ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Il distanziatore per gli spray da respirare

Il distanziatore è un banale tubo di plastica. Ha la funzione di ottimizzare la somministrazione di farmaci spray.

a cura di: Dott. Alfredo Boccaccino (allergologo)

Si legge spesso dell'uso del distanziatore in caso di somministrazione di farmaci spray (cortisonici per varie forme di tosse, allergie ecc.) ma esattamente, qual'è la funzione del distanziatore? È un "banale" tubo di plastica che viene fatto pagare parecchi euro? Posso ottenere il medesimo scopo utilizzando una bottiglietta di plastica?

Il distanziatore ha la funzione di ottimizzare la somministrazione di farmaci spray. L'erogazione del farmaco, senza distanziatore, può avvenire in modo scorretto se il paziente non è capace di coordinare bene il respiro come capita nel bambino. L'uso di un oggetto capace di creare uno spazio aereo confinato, posto tra l'erogatore spray e la bocca del paziente, elimina, oltre alla necessità di coordinamento in ed espiratorio, anche il violento impatto che le particelle erogate avrebbero con le strutture buccali, depositandovi.

Tali inconvenienti (velocità d'impatto delle particelle e incoordinazione respiratoria) potrebbero essere evitati anche con l'uso di un tubo di plastica o di una bottiglia di plastica con un buco sul fondo, atto a porvi lo spray. È chiaro che i distanziatori in commercio hanno il vantaggio, essendo provvisti di apparati valvolari, di consentire la somministrazione del farmaco con la massima sicurezza, indipendentemente dall'età del bambino. Infatti tali distanziatori possono essere usati anche in bimbi con età inferiori ad un anno. L'uso di un sistema artigianale ed economico può essere utile solo in caso di bambini grandi e con discreta capacità di coordinare il respiro e di collaborare (sopra i cinque anni).

15/5/2003

11/2/2017

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Il distanziatore per gli spray da respirare"

Aerosol in un bambino piccolo
La terapia con l'aerosol può essere tranquillamente effettuata, utilizzando un apparecchio di buona qualità fin dai primi mesi di vita.
Il distanziatore
E' vero che il distanziatore non è adatto ai bambini al di sotto dei quattro anni?
La tosse
Non presenta alcun sintomo di raffreddore, ma quando dorme, fa due e tre colpi di tosse. Quale può essere la causa?
Come si fa l'aerosol nei bambini
L'aerosol nei bambini: cosa fare per eseguire in modo corretto un aerosol nei bambini.
Quale apparecchio per aerosol è meglio usare con il beclometasone?
Per alcuni farmaci, fra cui il beclometasone, è meglio usare apparecchi tradizionali e non ad ultrasuoni.
Quale apparecchio per l'aerosol?
Gli apparecchi per aerosol (nebulizzatori) sono molto usati nella terapia dell'asma e nei pazienti affetti da infezioni delle vie respiratorie.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Dopo il parto
Dopo il parto che cosa succede al corpo della mamma? Il brusco cambiamento avvenuto con il parto porta l'organismo ad una serie di modificazioni.
Posizione nel sonno e morte improvvisa del lattante
Statisticamente la SIDS (morte improvvisa del lattante) capita più spesso in chi ha una posizione nel sonno sbagliata.
Trauma cranico: cosa fare quando un bambino sbatte la testa
Come gestire il trauma cranico. Non è sempre necessario portarlo in ospedale.
Non vuole stare con suo papà
Mia figlia di 13 mesi vuole stare sempre con me e non con il suo papà. I consigli dello psicologo.
Punti neri sulla fronte
La terapia da seguire per l'eliminazione dei punti neri sulla fronte.

Quiz della settimana

A che cosa serve la vitamina C?
Ha un'azione anti-ossidante
Favorisce l'assorbimento del ferro
Serve per produrre una sostanza chiamata collagene
Tutte le risposte sono esatte