ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Schede di Pediatria per Famiglie

per la salute del tuo bambino

Dieta di eliminazione per l'allergia alimentare

L'unico modo sicuro per accertare una intolleranza alimentare consiste nel provare a togliere dalla dieta una serie di alimenti potenzialmente non tollerati.

A che cosa serve la dieta di eliminazione

L'unico modo attualmente sicuro per accertare una intolleranza alimentare consiste nel provare a togliere dalla dieta una serie di alimenti potenzialmente non tollerati e vedere se la sintomatologia migliora. In una seconda fase, gli alimenti verranno reintrodotti uno alla volta, per cercare di individuare quello non tollerato. In teoria, qualsiasi alimento potrebbe risultare non tollerato; quindi, la scelta degli alimenti permessi ha un carattere esclusivamente pratico. Se necessario, una ulteriore restrizione della dieta può essere decisa dal medico, in caso di insuccesso.

Raccomandazioni generali

Seguire la dieta prescritta per almeno 3-4 settimane con la massima scrupolosità; se il bambino è affidato alle cure di altri durante la giornata, accertarsi che seguano le raccomandazioni alla lettera; se frequenta la scuola, riportarlo a casa per il pranzo e vietare qualsiasi extra a scuola; evitare qualsiasi tipo di dolce confezionato o fresco; durante la giornata sono consentiti solo gli alimenti riportati nell’elenco che segue.

Alimenti vietati

  • latte e derivati (formaggio, yogurt, panna, burro; gelati, dolci, pane o biscotti contenenti latte) uovo e composti (creme, dolci, biscotti, gelati, pasta all’uovo, impanati)
  • carni di manzo, vitello, pollo, tacchino, maiale (e salumi)
  • pesce, frutti di mare, crostacei
  • minestre già pronte, precotti, preimpanati cavoli, finocchi, rape, zucche, zucchine, pomodoro (anche in salsa), cipolla, aglio, sedano arance, limoni, pompelmi, anguria, melone, banane,
  • succhi e omogeneizzati di frutta frutta secca, cocco
  • biscotti, brioches, merendine, pizze, focacce
  • cacao e composti marmellate, caramelle, gomme masticabili miele
  • margarina o olio di oliva, di semi, di girasole dadi per brodo, spezie

Alimenti permessi

  • latte di soia
  • pasta e pastina non all’uovo e non per l'infanzia
  • semolino di grano
  • riso
  • pane comune, fette biscottate, biscotti d’avena
  • carne di cavallo, agnello, coniglio, castrato, capretto
  • patate, bietole, carciofi, carote, spinaci, lattuga mele o pere sbucciate, ananas fresco (non sciroppato)
  • olio e margarina di mais zucchero (meglio se di canna)
  • tè, orzo sale

Tutto ciò che non è esplicitamente permesso si deve considerare vietato. Anche una sola eccezione può compromettere un mese di sacrifici.

1/8/1997

20/10/2016

I commenti dei lettori

Il mio bambino ha dieci mesi e mia moglie lo lascia gattonare per tutto il tempo in cui resta sveglio, che è quasi sempre, tranne un paio d'ore pomeridiane. Io non sono d'accordo. Credo che lasciare il bambino sempre per terra, tutto il giorno, non sia saggio, per molte ragioni. 1-Il bambino si stanca a correre per tutta la casa, perché il suo corpicino non ha ancora la muscolatura da rambo e poi corre pericoli e si procura graffi vari che potrebbero lasciare il segno come quando si graffiano le croste della varicella. 2-essere incoraggiato ad andare e andare di continuo induce un atteggiamento irrequieto e ansioso nel bambino e rende impossibile la vita dei genitori, che fatalmente finiscono per distrarsi e per lasciare che il bambino si faccia male. 3-credo che il bambino dovrebbe gattonare solo per qualche ora-ben sorvegliato, ma dovrebbe passare le altre ore del giorno sedendo nel passeggino, nel lettino, tra le braccia dei genitori o nel girello e nel seggiolone, perché lui non sa quale sia il suo bene e assecondarlo significa stremare sia lui che noi. Credo anche che stare nel passeggino a dieci mesi sia utile a imparare a camminare e cerdo che dovrebbe indossare le scarpine, 1) perché prevengono il piede piatto 2) perché Lasciarlo con le sole calze a contatto con il pavimento gli procura malesseri e febbre- noi non gradiamo il contatto del pavimento con i piedi vestiti solo delle calze e mia moglie non capisce che il bambino è come noi e che dovrebbe avere i piedini al caldo. Il pavimento è di marmo e il bambino ha sempre mani e piedi e corpicino sulla sua superficie fredda e ciò è per me un disagio, anche perché il bambino è sempre vestito di cotone leggero. Un altro problema è che ha sempre attorno un sacco di giochi di plastica varia e di legno comprati per la sua età, ma sono duri e se non lo sorvegliamo in ogni minuto si fa male cadendoci sopra. Io credo che lasciare il bambino nel box per qualche tempo, con giocattoli solo di gomma morbida e di peluche, sia meglio che farlo strisciare tutto il giorno come invertebrato alienato e credo anche che i bambini non siano lombrichi e che perciò non debbano passare la prima infanzia tutta da vermiciattoli striscianti, anche perché, se vanno avanti così, non sono neanche motivati verso la postura eretta e non imparano a camminare.Il mio bambino è in moto perpetuo e non riesce a fermarsi più di un minuto neppure tra le mie braccia e quelle della madre, divorato letteralmente dall'ansia di andare e andare non sa dove. Corre su mani e ginocchia per tutta la casa, è sempre sul pavimento e solo raramente sul tappeto. Vorrei vederlo fermo e sereno ogni tanto e a lungo e credo che forse dovremmo abituarlo a stare seduto e buono e calmo, se non vogliamo farne un esagitato a vita, perché le attitudini incoraggiate in tenera età lasciano il segno. Se chi mi legge vuole dire la sua mi fa un piacere, perché il confronto è buona cosa. saluto. Dark

dark rainbow (MB) 11/01/2013

Mi ciao dark. Forse sei un po ansioso. Cmq se acquistate un recinto in legno con i quadrotti in gomma avrete il giusto compromesso, inoltre va bene senza scarpe informati sul sito.

regina (NA) 11/06/2013

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Dieta di eliminazione per l'allergia alimentare"

Asma e dermatite atopica
La dermatite atopica è un'affezione infiammatoria della cute che colpisce circa il 10-12% dei bambini di età inferiore ai 7 anni.
Ha predisposzione allergica
E' opportuno posticipare l'introduzione dei latticini?
Allergia alle muffe
Che cosa sono le muffe, dove si trovano e come comportarsi quando si è allergici alle muffe.
Allergia ai pollini
Graminacee, parietaria, composite, olivo, betulla, pioppo sono i principali responsabili di allergia ai pollini.
Dermatite atopica o dermatite seborroica?
La dermatite atopica è una malattia della pelle tipo eczema. La dermatite seborroica comporta un eccesso di sebo.
La faccia dell'allergico
Si puo' riconoscere dai lineamenti una bambina allergica? Uno dei segni più evidenti è rappresentato dall'"occhio pesto allergico".
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Giocare a calcio a sei anni
Ci hanno sconsigliato di far giocare a calcio nostro figlio di 6 anni a causa della facilità con cui possono formarsi dei microtraumi alle ossa.
Nonni o baby-sitter?
Quando riprenderò il lavoro, sarà meglio affidare il mio bambino ai nonni o alla baby-sitter? Il consiglio della psicologa.
Omogeneizzati o liofilizzati?
Omogeneizzati e liofilizzati hanno le stesse caratteristiche nutrizionali. Nelle prime fasi dello svezzamento vengono spesso preferiti i liofilizzati.
Campagna nazionale di educazione nutrizionale
Mangiar bene conviene per investire in salute.
Certificato di nascita e altri documenti dopo il parto
Appena nato e già alle prese con la burocrazia: certificato di nascita e altri documenti dopo il parto.

Quiz della settimana

I lattanti che assumono latte materno hanno un minor rischio di contrarre:
Otiti
Gastroenteriti
Polmoniti
Tutte le risposte sono esatte