ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Vulvovaginite

La vulvovaginite è il problema ginecologico più frequente dell'infanzia. L'irritazione vulvovaginale deriva dalla mancanza dei cuscinetti adiposi labiali e dei peli pubici che proteggono i genitali.

a cura di: Dott.ssa Tiziana Candusso (pediatra)

Negli ultimi giorni abbiamo riscontrato delle perdite vaginali nella nostra bambina di 7 anni. La prima volta abbiamo trovato gli slip sporchi di muco un po' scuro (forse sangue). Il giorno successivo abbiamo riscontrato una diminuzione fino a asaurimento del fenomeno. Abbiamo consultato il nostro pediatra che ci ha detto solamente di tenere sotto controllo la situazione (!!!) senza visitare nemmeno la bimba. La piccola ogni tanto (quest'anno due volte) si sveglia di notte con dolori addominali che non hanno trovato spiegazione (esame delle urine senza esito particolare). Le perdite e i dolori non hanno avuto collegamento temporale. Può esserci collegamento tra i due eventi e cosa può causare una perdita vaginale in una bimba così piccola?

La vulvovaginite è il problema ginecologico più frequente dell'infanzia e dell'adolescenza. L'irritazione vulvovaginale deriva dalla mancanza dei cuscinetti adiposi labiali e dei peli pubici che proteggoni i genitali esterni. Le piccole labbra tendono ad allargarsi quando la bambina si accovaccia e ciò provoca l'esposizione dei tessuti delicati dell'anello imenale; inoltre, la vicinanza dell'orifizio anale alla vagina permette il trasferimento di batteri fecali all'area vulvo-vaginale. Nella paziente pediatrica la secrezione vaginale è il sintomo comunemente presente. I segni e i sintomi associati possono essere il prurito, la pollachiuria (urinare frequentemente), la disuria (dolore a urinare), l'enuresi (perdita involontaria di urina), l'eritema (arrossamento) vulvare.

Si dovrebbero esaminare il colore, l'odore e la durata delle secrezioni. Sebbene vi siano diverse cause di vulvovaginite pediatrica, le più comuni sono: la vulvovaginite aspecifica (da scarsa igiene perineale) la vulvovaginite specifica (da micosi e batteri) la vulvovaginite da corpo estraneo VULVOVAGINITE ASPECIFICA Spesso è dovuta a scarsa igiene perineale, la secrezione caratteristica è marrone o verde, è estremamente maleodorante, nel 68% dei casi riportati è associata ai batteri coliformi secondari a contaminazione fecale; altri batteri comunemente riscontrati sono lo streptococco beta emolitico e lo staphilococco, trasmessi attraverso le mani dal rinofaringe. Vestiti, prodotti chimici, cosmetici, saponi e detergenti impiegati per la toilette possono provocare la vulvovaginite aspecifica, anche capi di vestiario attillati come i jeans, calzamaglie, abiti stretti, mutandine elastiche e pannolini rivestiti di materiale plastico.

VULVOVAGINITE SPECIFICA Su base infettiva, è legata ad agenti infettanti tipici: la gardnerella vaginalis è l'organismo più frequente nelle colture della paziente pediatrica, seguito dalla candida albicans e dal trichomonas. CORPI ESTRANEI Sono talvolta i responsabili dei sanguinamenti vaginali. La possibilità del corpo estraneo dovrebbe essere suggerita dalla presenza di secrezioni maleodoranti e di sanguinamento vaginale. I batuffoli di carta igienica sono il corpo estraneo più frequentemente riscontrato. Nel 18% delle bambine preadolescenti con sanguinamento vaginale, con o senza secrezione, e nel 50% di quelle con sanguinamento senza secrezione è stato riscontrato un corpo estraneo. Per questo motivo, una visita ginecologica pediatrica è assolutamente raccomandata.

Per completezza, ricordiamo che soprattutto la vulvite può essere manifestazione locale di dermatite seborroica, di dermatite atopica (allergica), di dermatite da contatto, di psoriasi, di infestazione da ossiuri (vedi), che provocano vulvovaginite nel 20% dei casi. La terapia della vulvovaginite include suggerimenti per l'igiene perineale, raccomandando di non indossare indumenti stretti, di non usare detergenti irritanti, di abituarsi a lavaggi frequenti con saponi neutri, di pulirsi del materiale fecale tenendolo lontano dall'area vaginale. Le vulvovaginiti ricorrenti vanno trattate con antibiotici o antimicotici sistemici dopo aver individuato l'agente responsabile mediante tampone vulvare o vulvovaginale.

1/1/1998

8/9/2017

I commenti dei lettori

Bisognerebbe anche sapere se la piccola è solita masturbarsi spesso: la causa potrebbe anche essere quella.

Aldo Carli (PV) 27/01/2013

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Vulvovaginite"

Perdite vaginali in gravidanza
Un aumento delle secrezioni vaginali è abbastanza comune durante la gravidanza. Probabilmente si tratta di normale leucorrea.
Perdite vaginali
Quali possono essere le cause delle perdite vaginali in una bambina di cinque anni? I consigli del pediatra.
Perdite vaginali in età pediatrica
Le perdite vaginali in età pediatrica sono attribuibili a flogosi, di varia entità, a carico della vulva e della vagina.
Candida
La Candida albicans è un fungo che si trova normalmente sulla pelle ma che può dare problemi.
Arrossamenti ai genitali nelle bambine
L'irritazione vulvovaginale rappresenta il problema ginecologico più comune dell'infanzia e dell'adolescenza.
Perdite vaginali in gravidanza
Perdite vaginali in gravidanza (leucorrea) sono molto frequenti, soprattutto nel primo trimestre.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Allattamento al seno: quali vantaggi?
L'allattamento al seno rappresenta in assoluto il miglior tipo di alimentazione per il bambino nei suoi primi mesi di vita.
I disturbi del sonno nei neonati e nei bambini
Disturbi del sonno nei neonati: si svegliano parecchie volte di notte. Come facilitare il sonno nei bambini: i consigli del Pediatra.
Sindrome di West
La sindrome di West è una malattia epilettica con esordio nel 1° anno di vita, caratterizzata dalla presenza di spasmi epilettici.
Allattamento artificiale: come faccio a fargli accettare il biberon?
Consigli per far accettare il biberon in corso di allattamento artificiale.
Incompatibilità da RH in gravidanza
L'identificazione del gruppo sanguigno e del fattore Rh deve essere sempre fatta all'inizio della gravidanza per tutelare la salute fetale.

Quiz della settimana

Che cosa significa la parola astenia?
Essere privo di forza
Altezza al di sotto della media
Carenza di vitamine
Sonnolenza