se non si usa un apparecchio più che buono (mai ultrasuoni), calcolando quello che resta nell'ampolla, quello che viene perduto mentre il bambino espira, quello che rimane in bocca o nei grossi bronchi, ai polmoni arriva solo il 15% del farmaco. Se il bambino non collabora perfettamente ai polmoni ariva solo il 2% del farmaco. Oggi si preferisce usare gli spray con particolari distanziatori: la terapia è meno difficile, meno noiosa e più efficace.

1/1/1998

4/3/2017

I commenti dei lettori

Quali sono, come vanno usati ed a che età del bambino si possono somministrare gli spray menzionati nell'articolo Broncospasmo e aereosol Cordiali saluti Gabriele

Gabriele (RS) 08/02/2013

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Broncospasmo e aereosol"

Dermatite atopica dall'eta' di tre mesi
La Dermatite Atopica, soprattutto se associata a ripetuti episodi di bronchite asmatica, rappresenta uno dei fattori di rischio per lo sviluppo di asma.
Asma e dermatite atopica
La dermatite atopica è un'affezione infiammatoria della cute che colpisce circa il 10-12% dei bambini di età inferiore ai 7 anni.
Aerosol in un bambino piccolo
La terapia con l'aerosol può essere tranquillamente effettuata, utilizzando un apparecchio di buona qualità fin dai primi mesi di vita.
Tosse secca notturna
La tosse secca notturna può essere un segno di asma o di sinusite.
Asma e raffreddore
Ogni volta che ha il raffreddore gli viene anche l'asma. Come fare per evitarla.
Diario per l'asma
La terapia ed il controllo dell'asma richiedono una attenta valutazione della situazione clinica. E' importante la compilazione di un diario.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Frattura del femore
Mio figlio di 4 anni si è fratturato il femore destro. Ora purtroppo deve portare un rialzo.
Gli esami da eseguire in gravidanza
Per monitorare l'andamento della gravidanza sarà necessario fare alcuni esami, alcuni dei quali a carico del Servizio Sanitario Nazionale.
L'igiene del neonato
L'igiene del neonato comincia subito dopo la nascita in sala parto, con sola acqua e senza detergenti. I consigli per l'igiene a casa.
Allattamento al seno e risvegli notturni: vuole ancora il latte della mamma di notte
A otto mesi si sveglia e prende ancora il latte dalla mamma. Come comportarsi per risolvere il problema.
Anemia
Le cause possono essere congenite, trasmesse cioè con meccanismo ereditario, o acquisite durante il corso della vita.

Quiz della settimana

Quando si è punti da una zecca, quale dei seguenti comportamenti occorre seguire?
Rimuovere la zecca con alcool o acetone
Lasciare la zecca in sede per alcune ore facendola intontire con ammoniaca
Rimuovere la zecca prontamente con una pinzetta
Schiacciare subito la zecca nella sede della morsicatura