ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Esistono rapporti tra l'asma e la dermatite atopica?

La dermatite atopica è un'affezione infiammatoria della cute che colpisce circa il 10-12% dei bambini di età inferiore ai 7 anni e si presenta spesso in soggetti con familiarità allergica.

a cura di: Dott. Renato Sambugaro (allergologo pediatra)

Esistono rapporti tra l'asma e la dermatite atopica? Mia figlia soffre di bronchite asmatica e dermatite atopica dall'età di quattro mesi. Le dermatiti sono curate con creme idratanti, le bronchiti con cortisone e antibiotici. Le IgE sono normali e le sottopopolazioni linfocitarie anche. Quale potrebbe essere la causa di questi disturbi? Esiste un nesso tra le due patologie? Le IgE possono alterarsi in seguito? La bambina ha attualmente 22 mesi.

La dermatite atopica è un'affezione infiammatoria della cute che colpisce circa il 10-12% dei bambini di età inferiore ai 7 anni (nel 60% dei casi inizia entro il primo anno di vita) e si presenta spesso in soggetti con familiarità allergica. Colpisce più frequentemente soggetti di sesso femminile, persiste in oltre il 10% dei casi anche dopo la pubertà e si accompagna ad asma bronchiale in oltre il 20% dei casi. Alcuni autori distinguono una dermatite atopica intrinseca (IAD) da una dermatite atopica estrinseca (EAD) sulla base dell'assenza o della presenza di IgE specifiche. Questo per chiarire che in questa patologia intervengono molti fattori e mediatori dell'allergia e non solamente le IgE. In genere le manifestazioni regrediscono spontaneamente all'età di 2-3 anni, ma in seguito (di solito tra gli 8 e i 12 anni) possono presentarsi nuove lesioni cutanee (dermatite secca lichenificata o dermatite atopica degli adulti).

Bisogna sottolineare che nel 50-80% dei soggetti affetti da dermatite atopica si assiste successivamente, anche dopo molti anni, alla comparsa di rinite allergica, asma bronchiale, orticaria. Per quanto riguarda invece l'asma bronchiale si distingue un asma estrinseco, ad eziopatogenesi (N.d.R.: da causa e meccanismo) allergica ed un asma intrinseco di origine non allergica. Nel primo caso avremo la presenza di IgE specifiche per gli allergeni in causa, nel secondo caso no. Numerosi fattori scatenanti intervengono nel determinismo del quadro clinico come infezioni virali, sostanze chimiche, allergeni. Nei primissimi anni di vita una bronco-ostruzione può anche essere determinata dall'ipersecrezione catarrale e dall'edema delle mucose bronchiali. Molto frequenti nell'infanzia sono le infezioni respiratorie associate a respiro sibilante (WARI = Wheezing Airways Respiratory Infection), quasi sempre di origine virale, in particolare da virus respiratorio sinciziale. Queste affezioni si possono ripresentare periodicamente nello stesso bambino con una sintomatologia che può simulare l'asma bronchiale.

10/7/2001

30/3/2017

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Esistono rapporti tra l'asma e la dermatite atopica?"

Dermatite atopica: da quando va in piscina è peggiorata
La piscina può far peggiorare la dermatite atopica? L'acqua fa bene, ma il cloro può essere irritante.
Le cure termali nella dermatite atopica
Le cure termali sono utili nella dermatite atopica, in quanto migliorano le lesioni della pelle.
Allergia all'alternaria
L'Alternaria è una muffa molto diffusa, che si sviluppa su carta da parati, tappeti, terriccio e foglie di piante ornamentali. Può provocare allergia.
Allergia ai pollini
Con l'avvento della stagione primaverile ha inizio la patologia allergica da pollini.
Reflusso gastro-esofageo e asma
La prevalenza di RGE in pazienti con asma varia dal 30% all’89% e circa il 40% di bambini con reflusso gastro-esofageo avrebbe sintomi simil-asmatici.
Dieta di eliminazione per l'allergia alimentare
La dieta di eliminazione serve nella diagnosi di allergia alimentare per individuare gli alimenti non tollerati.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Ha paura dei tuoni
Mio figlio di due anni ha paura dei tuoni e dei forti rumori. E allora cosa fare con un bimbo pauroso? I consigli dello psicologo.
Rimane attaccata al seno anche un'ora
Ad ogni poppata rimane attaccata al seno anche un'ora. E fa 3 o 4 pasti di notte. Le regole per un buon attacco al seno.
Speciale: Le cause del mal di gola
Il mal di gola si accompagna spesso ai cambiamenti climatici tipici del periodo autunnale. Nella maggior parte dei casi, in età pediatrica è provocato da virus.
Il biscotto nel latte?
E' consigliabile aumentare la quantità di latte piuttosto che mettere il biscotto nel latte. L'introduzione del biscotto è consigliabile dal 4° mese.
La toxoplasmosi in gravidanza: il gatto o il cane in casa danno problemi? Che prevenzione attuare?
La toxoplasmosi può essere presa dal gatto o dal cane? I consigli da seguire durante la gravidanza e la prevenzione da seguire nell'alimentazione.

Quiz della settimana

Quale tra le seguenti è una controindicazione all'allattamento materno?
La miopia
La prematurità
L'infezione da virus HIV (quello che provoca l'AIDS)
L'ittero da latte materno